Autore:
Marco Congiu
PUNTI GRIGI FCA potrebbe essere presto chiamata davanti a un giudice USA, secondo le prime indiscrezioni fornite da Bloomberg. Il tutto è da ricondursi a quanto avvenuto lo scorso gennaio, con l'EPA - Environmental Protection Agency - che aveva notificato al gruppo automobilistico delle possibili violazioni del Clean Air Act a seguito di presunti defeat devices installati su Jeep Grand Cherokee e Dodge Ram 1500, le quali montano motori Diesel da 3.0 litri.
 
POCHI CHIARIMENTI L'EPA, a gennaio, aveva già chiesto chiarimenti a FCA, sentendosi rispondere che sui turbodiesel da 3.0 litri installati su Grand Cherokee e Ram 1500 era installato non un defeat device ma un software necessario a proteggere il motore, garantendo comunque la massi a collaborazione nelle indagini.
 
POSSIBILE MULTA? Sono 104.000 i mezzi coinvolti nell'analisi dell'EPA. La possibile multa massima per ogni veicoli è stimata in 44.539 dollari, per un totale di 4,63 miliardi. Si tratta, giusto precisarlo, di stime empiriche che prospettano lo scenario peggiore al quale FCA potrebbe andare incontro.
 
FCA SI DIFENDE In una nota ufficiale, Fiat Chrysler Automobiles precisa con fermezza la propria posizione «Se ci sarà un processo, FCA si difenderà con vigore, soprattutto contro le accuse di aver istallato deliberatamente software per manipolare le emissioni».

TAGS: diesel jeep usa emissioni fca