Autore:
Simone Dellisanti

CHE DIAMINE! "Non sembrano esserci soluzioni per impedire a questi motori Honda di rompersi!". Probabilmente è questo che i tecnici della McLaren hanno pensato quando Stoffel Vandoorne ha riportato ai box la sua monoposto MCL32, dopo aver reclamato una perdita di potenza al propulsore.

SCOPERTA LA MAGAGNA Una volta messo a nudo il motore, i tecnici hanno scoperto l’ennesimo cedimento del turbo compressore giapponese. Di conseguenza è stato necessario sostituire l’intera unità motrice e le sue parti ibride.

5 MOTORI IN 4 GARE Ancor prima delle qualifiche, Stoffel Vandoorne, utilizzerà la quinta unità motrice, uno in più rispetto al numero massimo consentito dal regolamento prima di incorrere nelle 15 posizioni di penalità, sulla griglia di partenza, nel prossimo Gran Premio di Russia.


TAGS: mclaren f1 2017 mclaren mcl32 fernando alonso 2017 stoffel vandoorne 2017 gp russia f1 2017 gran premio russia