Autore:
Luca Cereda

NON C’E’ INGANNO Avete letto bene: Kaptur, con la “K” e non la “C”. La differenza, però, non è una mera questione di consonanti. La Renault Captur con la kappa è l’unica (per il momento) Captur che può essere ordinata trazione integrale con bloccaggio del differenziale centrale. Peccato sia venduta solo in Russia, dove l’inverno picchia duro e anche le piccole crossover si devono attrezzare.

SCONGELATORE Non c’è soltanto il 4WD. Cammina pure un po’ in altro, la Renault Kaptur. L’altezza da terra è maggiorata (204 mm) e angoli d’attacco ed uscita misurano rispettivamente di 20 e 31 gradi. Non le mancano nemmeno alcuni gadget particolarmente cari a chi, ogni mattina, difficilmente riuscirebbe a scongelare i vetri con un raschietto. Quindi, sulla Kaptur troviamo di serie i sedili e il parabrezza riscaldato, oltre al Renault Remote Engine Start, il dispositivo elettronico per avviare il motore anche da remoto, pre-riscaldando l’ambiente.

PERCHE’ NO? In Italia i mini-suv vanno forte, ma principalmente a due ruote motrici. E per questo, ancora oggi, una Captur integrale non è a listino, mentre la Kaptur sarà venduta in Russia da quest’estate. Che qualcosa possa cambiare nei prossimi mesi? Presto per dirlo. Intanto, però, c’è da spiegare perché Captur, in Russia, si scriva con la kappa. Ce lo dice Renault: lassù la lettera «K» richiama i concetti qualità (Качество), confort (Комфорт) e l’aggettivo seducente (Красота). Altro che vezzo da duri…  


TAGS: renault suv crossover novità auto 2016 renault kaptur renault captur 4x4 renault kaptur 4x4 renault captur integrale renault kaptur integrale renault captur 4wd 5 suv non in italia