Autore:
Paolo Sardi

GIUNGLA URBANA In attesa di arrivare alla tanto chiacchierata guida autonoma, con i chip che governeranno ogni aspetto della guida di un'auto, in Opel stanno lavorando a molti progetti in cui l'elettronica viene in aiuto del pilota per scongiurare il rischio di incidenti, specie in ambito cittadino, laddove le insidie per la sicurezza sono più numerose. La Casa di Rüsselsheim è per esempio parte del progetto UR:BAN, finanziato in parte dal Governo tedesco e che vede coinvolti 31 partner, nell'ambito del quale è chiamata a sviluppare sistemi innovativi di supporto al pilota.

VEDE E PROVVEDE Gli sforzi maggiori di Opel si stanno concentrando in una direzione ben precisa: far sì che l'auto sappa frenare davanti a un ostacolo che dovesse trovarsi davanti all'improvviso o addirittura schivarlo autonomamente. Ciò grazie a una telecamera e un radar di ultima generazione e a una centralina capace di comandare i freni e lo sterzo sulla base dei dati ricevuti. Un altro progetto sfrutta invece una telecamera interna che trasmette a sua volta le immagini del pilota a una centralina; quest'ultima, sulla base di un database, analizza i movimenti di chi guida, capisce in anticipo le sue intenzioni e predispone la macchina per rendere le manovre più sicure. Un esempio? Il potenziamento del monitoraggio dell'angolo cieco quando si sta per compiere una svolta.

QUESTIONE DI DIALOGO Ultima ma non meno importante, continua anche la sperimentaziona di un sistema che sfrutta una rete Wifi per mettere la macchina in collegamento con le infrastrutture e con gli altri veicoli, così da ottimizzare l'attraversamento in sicurezza degli incorci, a tutto vantaggio anche della scorrevolezza del traffico e del contenimento dei consumi. Le indicazioni per il pilota possono essere visualizzate in questo caso grazie alla moderna interfaccia Driver Info Center nel cruscotto, che lavora a braccetto con il visore sulla consolle centrale.


TAGS: sicurezza citta insignia wifi incidenti opel. urban connettività