FUORISTRADA AL VERDE Ibrido soft, ibrido "strong", è comunque ibrido "boom". Immaginario baluardo dell'auto dura e pura, un concentrato di testosterone sempre sporco di fango, Jeep Wrangler non può far altro che adeguarsi al trend, e ingentilire il proprio spirito in nome di un valore ancor più supremo, quello della salvaguardia del pianeta Terra (mah). Abbiamo già condiviso con voi gli ultimi rumors su una Wrangler plug-in hybrid, in arrivo con ogni probabilità nel corso del 2020. Prima dell'ibrida ricaricabile, apprendiamo ora da JL Wrangler Forum come il fuoristrada di FCA Group passerà prima dallo step dell'ibrido leggero, affettuosamente detto anche ibrido-per-modo-di-dire. Prima della fine del 2019 faremo dunque conoscenza con un inedito Jeep Wrangler in configurazione mild hybrid. Ovvero?

DAL SAHARA CON AMORE Ovvero trattasi di Jeep Wrangler in formato 4 cilindri 2.0 turbo benzina (cambio automatico a 8 rapporti) opportunamente adattato per ospitare sotto la carrozzeria una rete elettrica da 48 Volt con mini motore elettrico maggiore del consueto alternatore-starter, più batteria supplementare come fonte di alimentazione. Curiosamente, sembra che (almeno inizialmente) l'unica versione mild-hybrid coincida con Wrangler Unlimited (4 porte) in allestimento Sahara: strano vengano esclusi Wrangler Sport e Wrangler Rubicon. Negli Usa, a ricevere un briciolo di elettrificazione (quel tanto che basta ad abbassare un po' i consumi e le emissioni, e soprattutto a ricevere l'omologazione di auto ibrida) sarà anche il 3.6 V6 benzina Pentastar, unità che in Italia non viene tuttavia importata. In patria, per l'unità MHEV (Mild-Hybrid Electric Vehicle) coniano la sigla eTorque. Aspettiamo che "green" Wrangler spicchi il volo per l'Europa, e porti con sè i documenti: prezzi, scheda tecnica, equipaggiamento.


TAGS: jeep mild hybrid 48V jeep wrangler 2020 jeep wrangler hybrid