Pubblicato il 29/05/20

FUTURO GARANTITO La F1 non perderà uno dei principali marchi automobilistici attualmente impegnati nel campionato. Nonostante i recenti piani annunciati per tagliare i costi di 2 miliardi di euro nei prossimi tre anni, e che porteranno anche al taglio di ben 15.000 posti di lavorola Renault ha confermato di voler mantenere la propria scuderia di Formula 1.

BUDGET CAP DECISIVO La conferma è arrivata per bocca del CEO del gruppo automobilistico francese, Clotilde Delbos: ''Confermiamo che intendiamo rimanere in F1'' ha dichiarato nel corso di una teleconferenza tenutasi questa mattina. Decisivi per la permanenza della Renault sono stati i nuovi regolamenti approvati nei giorni scorsi da F1 e FIA e che definiscono un budget cap di 145 milioni di dollari per la stagioni 2021 che andrà poi via via a scendere negli anni successivi. La Delbos ha aggiunto: ''I nuovi regolamenti e il nuovo tetto in termini di investimenti, perché abbiamo avuto meno investimenti di alcuni dei nostri concorrenti che stanno spendendo molti soldi, ci permettono di dire che siamo qui e che resteremo in F1''.

Clotilde Delbos, Renault Group

SI TORNA A PARLARE DI MERCATO PILOTI Sospiro di sollievo dunque sia per i vertici della F1 sia per gli uomini del team guidato da Cyril Abiteboul. La Renault, dopo aver perso Daniel Ricciardo per il 2021, è al centro di numerose voci di mercato che riguardano in particolare Fernando Alonso e Valtteri Bottas, entrambi candidati a diventare compagni di squadra di Esteban Ocon a partire dalla prossima stagione. Più flebile la possibilità che ad approdare nella scuderia con base ad Enstone sia Sebastian Vettel.


TAGS: renault f1 Budget cap