Riscattarsi dopo Imola: gli aggiornamenti Ferrari per la F1-75
F1 2022

La Ferrari pronta a rispondere alla Red Bull: ecco gli aggiornamenti in arrivo sulla F1-75


Avatar di Luca Manacorda , il 28/04/22

1 mese fa - La Ferrari è pronta a portare in pista i primi aggiornamenti

Dopo la Red Bull, anche la Ferrari è pronta a portare in pista i primi aggiornamenti sulla monoposto 2022

PRIMA DELUSIONE Il weekend di Imola è beffardamente coinciso con il primo brusco stop nella cavalcata della Ferrari in questo inizio di stagione. Le condizioni meteo particolari, gli errori dei piloti e una Red Bull apparsa molto competitiva dopo il primo importante pacchetto di aggiornamenti - che tra le altre cose ha permesso alla RB18 di ''dimagrire'' di parecchi chili - hanno giocato contro il Cavallino Rampante. Parte del grande vantaggio nelle classifiche iridate è così svanito, con Max Verstappen che si è portato a -27 da Charles Leclerc e soprattutto la scuderia austriaca arrivata a soli 11 punti di distacco nel Mondiale Costruttori. Mai come quest'anno, il primo del nuovo regolamento tecnico che ha completamente stravolto le vetture, un ruolo importante nell'andamento della stagione lo giocheranno gli aggiornamenti. A Maranello hanno voluto aspettare un po' di più, ragionando anche sui margini di manovra diminuiti per via del budget cap e sfruttando il fatto di avere tra le mani la miglior vettura vista nei primi gran premi, ma ora è giunto il momento di reagire alle mosse dei rivali.

F1 GP Emilia-Romagna 2022, Imola: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) F1 GP Emilia-Romagna 2022, Imola: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari)

VEDI ANCHE



ARRIVANO I RINFORZI Le novità per la F1-75 sono state confermate dal team principal Mattia Binotto subito dopo la bandiera a scacchi del GP Emilia Romagna, indicando alcuni aggiornamenti specifici per la prossima gara di Miami e poi un sostanzioso pacchetto di sviluppi per il successivo appuntamento di Barcellona. In Florida, attesissimo nuovo appuntamento del calendario della F1, piloti e team sono attesi da un circuito molto particolare: nonostante sia un cittadino, sono previste velocità di punta di 320 km/h in due tratti di pista e il tracciato richiederà un basso carico aerodinamico. Per questo, la Ferrari porterà una nuova ala posteriore definita ''più efficiente'' da Binotto e un pacchetto aerodinamico specifico per le caratteristiche del circuito di Miami. Per questo appuntamento inedito, il team di Maranello spera poi di sfruttare la capacità di realizzare un buon assetto ancor prima di mettere la vettura in pista: una caratteristica ben evidenziatisi nei primi gran premi dell'anno, con le monoposto di Leclerc e Carlos Sainz sempre rapide e ben bilanciate fin dalla prima sessione di prove libere del venerdì.

RIVOLUZIONE SPAGNOLA Come detto, il pacchetto di aggiornamenti più sostanzioso è previsto per il GP Spagna in programma due settimane dopo. Sul Circuit de Catalunya, pista su cui le attuali vetture hanno esordito nei test dello scorso febbraio, esordiranno le novità tecniche sviluppate in queste settimane per correggere gli errori emersi e per migliorare i particolari che nella loro prima versione non hanno dato le risposte attese. Un'attenzione particolare sarà rivolta al contrasto del porpoising, il saltellamento che sta facendo impazzire un po' tutti in questa fase di esordio delle vetture a effetto suolo e di cui anche la Ferrari, nonostante gli eccellenti risultati, soffre parecchio. ''È un problema che ci fa perdere prestazione'' ha detto a riguardo Binotto, desideroso di confermare la ritrovata leadership tecnica e prestazionale del Cavallino Rampante.


Pubblicato da Luca Manacorda, 28/04/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox