Concept car

IED beON


Avatar Redazionale , il 13/03/07

14 anni fa - Le auto del futuro potrebbero somigliargli

Sembra uno di quei modellini radiocomandati off-road che fanno la gioia dei bambini e spesso anche dei genitori. Ma non è così. Questa concept futuristica è un veicolo in scala reale e le auto del futuro potrebbero somigliargli molto.

Benvenuto nello Speciale 2020 - IL FUTURO DELL'AUTO SECONDO LOTUS (E NON SOLO), composto da 20 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario 2020 - IL FUTURO DELL'AUTO SECONDO LOTUS (E NON SOLO) qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

NUOVE SOLUZIONI Una vera super-car, completamente ecologia e che non teme certo i percorsi sconnessi. Anzi, la beON che l'Istituto Europeo di Design ha presentato al 77° Salone di Ginevra introduce per la prima volta soluzioni tecniche di trazione finora mai applicate al mondo dell'auto.

FUORI TUTTO
Dimenticatevi la città, il traffico, le code ai semafori. Con la beON, che non significa alzare il gomito ma dall'inglese "esserci sopra", si può viaggiare ovunque: dal deserto, alle spiagge, ai boschi, alle salite di montagna più impervie. E' fatta per spiriti liberi e consente a tutti i passeggeri di godere a pieno del paesaggio grazie al tetto completamente trasparente e costruito in plexiglas. Certo, è stata pensata anche per l'utilizzo in città, ma in tal caso forse non risulterebbe così agevole, soprattutto per il parcheggio...

EMOTIONAL HYBRID Una vera sportiva con due posti e assetto da off-road:abitacolo rialzato e quattro grandi ruote scoperte. La emotional hybrid, come l'hanno chiamata i 19 giovani allievi del Master in Trasportation Designdello IED di Torino che l'hanno progettata, è inoltre completamente ecologica nell'intento di coniugare stile, nuove tecnologie, rispetto per l'ambiente ed emozione.

MECCANICA RIDOTTA L'alimentazione è fornita da un motore ibrido termico-elettrico legato a una particolare trasmissione idraulica presente all'interno dei mozzi di ogni ruota. In questo modo si eliminano alberi di trasmissione e meccanismi vari semplificando il tutto. Lo stesso impianto svolge anche la funzione frenante e dà la possibilità di eliminare completamente il tradizionale impianto disco freno. Si tratta ancora di uno studio, ma l'idea è interessante. Gli interessati possono eventualmente contattare lo IED.


Pubblicato da Franco Gilardi, 13/03/2007
Gallery
2020 - Il futuro dell'auto secondo Lotus (e non solo)
Logo MotorBox