Sainz prova il sedile Ferrari, Binotto svela il nome SF21
Formula 1

Per Ferrari è già 2021: Sainz alla prova-sedile, Binotto svela il nome della macchina


Avatar di Salvo Sardina , il 19/12/20

11 mesi fa - La Ferrari è già proiettata verso il nuovo anno: la macchina si chiamerà SF21

In Ferrari si pensa già al prossimo campionato all'insegna del basso profilo: Sainz a Maranello per il day-1, Binotto parla di denominazione e obiettivi

VERSO IL 2021 Neanche il tempo di mandare in archivio l’ultimo giorno di scuola della stagione 2020 che è già il momento di pensare al 2021. Ad anticipare i piani, in un off-season che più breve non si può, è stata ieri la Ferrari, radunata a Maranello per il consueto incontro natalizio con la stampa. Una cena preceduta dalle prime attività in rosso per Carlos Sainz: il madrileno ha infatti indossato la tuta del Cavallino per effettuare la prova sedile, attività propedeutica in preparazione del debutto in pista del prossimo gennaio a Fiorano al volante della SF71H, la monoposto che lottò per il titolo mondiale con Sebastian Vettel nella stagione 2018.

F1 2020, Carlos Sainz a Maranello per la prova sedile della Ferrari F1 2020, Carlos Sainz a Maranello per la prova sedile della Ferrari

LA DENOMINAZIONE Oltre alle foto di rito del primo giorno a Maranello per Carlitos e al solito scatto, in cui ovviamente compaiono anche Charles Leclerc e il team principal Mattia Binotto, davanti all’albero di Natale per gli auguri ai tifosi, nella serata di ieri la Ferrari ha anche ufficializzato il nome della prossima monoposto. E, come prevedibile, anche se in realtà la macchina avrà (a partire dal telaio) tantissime componenti in comune con la disgraziata SF1000 del 2020, il taglio con il recente passato è netto e ha quasi il gusto della liberazione: archiviata così la festa per i 1000 Gp in F1, il Cavallino fa un passo indietro e ritorna alla numerazione “classica” con le iniziali del team a precedere i numeri che identificano l’anno in corso.

VEDI ANCHE



APPROFONDIMENTO: Tutti i nomi delle Ferrari di Formula 1

LA NUOVA SF21 si chiamerà dunque semplicemente SF21 la nuova Ferrari, quasi a strizzare l’occhio a una denominazione utilizzata nei primi anni dell’era ibrida e poi abbandonata nel 2017, con l’arrivo delle nuove monoposto con la carreggiata larga, di quella SF70H e della successiva SF71H che tanto bene sembravano promettere nella lotta contro le dominanti Mercedes. Un ritorno al passato che abbandona nomi complessi e altisonanti, che non celebra – com’era stato con la SF90 del 2019 e la SF1000 di quest’anno – alcun anniversario. Tutto indirizzato a una saggia tattica di basso profilo, probabilmente utile a tenere sotto controllo la pressione atmosferica in vista della sfida del 2022. E la conferma è anche nella scelta di data e location per la presentazione: non Maranello, non Fiorano né Reggio Emilia, ma Barcellona poco prima del via dei tre giorni di test precampionato.

F1 GP Eifel 2020, Nurburgring: Mattia Binotto (Scuderia Ferrari) F1 GP Eifel 2020, Nurburgring: Mattia Binotto (Scuderia Ferrari)

BASSO PROFILO Il nuovo motore sarà anche molto promettente nei primi riscontri al banco prova, ma è pur sempre vero che la macchina di quest’anno aveva problemi che, dato il congelamento del telaio per contenere i costi dopo l’emergenza Covid, non potranno essere del tutto risolti. Per questo, nelle prime parole della nuova stagione, Mattia Binotto tiene basse le aspettative pur ammettendo che il sesto posto tra i costruttori – peggior risultato della storia recente della Scuderia di Maranello – non può che essere migliorato. Obiettivo? “Tornare a essere terza forza del mondiale”, spiega il team principal, con Carlos e Charles che almeno a inizio stagione partiranno con la possibilità di giocarsi alla pari le proprie carte. Rilanciarsi senza troppe aspettative in vista del 2022. Parafrasando un celebre meme di internet: “Non è molto, ma è un lavoro onesto”.


Pubblicato da Salvo Sardina, 19/12/2020
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox