Autore:
Michele Perrino
Pubblicato il 11/03/2020 ore 18:55

LA PROSSIMA 108? ELETTRICA Forse nel 2022 oppure già nel 2021: chi lo sa? Sulla data nessuno ancora si sbilancia, perchè il progetto deve ancora partire, ma semrba proprio che presto vedremo arrivare una nuova Peugeot 108. Elettrica. E a dar credito ad alcune speculazioni, Peugeot potrebbe utilizzare per la prossima citycar la piattaforma della Fiat 500e vista al Salone di Ginevra 2020. E sì che il futuro della piccola Peugeot sembrava, fino a poco tempo fa, appeso ad un filo. Nata dalla joint venture con Citroen (C1) e Toyota (Aygo), con lo stabilimento ceco di Kolin (dove le tre city car vengono prodotte) passato nelle mani della Casa nipponica, la 108 rischiava di fare una brutta fine...

IL RILANCIO DELLA CITYCAR A spazzar via i dubbi circa un triste epilogo ci ha pensato Jean-Philippe Imparato, CEO di Peugeot: ''Qualche settimana fa abbiamo deciso di mantenere la 108 nella nostra gamma, almeno fintanto che i nostri clienti non ci diranno che non la vogliono più''. Una scelta che però comporta problematiche legate alle emissioni di CO2: particolarmente spinose quando si parla di citycar. La soluzione? Una sola, per stessa ammissione di Imparato: ''Non vedo altra soluzione oltre l'elettrico''.

Peugeot 108: un futuro da elettrica?

L'IPOTESI FRANCESE Ecco quindi aprirsi le scommesse su quale sarà la piattaforma ideale per allestire il nuovo modello. Perché non attingere ad altri modelli del Gruppo come la Citroen Ami? Imparato, pur apprezzando la piccola del Double Chevron non la ritiene adatta: ''Ami non è un'auto, è un dispositivo!''. Una risposta tranchant che si fonda sulle caratteristiche dell'Ami, oggettivamente particolari: 2,41 metri di lunghezza, 2 posti secchi, 45 km/h di velocità e un'autonomia di 70 km non offrono quella versatilità che cerca il cliente di una Peugeot 108

TEMPO AL TEMPO Scartata questa possibilità, e guardando al prossimo futuro, diventa plausibile considerare di attingere alla tecnologia della Fiat 500e; tutto a tempo debito, però. ''Non sto facendo piani per le piattaforme di FCA, siamo ancora in fase di fusione e fino al termine dell'operazione non è permesso fare niente. Sarò felice di discutere dopo la chiusura dell'accordo'', ha concluso Imparato. Sposando la piattaforma Fiat, la 108 andrebbe ad abbracciare prestazioni da vera (city) car: 320 km di autonomia, 0-100 km/h in 9 secondi, e velocità massima - autolimitata - di 150 km/h. 

UNA CITY CAR IN PIÙ La Peugeot 108 si aggiungerebbe così ad una schiera di city car a batterie. Oltre alle già citate Citroen Ami e Fiat 500e, sono già realtà la Volkswagen e-UP con 130 km/h di velocità massima e 260 km di autonomia; la Smart EQ capace di un accelerazione 0-60 km/h in 4,8 secondi e accreditata di 160 km di autonomia e la Skoda Citigo-e iV che, come la e-UP, permette di percorrere ben 260 km. Insieme alla 108 sono attese anche la Renault Twingo Z.E., data per 130 km/h di velocità massima e 145 km di autonomia, la gemella diversa Toyota Aygo e la city car elettrica di Dacia

 

via Auto Express


TAGS: auto elettriche city car peugeot 108