Autore:
Paolo Sardi

AVANTI UN’ALTRA La presenza delle Case automobilistiche alla Design Week di Milano diventa sempre più importante, anno dopo anno, e questa edizione terrà a battesimo anche una concept. Il prototipo si chiama Toyota Setsuna, parola che in giapponese sta per “momento”, e porta con sé una storia che va al di là di quelle che sono le sue forme, che vagamente richiamano il mondo della nautica.

QUALCOSA DI SPECIALE I designer Toyota hanno tratto ispirazione dall’esperienza di ciascuno di noi, che ha all’interno della propria famiglia una macchina che viene tenuta con amore, con la quale si vivono momento particolari e che viene talvolta tramandata da una generazione all’altra. Un mezzo, dunque, che ha un valore anche affettivo, oltre a uno materiale, che varia nel tempo.

UN SIMBOLO Il team capitanato da Kenji Tsuji ha quindi voluto simboleggiare questa idea realizzando la Setsuna in legno, un materiale durevole ma che cambia aspetto e in parte forma a seconda di come viene utilizzato e tenuto. Con il suo look vissuto racconta la sua storia e quella di chi l'ha guidata. I componenti in cedro e betulla giapponesi sono tra l’altro assemblati con un’antica tecnica chiamata Okuriari, che non richiede l’uso di chiodi e viti. Giusto per la cronaca, la concept è lunga 303 cm, larga 148 e alta solo 97 ed è spinta da un motore elettrico.


TAGS: concept car design milano design week Toyota Setsuna Concept mdw 2016 auto di legno