Autore:
Lorenzo Centenari

CARA VACANZA Maxi esodo alle porte, prezzi alla pompa alle stelle. O quasi. Una tiritera puntuale come un orologio svizzero accompagnerà in vacanza gli automoblisti italiani anche quest'estate. Legato o meno alle quotazioni dei prodotti petroloferi, il rialzo dei prezzi dei carburanti è un fenomeno antipatico, tuttavia meno drammatico, quest'anno, rispetto ad alcune stagioni passate. Oggi venerdì 4 luglio, ad esempio, nessun rincaro.

QUI BENZINA Vediamo più in dettaglio cosa ci aspetta al momento di ruotare il tappo del bocchettone della nostra auto. Alla vigilia del primo weekend di agosto, in modalità self la benzina verde costa in media 1,497 euro al litro. Significa che in una settimana l'indice è cresciuto di 8 punti base (1,489 euro), cioè dello 0,54%. Ma in un mese, il rialzo è stato di 16 millesimi (1,481 euro al 4 luglio). Un passo indietro all'estate 2016: 1,430 euro, vale a dire quasi 6 centesimi di meno. Un anno esatto fa, il pieno risultava anche di 3-4 euro più leggero. Pazienza.

QUI GASOLIO Sponda diesel: rincari in proporzione anche più elevati, visto che dagli 1,331 euro registrati di media il 28 luglio, oggi siamo a quota 1,345 euro (+1,05%). Il gasolio costava 1,323 euro il 4 luglio 2017 e la pochezza di 1,283 euro il 4 agosto 2016. Sigh.

QUI GAS Il broncio lo mette su anche chi viaggia a GPL. Un litro di propano & butano viene oggi 0,613 euro, mentre una settimana fa 0,605 euro (per una ritoccata dell'1,32%) e un mese fa 0,610 euro. Ma 365 giorni or sono, bastavano 0,559 euro. Solo i fan del metano possono sorridere, sebbene a dentri stretti (non si sa mai). Il costo al kilogrammo è identico a 7 giorni fa, 0,974 euro. Per una performance che migliora sia il dato di inizio luglio (0,975 euro), sia quello di agosto 2016 (0,991 euro). Come sempre, il metano ti dà una mano. Una manina.

 


TAGS: gasolio benzina carburanti auto GPL auto metano vacanze estive caro benzina stazione di rifornimento