Autore:
Emanuele Colombo

NESSUNO LO COMPRA La scelta sembra definitiva: Bmw ha intenzione di togliere il cambio manuale dal listino delle prossime M5 e M6, lasciando la sola opzione del cambio  “doppia frizione” a 7 marce DKG. Il motivo è che la domanda non giustifica l'investimento, visto che sono diventati pochissimi i clienti a preferire il manuale nei modelli premium. D'altra parte, adeguare una trasmissione manuale alla coppia dei bolidi tedeschi richiede un'accurata progettazione e una ricalibrazione dell'elettronica di controllo del motore per prevenire rotture. L'opzione rimarrà disponibile a listino, invece, per le meno potenti M2, M3 e M4.

ANCHE PER LA PISTA Quanto vale il cambio manuale sul mercato? UNRAE, da cui proviene la maggior parte delle statistiche sul settore auto in Italia, non fornisce dati aggiornati. È un fatto, però, che in genere, sul mercato dell'usato, le sportive con cambio manuale tengono il valore meglio delle automatiche. Di recente, tuttavia, anche ai track day cominciano a vedersi appassionati che scelgono l'automatico per le loro domeniche in pista. Sprovveduti o intenditori?

UN CAMBIO... EPOCALE Il fatto è che le trasmissioni automatiche sono migliorate parecchio, negli ultimi anni. Sia quelle a doppia frizione sia quelle più tradizionali a “convertitore di coppia” hanno raggiunto ottimi livelli di reattività e non fanno più rimpiangere il coinvolgimento che offre il vecchio cambio manuale. Inoltre, proteggono il motore dagli errori del guidatore e non sembra azzardato prevedere che, in capo a pochi anni, anche tra le supercar di seconda mano il manuale diverrà la seconda scelta. Dopotutto, se prestazioni e piacere di guida non ne risentono più, o quasi, perché non fare la scelta che garantisce l'acquisto più sicuro?


TAGS: cambio bmw manuale m5 m6