Pubblicato il 03/06/20

RUGGINE DA TOGLIERE La stagione 2020 di F1 scatterà a inizio luglio, quattro mesi dopo l'inizio previsto in Australia a marzo, a causa della pandemia di coronavirus. Per i piloti, che non salgono a bordo di una monoposto dai test invernali di Barcellona conclusisi il 28 febbraio, il primo appuntamento in Austria nasconderà nuove insidie dovute allo stop forzato dalle competizioni. Lando Norris, che in questi mesi è stato grande protagonista delle gare online nonché vittima incolpevole di uno degli episodi più controversi, ha spiegato come si sta preparando per il ritorno alle gare reali.

TRE SOLUZIONI Il pilota della McLaren ha dichiarato di avere in programma dei test in pista con una vettura di F3: ''Sarà molto importante fare il più possibile in termini di ritorno alla normalità, di come ci prepariamo per le gare - ha spiegato Norris a The Race - La più importante è assicurarsi di aver guidato una vettura prima di andare in Austria. Probabilmente non saremo in grado di guidare una macchina di F1, che è su un altro livello rispetto a qualsiasi altra cosa. Proverò una F3. Ho un po' di attività sui kart in arrivo nelle prossime due settimane e ho molti giorni sul simulatore in arrivo. Quindi ci sono tre cose che possiamo davvero fare: guidare al simulatore, fare un po' di kart e testare una F3, che non è sempre la cosa più semplice da fare. Siamo fortunati che abbiano riaperto le piste e che possiamo tornare a guidare, ma questo è tutto''.

F1 Test Barcellona 2020: Lando Norris al volante della McLaren MCL35

STRESS DA RIENTRO Norris ha poi spiegato la sfida rappresentata dal tornare al volante di una monoposto dalle prestazioni così estreme come quelle di una F1: ''È difficile tornare alla mentalità di come si guida un'auto di F1. È così anormale per gli umani saltare in una macchina che genera una quantità X di forza G e una X di velocità in rettilineo. Mentalmente è stressante. Non è facile saltare dal nulla e tornare indietro, ma sono sicuro che molti di noi saranno in grado di tornare alla velocità in maniera relativamente rapida''.


TAGS: norris f1 sim racing