CROSSOVER O CROSS-WAGON? Per decenza non vi dico cosa ho pensato quando ho visto la Toyota RAV4 2019. Proprio non mi è piaciuta. Vedendola più volte, e, soprattutto, vedendola in strada, ho cambiato idea. Continuo a trovare troppo elaborato il frontale, ma la nuova Toyota RAV4 ha una silhouette dalle proporzioni riuscite, quasi sportive. Più che a un SUV mi fa pensare a una super wagon, per la sua forma bassa, filante e proiettata in avanti, più che al solito SUV un po’ cubico e furgonato.

LA PROVA DEL 9 I parafanghi dai muscoli squadrati protetti da codolini massicci, la colorazione bicolore della nuova Toyota RAV4 in allestimento Style abbinata ai cerchi sportivi e neri e il doppio scarico posteriore inserito nel pezzo forte della RAV 2019, la coda, sottolineano l’aspetto dinamico, tendente allo sportivo. Mi incuriosisce… Queste promesse estetiche verranno mantenute su strada?

A LEZIONE DI IBRIDO Ne approfitto partecipando a uno di quei corsi che Toyota offre a chi acquista una delle sue auto ibride, la Toyota Hybrid School. Non sarebbe la situazione giusta per mettere alla prova le doti sportive della Toyota RAV4 2019: qui gli istruttori della scuola Toyota spiegano ai clienti come sfruttare al meglio la tecnologia ibrida, dall’evitare la staccata all’ultimo metro in favore di una ricarica lunga quando si vede la necessità di fermarsi più avanti, al portare rapidamente la massa della RAV4 alla velocità desiderata, per poi veleggiare sfruttando il più possibile la trazione elettrica.

SU DI GIRI PER LA GUIDA Bello sì, ma tra i passi dolomitici la voglia di veleggiare passa presto: voglio capire se è necessario legarsi fuori al trapezio come all’America’s Cup tra curve e tornanti. Primo passo, ruoto il manettino sul tunnel centrale per selezionare la modalità Sport che cambia la reattività dell’acceleratore. E cambia parecchio, i 222 cavalli di picco del sistema ibrido (il motore a benzina è un 4 cilindri da 2,5 litri) di Toyota RAV4 AWD-i sono pronti a spingere e si fanno sentire. Ovvio, quando si spinge a fondo sul gas il sistema di ingranaggi epicicloidali che funge da raccordo tra i motori termici ed elettrici svolgendo anche la funzione di cambio si produce nel cosiddetto "effetto scooter", con il motore che sale di giri e si vorrebbe poter inserire una marcia più lunga che non c’è.

DOLOMITI SUPER SUV Effetto scooter a parte, che comunque rispetto al passato tende a imballare meno il motore, la nuova Toyota RAV4 sui tornanti che portano da Moena al Passo Pordoi si comporta un gran bene. La ricetta adottata per la nuova Prius trova piena applicazione anche sulla nuova RAV4, con il baricentro che scivola in basso verso la strada e lo sterzo che diventa preciso e più diretto, condizioni ideali per trovare un piacevole feeling di guida.

NEW BALANCE Così è per la nuova RAV4. Lo sterzo è preciso, ha sempre il giusto peso e la giusta rapportatura. Si capisce cosa succede alle ruote anteriori che si lasciano indirizzare esattamente dove si vuole, andando a cercare la corda proprio in quel punto per prepararsi magari a una controcurva successiva. A dare manforte allo sterzo preciso c’è anche un ottimo equilibrio della nuova RAV4, con i pesi ben distribuiti, al 51% sull’asse anteriore e al 49% sul posteriore. Un ottimo equilibrio che non mette alla prova gli pneumatici anche nelle curve più tirate, anche quando si affonda troppo presto in curva per mettere alla prova il telaio, con il muso che non punta all’esterno e segue la traiettoria.

DIVERTIMENTO SENZA FRENI Ben calibrato è anche l’assetto, che rimane piatto anche tra curve e controcurve, e coi cosiddetti trasferimenti di carico nel passaggio del peso da un lato all’altro che risultano praticamente inavvertibili. Anche un avvallamento profondo su un tornante non mette in crisi l’assetto, con la Toyora RAV4 che non si scompone minimamente e rimane fedele alla traiettoria senza rendere necessaria la minima correzione. Spingendo in discesa, anche i freni dopo alcune staccate prima dei tornanti si mostrano piuttosto potenti, lasciando una buona riserva di potenza, e altrettanto robusti.

IN CONCLUSIONE Avreste mai pensato di potervi divertite su una strada di montagna con un SUV da 460 centimetri di lunghezza? Dalla sua la nuova Toyota RAV4 ha anche un peso contenuto in rapporto alle dimensioni (1.650 kg in ordine di marcia), alla trazione AWD-i (ottenuta grazie a un motore elettrico supplementare sull’asse posteriore) e al sistema ibrido fatto di batterie e di motori elettrici. Forse non acquisterete la nuova RAV4 per andare a scannare tra i Quattro Passi delle Dolomiti, ma forse perchè affascinati dalla sua linea, dallo spazio da limousine ai posti posteriori o per il suo giga bagagliaio (580 litri). Sappiate comunque che, in caso doveste affrontare una manovra di emergenza, il buon telaio della nuova RAV4 ci sarà ad aiutarvi a venirne fuori.


TAGS: toyota Toyota RAV4 prove su strada suv ibridi nuova toyota rav4 2019