Pubblicato il 15/09/20

QUARTA GENERAZIONE Dopo le anticipazioni dei mesi scorsi e le prime immagini teasing pubblicate qualche giorno fa, Hyundai ha finalmente presentato ufficialmente la quarta generazione di Tucson, il SUV compatto che ha debuttato la prima volta nel 2004, e che da allora ha venduto in Europa quasi un milione e mezzo di unità. Andiamo a scoprirlo più da vicino.

DIMENSIONI

Hyundai Tucson 2020: tante motorizzazioni, anche ibride

Rispetto al modello attualmente in commercio, la nuova Tucson è più lunga di 2 cm e più larga di 1,5 cm, mentre il passo è stato allungato di 1 cm. Il risultato è una migliore abitabilità, in particolare per i passeggeri seduti dietro, che beneficiano di 2,6 cm in più per le gambe. La nuova Hyundai Tucson è lunga 450 metri, larga 187 cm, alta 165 cm, con un passo di 268 cm.

BAULE PIÙ SPAZIOSO Incrementata in maniera importante anche la capacità del bagagliaio, che mette a disposizione 33 litri in più del modello attuale (con tutti i sedili in uso), e 107 litri in più di capacità massima. Ogni motorizzazione ha una capacità diversa in funzione degli ingombri delle batterie. Ecco qui un pratico schema riassuntivo

Motorizzazione Capacità min. Capacità max.
Benzina 620 1799
Gasolio 598 1777
Benzina 48V 577 1756
Gasolio 48V 546 1725
Ibrida 616 1795

I sedili posteriori possono essere reclinati anche dall’interno del bagagliaio, con un rapporto 4:2:4, così da adattarsi al maggior numero possibile di esigenze di carico.

IL NUOVO DESIGN

Hyundai Tucson 2020: inedite le luci diurne che diventano

Più che una semplice evoluzione del modello precedente, mai come in questo caso è più corretto parlare di rivoluzione nell’estetica: la nuova Tucson è tutto fuorché scontata, o prevedibile. Il design riprende quello della concept Vision T vista al Salone di Los Angeles dello scorso anno, e si ispira alla nuova identità stilistica di Hyundai, denominata Sensuous Sportiness (sensualità sportiva). La nuova Tucson ha un aspetto decisamente muscoloso, in particolare nelle linee scolpite della fiancata, caratterizzate dai parafanghi di forma squadrata e dagli angoli vivi che mettono in evidenza i generosi passaruota. Lungo il cofano e ridotti gli sbalzi, a tutto vantaggio dell’abitabilità e del dinamismo delle forme. Il tetto è reso più sfuggente di quanto non sia in realtà dalla finitura cromata che parte dagli specchietti retrovisori, corre lungo la parte alta dei finestrini e termina alla base del lunotto posteriore, molto inclinato. Alta la linea di cintura, che sale bruscamente nel terzo vetro laterale. Sotto il generoso spoiler si nasconde invece la spazzola tergicristallo.

Hyundai Tucson 2020: visuale posteriore

LUCI PARAMETRICHE Il frontale, si sa, è l’elemento più caratterizzante di ogni vettura, e in un settore affollato come quello dei SUV compatti è fondamentale costruire immagini distintive e immediatamente riconoscibili. Nella nuova Hyundai Tucson catturano immediatamente l’attenzione le nuove Parametric Hidden Lights: quando sono spente, le luci diurne anteriori sono completamente invisibili, e di fatto indistinguibili dagli elementi geometrici che costituiscono la calandra. L’intera griglia anteriore ha una colorazione cromata scura molto elegante. I gruppi ottici veri e propri si trovano integrati nelle prese d’aria laterali del grosso paraurti anteriore.

GIOIELLI DIGITALI Questo risultato è reso possibile dal particolare approccio dei designer di Hyundai, che per realizzare gli elementi di design più caratteristici della nuova Tucson hanno utilizzato un processo creativo chiamato dinamica parametrica, che sfrutta linee, facce, angoli e forme ottenute da dati digitali per dar vita a un’estetica non convenzionale. Ritroviamo questi gioielli parametrici (così li definisce Hyundai) nella calandra, naturalmente, ma anche nel motivo geometrico tridimensionale del paraurti e nelle luci posteriori, caratterizzate da una linea luminosa che attraversa tutta la vettura.

Hyundai Tucson 2020: i nuovi cerchi in lega

COLORI E CERCHI La nuova Tucson sarà disponibile in nove colori, compresi tre inediti: Shimmering Silver, Amazon Gray e Teal (blu  petrolio). Tutti quanti possono essere abbinati al tetto di color nero negli allestimenti Phantom Black e Dark Knight. Per quanto riguarda le ruote, è possibile scegliere cerchi in lega con diametri da 17” a 19”.

UN NUOVO FAMILY FEELING? Abbiamo chiesto ai responsabili design di Hyundai se ritroveremo il design così originale della nuova Tucson (o almeno i suoi principali elementi caratteristici) sui prossimi modelli della casa coreana, ma al momento la risposta sembra essere negativa: l’obiettivo dei progettisti era dar vita a un’auto originale che si integrasse nella famiglia Hyundai, dove ogni modello mantiene però una precisa identità stilistica. Alcune caratteristiche verranno sviluppate e introdotte su altre vetture della gamma (come le luci invisibili, già presenti sulle Sonata, non vendute in Europa), ma questo non implica necessariamente che quello di Tucson sarà il nuovo “frontale” della casa. 

GLI INTERNI

Hyundai Tucson 2020: gli interni

Tutt’altra impostazione per quanto riguarda l’abitacolo, chiamato Interspace e caratterizzato da linee semplici e armoniose, ispirate al flusso dell’acqua, materiali pregiati e plastiche morbide al tatto. L’obiettivo? Creare un ambiente il più possibile rilassante per chi sale a bordo. Il quadro strumenti (digitale) da 10,25” è più in basso rispetto al solito, una soluzione che ha permesso di realizzare una plancia completamente piatta, come un fiume che scorre placido, a beneficio di visibilità e sensazione di spazio a bordo. Le due finiture argentate che corrono lungo le portiere integrano le prese d’aria e abbracciano i passeggeri, confluendo poi nella console centrale, con un effetto discendente ispirato alle cascate. Lo stile lineare della console è accentuato anche dal piccolo cambio elettronico, che si comanda con sola la pressione dei tasti, senza ingranaggi che lo collegano alla trasmissione. L’unico riferimento ai gioielli parametrici visti all’esterno è nelle ghiere delle leve ai lati del volante.

MAXI-SCHERMO Il cuore pulsante della vettura è lo schermo centrale da 10,25 pollici touchscreen, da cui si controllano tutte le funzioni della vettura. I progettisti coreani hanno tolto ogni comando fisico, rotella o interruttore, sostituiti da comandi touch e a sfioramento, anche per il climatizzatore a tre zone. Le luci ambientali, disposte sotto i braccioli delle portiere, alla base della consolle centrale e sotto il cambio elettronico, sono disponibili in 64 colori differenti e dieci livelli di intensità. Per quanto riguarda i tessuti, sono tre gli allestimenti possibili all’interno dell’abitacolo: 
    • monocromatico nero (tessuto o pelle)
    • bicolore nero e beige (tessuto o pelle)
    • pacchetto Teal (tessuto o pelle) con cuciture a contrasto in blu petrolio

INFOTAINMENT

Hyundai Tucson 2020: la consolle senza tasti

Il sistema di infotainment di Tucson si basa sul nuovo Bluelink, che tra le novità introduce i profili utenti personalizzati: al loro interno si possono memorizzare le preferenze di linguaggio, i dispositivi Bluetooth connessi, le impostazioni di navigazione e riconoscimento vocale, e persino le stazioni radio preferite. Una app dedicata consente di localizzare l’auto, aprire e chiudere le portiere da remoto, e controllare alcuni parametri come il livello del carburante. Volendo, è anche possibile sincronizzare i propri calendari (Google o Apple) con l’automobile, così che gli appuntamenti più importanti vengano visualizzati sullo schermo centrale. I telefoni possono essere ricaricati senza necessità di cavo nella piastra presente nella console centrale, oppure sfruttando una delle porte USB-C presenti a bordo, sia davanti che dietro. Apprezzabile, specialmente durante i lunghi viaggi, la funzione Rear Sleeping Mode, che permette di ascoltare musica senza che questa venga riprodotta dagli altoparlanti posteriori, così da non disturbare chi dorme nella seconda fila.

SERVIZI CONNESSI La funzione Connected Routing sfrutta la connessione internet per garantire informazioni sempre aggiornate sul traffico, tempi di arrivo più precisi e calcoli accurati dei percorsi alternativi. Disponibile su tutti i modelli il supporto per Android Auto e Apple CarPlay, anche in modalità senza fili. I servizi Hyundai LIVE consentono infine di accedere a informazioni relative ai parcheggi disponibili nelle vicinanze, ai distributori e relativi prezzi, oltre al meteo in tempo reale.

Hyundai Tucson 2020: la versione plug-in arriverà nel 2021

ANCHE IL CLIMA È HIGH TECH Persino l’impianto dell’aria condizionata a tre zone vanta soluzioni moderne: per la prima volta su un veicolo Hyundai, infatti, è stata utilizzata la tecnologia Multi-Air che permette di affiancare, alle tradizionali bocchette dell’aria, altre uscite indirette dislocate nella parte centrale dell’abitacolo: a parità di rumore, la quantità d’aria mossa è molto maggiore, e si riduce anche quella che entra in contatto diretto con le persone, creando quindi un ambiente rinfrescato in maniera più omogenea. Tutti i sedili, anteriori e posteriori, possono essere riscaldati, mentre quelli di guidatore e passeggero offrono anche la possibilità della ventilazione.

SICUREZZA A BORDO

Importante, e non poteva essere diversamente, la dotazione di sicurezza di un’auto figlia di un nuovo progetto. Di serie, nuova Tucson offre sette airbag per conducente e passeggeri, compreso uno centrale per la prima fila, utile per evitare pericolose collisioni tra le due persone sedute davanti. 

Hyundai Tucson 2020: visuale di 3/4 anteriore

ADAS Per quanto riguarda gli aiuti alla guida, Tucson offre una ricca serie di soluzioni Hyundai SmartSense, di serie o a pagamento:

  • Forward Collision-Avoidance Assist, frenata automatica d’emergenza per auto, pedoni e ciclisti, anche nelle svolte agli incroci
  • Lane Following Assist e Lane Keeping Assist, per il mantenimento in corsia dell’auto
  • Highway Driving Assist, per la guida semi-autonoma in autostrada, che regola la velocità e la distanza dell’auto in base a quella che ci precede, e mantiene il veicolo all’interno della carreggiata. Il sistema si attiva con la pressione di un tasto
  • Smart Cruise Control Curve, per regolare automaticamente la velocità in base ai dati di navigazione, per esempio nell’approssimarsi di curve o rotatorie
  • Intelligent Speed Limit Assist per il rilevamento dei segnali stradali e relativa regolazione della velocità
  • Leading Vehicle Departure Alert, per allertare il conducente che l’auto davanti ha ripreso a muoversi, per esempio al semaforo
  • Blind Spot-Collision Warning e Avoidance Assist, per il monitoraggio attivo e passivo degli angoli ciechi
  • Safe Exit Warning, per avvisare di possibili ostacoli che sopraggiungono quando si apre la portiera per scendere dall’auto
  • Surround View Monitor, la telecamera a 360° che offre una panoramica completa di quello che sta attorno all’automobile
  • Rear Occupant Alert, con sensori di movimento e che segnala la presenza di occupanti nella fila posteriore di sedili quando si esce dall’abitacolo
  • Driver Attention Warning che rileva il grado di stanchezza del conducente e segnala la necessità di una pausa
  • Rear Cross Traffic Collision Warning e Rear Cross-traffic Collision-avoidance Assist per i rischi di tamponamenti
  • High Beam Assist, la regolazione automatica degli abbaglianti, che vengono automaticamente disattivati in caso di traffico
  • Remote Smart Parking Assist per parcheggiare l’auto in spazi stretti anche da fuori, controllandola tramite lo smartphone. I sensori di parcheggio e le telecamere si occupano di verificare la presenza di ostacoli, e nel caso di frenare automaticamente

MOTORIZZAZIONI

Decisamente ricca la gamma di motori con cui debutta la nuova Hyundai Tucson 2021: tre versioni elettrificate, due con motore termico tradizionale, e quattro diversi tipi di trasmissione. Nei prossimi mesi verrà presentata inoltre una versione plug-in.

Hyundai Tucson 2020: visuale laterale

FULL HYBRID La versione ibrida “completa” è composta da un 1.6 T-GDI turbo benzina a iniezione diretta affiancato da un motore elettrico da 60 CV (44,2 kW) e una batteria agli ioni di litio da 1,49 kWh (posizionata sotto il divano posteriore), abbinata a una trasmissione automatica a sei rapporti, e disponibile con trazione anteriore o integrale. La potenza di sistema combinata è di 230 CV complessivi e 350 Nm di coppia.

MILD HYBRID La tecnologia ibrida leggera è disponibile con il sistema a 48V offerto in tre diverse varianti:

  • 1.6 T-GDI benzina da 150 CV e trazione anteriore, cambio manuale o automatico a sette rapporti
  • 1.6 T-GDI benzina da 180 CV e trazione anteriore e cambio manuale, oppure a richiesta con trazione sulle quattro ruote motrici e cambio automatico
  • 1.6 CRDi gasolio da 136 CV, cambio automatico, e trazione anteriore oppure integrale

A COMBUSTIONE INTERNA Senza l’ausilio del sistema a 48V, Tucson è disponibile in due versioni:

  • 1.6 T-GDI benzina da 150 CV e trazione anteriore o integrale, solo con cambio manuale 
  • 1.6 CRDi gasolio da 115 CV, cambio manuale e trazione anteriore

La trazione integrale di Hyundai offre il selettore di terreno, che modifica la ripartizione di coppia tra gli assali e altri parametri dell’auto a seconda dell’impostazione scelta, tra fango, sabbia e neve. In opzione, è possibile prevedere anche le sospensioni a controllo elettronico, che modificano il carico di ogni ammortizzatore in base alla modalità di guida selezionata (Eco, Normal e Sport) e alle condizioni della strada.

PREZZI E DISPONIBILITÀ 

Nuova Hyundai Tucson arriverà nelle concessionarie italiane entro la fine dell’anno. Nelle prossime settimane verranno anche annunciati i prezzi con cui sarà commercializzata. Come per tutti i modelli Hyundai, anche la nuova Tucson offre cinque anni di garanzia e chilometraggio illimitato.


TAGS: hyundai tucson suv ibrido