Pubblicato il 28/04/20

SEMPRE PRESENTE In questi primi mesi di pandemia globale generata dal Coronavirus Covid-19, nel nostro paese l'argomento GP d'Italia di Formula 1 è stato (giustamente) lasciato ai margini di ogni discussione. La speranza recondita è che, in attesa di tempi migliori, lo si possa tenere lì nella tradizionale collocazione di inizio settembre, e che per quel tempo il grosso dei problemi possa essere alle spalle. Ora però, iniziano a circolare nel paddock virtuale di giornali e siti web voci di un calendario 2020 privo della gara più iconica, che si è sempre svolta con regolarità sin dal 1950 sulla pista brianzola, salvo in un'occasione, nel 1980, quando fu sostituita da Imola. Il Gran Premio d'Italia, in ogni caso, è l'unico sempre presente nel Mondiale, e se dovesse saltare sarebbe una pagina, triste, di storia.

F1 GP Italia 2019, Monza, Charles Leclerc (Ferrari) festeggia sul podio di Monza

RIPIDA SALITA Mettendo insieme i pezzi di puzzle ci rendiamo conto però, che questa versione della storia è quantomeno plausibile. Monza a porte chiuse non sarebbe Monza, la sua forza è il suo pubblico. L'impegno economico gravoso per organizzare l'evento potrebbe non essere una delle priorità del governo, impegnato su ben altri fronti in questi giorni. Infine la gara si dovrebbe svolgere in quello che è il territorio in Europa più colpito dal virus. A meno di una pronta discesa dei contagi e di un avvio a soluzione della crisi nei prossimi mesi, la strada per l'organizzazione del Gran Premio d'Italia è in ripidissima salita. Stesso destino di Monza sarebbe riservato a un altro GP iconico, quello del Belgio a Spa Francorchamps, con il governo che ha già vietato lo svolgimento di manifestazioni sportive fino a fine agosto in tutto il Paese, e al rientrante GP d'Olanda a Zandvoort, che nessuno s'immagina senza la barriera arancione di pubblico a fare da cornice.

Zandvoort, i lavori al banking della curva 14

DOPPIA PARTENZA A questo si aggiunge oggi la bozza di calendario pubblicata dalla Bild, che riprende in parte quanto anticipato da Helmuth Marko nei giorni scorsi, ovvero un via con due doppie gare a porte chiuse in Austria e in Gran Bretagna, poi ancora il GP di Ungheria ad agosto, anch'esso con una doppia gara ma un GP alla domenica e uno al martedì successivo (!), prima di spostarsi in Eurasia con Azerbiajan, Singapore e Russia, in Asia in Cina e Giappone, poi in America con Austin, Messico e Interlagos, e infine di nuovo Asia (Vietnam) e Medio Oriente  (Bahrain e Abu Dhabi). Per la prima volta nella storia sarebbe presente un poker di gare consecutive, dal 20 settembre a Singapore all'11 ottobre in Giappone. Di seguito calendario e date complete ipotizzate dalla rivista tedesca.

Ipotesi di Calendario di Formula 1 2020 (Bild)
5 luglio GP d'Austria I Spielberg
12 luglio GP d'Austria II Spielberg
26 luglio GP di Gran Bretagna I Silverstone
2 agosto GP di Gran Bretagna II Silverstone
16 agosto GP d'Ungheria I Hungaroring
18 agosto GP d'Ungheria II Hungaroring
6 settembre GP d'Azerbaijan Baku
20 settembre GP di Singapore Marina Bay
27 settembre GP di Russia Sochi
4 ottobre GP di Cina Shanghai
11 ottobre GP del Giappone Suzuka
25 ottobre GP delle Americhe Austin
1 novembre GP del Messico Città del Messico
8 novembre GP del Brasile Interlagos
22 novembre GP del Vietnam Hanoi
6 dicembre GP del Bahrain Sakhir
13 dicembre GP di Abu Dhabi Yas Marina

Clicca qui per il calendario ufficiale di Formula 1 2020

Clicca qui per tutti i GP cancellati o rinviati a causa del Covid-19


TAGS: monza formula 1 f1 2020 Formula 1 2020 Calendario F1 2020 GP Italia 2020 Clendario Formula 1