RITIRO IN BRASILE In casa Mercedes si sta valutando l'entità del danno riportato da Valtteri Bottas al motore della sua monoposto nel corso dell'ultimo Gran Premio del Brasile, per capire se sia necessario cambiare la Power Unit in vista dell'ultimo appuntamento iridato ad Abu Dhabi. A Interlagos il pilota finlandese aveva dovuto abbandonare la gara a 20 giri dalla fine, parcheggiando la sua auto all'interno della curva 4, al termine della Reta Oposta.

PERDITA D'OLIO "Abbiamo una serie di questioni da risolvere sul motore di Valtteri" - ha spiegato Andrew Shovlin, rsponsabile dei motori Mercedes - "Prima ancora che si vedesse il fumo nelle TV, stavamo monitorando il livello di olio e potevamo vedere che stava perdendo pressione a un ritmo relativamente lento, e che pensavamo potesse portarlo a concludere in ogni caso la gara. Quando però si è iniziato a vedere il fumo, la velocità con cui l'olio scendeva è aumentata e l'auto si è spenta da sola."

POSSIBILE PENALITÀ "Questo è accaduto perché è subentrato un meccanismo di protezione della Power Unit, che ha visto la bassa pressione dell'olio e si è spenta per evitare ulteriori danni. Quel motore è stato spedito subito a Brixworth, nel Regno Unito, e stiamo facendo una valutazione dei danni, in modo da capire se dovremmo cambiarlo e dunque incorrere in una penalità, o meno, ad Abu Dhabi." Una curiosità: se Mercedes dovesse cambiare la Power Unit per l'ultima gara, l'unico team ad aver rispettato il limite di tre motori in tutta la stagione senza incorrere in una penalità, resterebbe la Haas.


TAGS: mercedes formula 1 valtteri bottas interlagos f1 2019 GP Brasile 2019 GP Abu Dhabi 2019 Andrew Showlin