Pubblicato il 14/02/2020 ore 17:35

ZERO EMISSION DACIA Sì. No. Forse. Non adesso. Unico fin che vuoi, il marchio Dacia, nel suo genere, ma l'elettrificazione è tappa obbligatoria e non fa differenze di ceto sociale. Ora, finalmente, il quadro è un po' più chiaro: un'elettrica Dacia la farà, l'orizzonte è il 2021, massimo il 2022. Nome ed aspetto sono ancora avvolti dal mistero: nell'illustrare il proprio piano di costante conversione della gamma in chiave riduzione di emissioni, Renault Group battezza la futura EV del brand low cost semplicemente come Dacia Urban City Car. Sebbene ancora debole, è pur sempre un primo indizio.

Gruppo Renault, avanti tutta in direzione elettrificazione

ZOE, L'ANTI-LOW COST Nel senso che ora siamo certi che la prima full electric Dacia non prenderà le mosse dalla caposquadra Duster, servendosi al contrario della piattaforma che il buon senso suggerisce essere quella della Renault Zoe. L'edizione oggi in commercio dell'elettrica della Régie ha solo un piccolo problema, ovvero costa 34.000 euro nella sua versione meno accessoriata: batterie di ultima generazione (buone per quasi 400 km di autonomia teorica) ed equipaggiamento degno degli standard di un'utilitaria diesel e benzina fanno della Zoe un prodotto che in chiave low cost non sembra essere così spendibile, anche asciugandola di componenti comfort e strozzando la capacità energetica degli accumulatori. Alternative?

Dacia elettrica su base Renault City K-ZE?

VIA DELLA SETA Un ''piano B'' in realtà esiste e si chiama City K-ZE. Si tratta di un crossover con motore elettrico ancora poco conosciuto dalle nostre parti perché riservato sino ad oggi alla sola Cina. Renault City K-ZE dovrebbe tuttavia sbarcare presto anche in Europa, forse in veste un po' meno spartana di quella che indossa ora in Asia, forse con il timbro Dacia sulla fronte anziché la Losanga. Qualche ritocco estetico, una manciata di servizi in più all'interno, infine autonomia maggiore degli attuali 250 km dei quali è accreditato il suo propulsore da 44 cv di potenza. Il prezzo rimarrebbe sostenibile, inferiore cioè ai 15.000 euro. Noi seguiamo questa pista: se raccoglieremo nuove prove, lo saprete in men che non si dica.


TAGS: dacia dacia elettrica dacia citycar elettrica