Pubblicato il 09/07/20

RENAULT CLIO E-TECH HYBRID: L'EFFETTO CHE FA

PROVA E VEDRAI L'unico sforzo richiesto è quello di vincere la timidezza, salire a bordo per un test dimostrativo, accendere il motore e andare a spasso per qualche minuto soltanto. Perché una volta che la assaggi, Renault Clio E-Tech genera dipendenza, ma di quelle sane. Non potendo infastidire Zoe, decana delle elettriche, Clio pensa bene di virare verso l'ibrido. Ma non un ibrido qualsiasi, tanto che nella progettazione ha avuto un ruolo pure il team Renault Formula 1. Clio E-Tech è forse sul mercato la full hybrid che più si sbilancia verso il full electric (oltre ad essere una delle poche full hybrid della propria razza, il segmento B): con la differenza che le batterie le autoricarica da sola. Tempismo perfetto: sarà su strada proprio in coincidenza con il varo di una nuova ondata di incentivi pubblici. E il diesel trema... L'abbiamo provata e vi spieghiamo come va e come funziona.


Renault Clio E-Tech, consegne a settembre 2020

RENAULT CLIO E-TECH PLUG-IN: SISTEMA IBRIDO

DOUBLE HYBRID Esattamente come nuova Captur E-Tech Plug-in, anche Renault Clio E-Tech si avvale innanzitutto di un motore a benzina 4 cilindri aspirato di 1,6 litri da 91 cv, accoppiato non a uno, bensì a due motori elettrici, che tuttavia rispetto al SUV compatto calano come potenza: il primo, quello direttamente agganciato all'asse anteriore e con funzione di trazione vera e propria (E-Motor), sprigiona 36 cv, mentre l'High-voltage Starter Generator (HSG), cioè lo starter ad alta tensione, si ferma a 15 cv (ma non per questo è meno importante, anzi). Potenza cosiddetta di sistema di 140 cv anziché i 160 cv di Captur, regime di rotazione per il 90% della coppia massima a quota 2.400 giri/minuto (motore elettrico e motore termico sviluppano il picco a regimi diversi).

AUTONOMIA E RICARICA Fonte di energia dei due motori elettrici, una batteria agli ioni di litio di produzione Hitachi dalla capacità di 1,2 kWh a una tensione di 230 Volt, valori sufficienti per far muovere Clio Hybrid in modalità elettrica (spiegano dalla Régie) fino all'80% del tempo trascorso nella guida cittadina, e fino a una velocità di 75 km/h. La ricarica sfrutta il principio di frenata rigenerativa, ma gli accumulatori si alimentano anche grazie al ''prestito'' di energia erogato in marcia dal motore termico. Consumi combinati di 4,3 l/100 km, emissioni CO2 a quota 96 g/km: siamo in zona incentivi. 

Nuova Renault Clio E-Tech Hybrid

CAMBIO DI PASSO Un passo indietro alla catena cinematica, vera arma segreta di Clio Hybrid: la trasmissione di coppia e potenza è affidata al cosiddetto Multi-mode, un inedito cambio meccanico elettroattuato a 4 rapporti a innesti frontali, privo di frizione e sincronizzatori. In assenza di frizione, viene a mancare la funzione di partenza da fermi tramite motore termico. A mettere le ruote in movimento ci pensa perciò (sempre e comunque) il motore elettrico primario (E-Motor): in base alla domanda di potenza, il 4 cilindri verrà poi avviato dal generatore elettrico secondario (HSG), e portato all’esatto regime di rotazione necessario per collegarlo senza contraccolpi alla catena cinematica. Lo stesso principio si applica ai successivi cambi di marcia, sincronizzati alla velocità di rotazione del motore sempre grazie all'intervento dello starter ad alto voltaggio. Insieme al meccanismo di recupero di energia elettrica in frenata e decelerazione, la trasmissione con innesto a denti è una tecnologia mutuata direttamente dall'esperienza di Renault in Formula 1. Più semplice a guidarsi, che non a spiegarsi: vedi paragrafi seguenti.

RENAULT CLIO E-TECH: ESTERNI E INTERNI

DIMENSIONI E BAGAGLIAIO Prima di passare alle impressioni di guida, due cenni sull'estetica. Nulla cambia, su Clio E-Tech, circa le dimensioni esterne e interne: abbiamo la stessa utilitaria lunga 4,05 metri, all'occorrenza abitabile anche da tre adulti sui sedili posteriori, equipaggiata inoltre di un vano bagagli dalla più che lusinghiera capienza di 391 litri. Lo stesso identico valore di ogni altra Clio: la batteria alloggia sotto il pavimento.

DESIGN Da fuori Clio Hybrid si distingue per la minigonna posteriore specifica e i badge E-Tech Hybrid sul montante centrale e sul portellone. Anche la leva del cambio specifica è ricamata con il badge E-Tech. Fa infine la sua comparsa sulla plancia il pulsante EV, che consente di forzare la modalità elettrica, a condizione che la batteria sia sufficientemente carica. Dedicata anche la grafica del quadro strumenti digitale da 10,2 pollici, così come il display centrale verticale da 9,3 pollici (oppure quello base, orizzontale, da 7 pollici) contiene sottomenu che consentono di monitorare il funzionamento della vettura, in particolare il tasso di consumi e i flussi di energia.

Renault Clio E-Tech, gli interni

RENAULT CLIO E-TECH: QUANTO COSTA

Nuova Renault Clio E-Tech sarà in consegna da settembre, ma è già ordinabile in cinque differenti allestimenti. Si parte da Clio Zen E-Tech Hybrid 14021.950 euro, e si prosegue con le versioni Intense (23.800 euro), RS Line (24.700 euro) ed SL (25.400 euro). Al vertice della gamma, Clio Initiale Paris E-Tech Hybrid 140: 27.700 euro. Ma con gli incentivi, la soglia dovrebbe abbassarsi anche di 3.500 euro (con rottamazione). Fatti i dovuti preamboli, è il momento di mettere in moto.

RENAULT CLIO E-TECH: COME VA SU STRADA

THE SOUND OF SILENCE Niente sfrigolii meccanici, nessun borbottio: proprio come Captur E-Tech Plug-in, anche Clio Hybrid si avvia sempre in elettrico (vedi sopra). Accensione a parte, ancor più sorprendente è il suo funzionamento una volta in movimento: le abituali proprietà di un'architettura full hybrid vengono qui spinte ai confini superiori, con l'auto che procede in elettrico sino a velocità e a carichi di lavoro solitamente associati alle plug-in. E per elevare al quadrato l'efficacia della componente electric, basta muovere la leva del cambio automatico in posizione B, e spremere a fondo la funzione di frenata rigenerativa. Quindi: pelando il pedale del gas e non oltrepassando la soglia dei 50-60 km/h, il 1.6 benzina se ne sta in disparte per gran parte del tempo. Rientrando in partita solo quando si sollecita il sistema. E in città, ciò accade raramente.

DRIVING MODE In particolare, su Clio Hybrid il programma Multi-Sense esprime tre tipologie di avanzamento, richiamabili dalla tastiera a pianoforte sulla plancia, oppure dal display touchscreen. My Sense è la modalità ideale per la vita quotidiana, quella che offre il miglior compromesso tra consumi e proprietà di accelerazione. Tutto questo grazie a un “effetto elettrico” molto evidente (avviamento sempre in modalità EV, ma anche coppia immediatamente disponibile) e facile da mantenere o ripetere, soprattutto nell’utilizzo urbano. La modalità Eco è associata a una mappatura del pedale dell’acceleratore meno dinamica e più dosabile, nonché a leggi di cambio marce adattate. La modalità Sport, infine, sfrutta tutto il potenziale del sistema in termini di tempo di risposta e performance.

Clio Hybrid, risparmiosa e scattante

HYBRID FUN Non è tanto l'accelerazione zero-cento (che con 9,9 secondi non è in ogni caso affatto debole), che stupisce. Quanto, semmai, la ripresa da 80 a 120 km/h (6,9 secondi). Oltre allo spunto da fermo sui primi metri, in tutto e per tutto equiparabile a quella di un'elettrica pura. Le logiche di funzionamento di Clio Hybrid sono complesse, eppure l'interfaccia uomo-macchina è così semplice, che di più non si può. Devi guidare, punto. A tutto il resto pensa lei: a calcolare l'intervento del motore termico (silenzioso e armonioso), a cambiare marcia, a tenere sotto controllo la carica della batteria. Già, la presa di corrente non le serve, Clio E-Tech è come collegata h24 a una potente powerbank, e l'ansia da autonomia sta a zero. Solo il disaccoppiamento del 4 cilindri, quando si decelera, produce un sonoro ''clack'', e in minima parte spezza l'incantesimo. Ma è un dettaglio, e anzi, un indizio dello stato di salute buono dell'architettura ibrida. Consumi? 4,4 l/100 km dichiarati, addirittura inferiori (4,3 l/100 km) durante il test, svolto in buona parte in extraurbano. Clio E-Tech costa (di listino) più di Clio Blue dCi, ma le economie di esercizio sono simili. E poi vuoi mettere giocare all'auto elettrica? Tra ibrida e diesel, si prevedono scintille.


TAGS: renault clio renault prova su strada renault clio e-tech renault clio ibrida