Test drive

Al volante della Mazda2 mild-hybrid 2022: piccola, elegante e... pepata


Avatar di Claudio Todeschini , il 02/03/22

2 mesi fa - Mazda2 2022 M Hybrid: provata la versione mild hybrid della piccola citycar giapponese

Alla prova su strada la rinnovata Mazda2 2022, con motore 1.5 mild hybrid da 90 CV. Ecco come si difende dalla neonata sorella full-hybrid

Ultimamente se parlo di Mazda2 la mente corre alla gemella di Toyota Yaris, figlia della partnership tra le due case giapponesi, inaugurata nel 2015. La nuova arrivata, però, non sostituisce la Mazda2 mild hybrid già in gamma, che per il 2022 si presenta rinnovata e mantiene una personalità ben distinta.

INDISCUTIBILMENTE MAZDA

Mazda2 mild hybrid 2022: i gruppi ottici anteriori Mazda2 mild hybrid 2022: i gruppi ottici anteriori

Basta uno sguardo, e capisci subito che questa piccola è una vera Mazda. Linee semplici e sinuose, che seguono lo stile Kodo che dal 2014 caratterizza la terza generazione della compatta giapponese (e che richiama i modelli più grandi come il SUV CX-5, che abbiamo provato nel modello 2022). Che magari non avrà forme modernissime, ma rimane comunque una delle proposte più originali di questo affollato segmento.

AL VOLANTE

Mazda2 mild hybrid 2022: visuale di 3/4 anteriore Mazda2 mild hybrid 2022: visuale di 3/4 anteriore

La prima grande differenza è nel cambio. Invece dell'e-CVT di derivazione Toyota, la Mazda2 M Hybrid mette sul piatto un manuale dalla corsa corta e precisa, che può ricordare quello della mitica spider MX-5. Forse è meno comodo negli Stop & Go del traffico dell'ora di punta, ma si rivela decisamente più appagante appena messo il muso fuori città. Infatti, pur senza avere particolari pretese in fatto di sportività, la Mazda2 strizza l'occhio al piacere di guida.

NON SPORTIVA, MA DIVERTE Agile come solo le auto piccole e leggere sanno essere, con una massa di appena 1.035 kg, Mazda2 regala sensazioni da classe superiore per la sicurezza e la compostezza con cui affronta le curve e i cambi di direzione. In parte il merito è di ammortizzatori ottimizzati, più scorrevoli sui fondi dissestati e più sostenuti sul liscio, per tenere l'auto piatta nelle svolte senza ricadute sul comfort. E poi c'è il G-Vectoring Control Plus, un sistema elettronico che, in modo discreto ma efficace, utilizza misurate azioni sui freni per smorzare i movimenti dell'abitacolo quando riallineo il volante ad alta velocità.

Mazda2 mild hybrid 2022: il motore mild hybrid Mazda2 mild hybrid 2022: il motore mild hybrid

LA MAZDA2 IN CIFRE Non male il motore, che non essendo turbo rende al meglio quando tiro le marce. Il temperamento è da piccola sportiva, con la coppia massima di 148 Nm che arriva in alto – a 4.000 giri – e una potenza di 90 CV che non fa gridare al miracolo, ma nemmeno delude. I numeri parlano chiaro: la Mazda2 M Hybrid fa segnare 183 km/h di velocità dopo uno 0-100 km/h in 9,8 secondi. Niente male per una “piccola”. Il sistema mild-hybrid ottimizza i consumi con un motogeneratore elettrico che recupera energia in frenata e riavvia il motore dopo lo start&stop. La particolarità è che non usa una normale batteria agli ioni di litio come sulle concorrenti, ma un supercondensatore (grande più o meno come una bottiglia): è più rapido a ricaricarsi e non perde efficacia col passare degli anni.

Mazda2 mild hybrid 2022: visuale di 3/4 posteriore Mazda2 mild hybrid 2022: visuale di 3/4 posteriore

QUESTIONE DI VORTICI L'altra importante novità di questo model year 2022 è il sistema Diagonal Vortex, disponibile per tutte le motorizzazioni di questo modello, che ottimizza le turbolenze nella camera di scoppio dei cilindri e taglia le emissioni di circa il 10% rispetto ai modelli che ne sono privi. A dimostrazione che, nonostante il boom dell’elettrico, c’è spazio e margine di miglioramento anche per i buoni, vecchi motori a benzina.

VEDI ANCHE



STILE E INTERNI

Mazda2 mild hybrid 2022: il posto guida Mazda2 mild hybrid 2022: il posto guida

L'intenzione della Casa di Hiroshima era proporre una piccola ammiraglia in miniatura: missione compiuta, direi, anche con l'aiuto di un abitacolo piccolo, accogliente e particolarmente silenzioso. Ben studiata l’ergonomia dei sedili, che offrono un buon sostegno senza ricorrere a fianchetti troppo pronunciati, che potrebbero rendere meno agevole salire e scendere dall'auto.

Mazda2 mild hybrid 2022: il selettore per muoversi nell'infotainment Mazda2 mild hybrid 2022: il selettore per muoversi nell'infotainment

ELEGANZA JAP Gli interni non sono da meno, con la caratteristica plancia asimmestrica dal design minimalista molto elegante, e materiali che trasmettono netta l'impressione di trovarsi a bordo di una piccola premium. In tessuto tecnico i sedili dell’auto in prova, nell’allestimento Exceed, mentre sono in pelle i rivestimenti della plancia e dei braccioli nei pannelli porta. Una qualità che poche, in questo segmento, possono vantare.

Mazda2 mild hybrid 2022: il bagagliaio Mazda2 mild hybrid 2022: il bagagliaio

SPAZIO Generoso lo spazio a bordo, più per chi siede davanti che per chi sta dietro. Un po’ sacrificati, ma in quattro comunque non si viaggia affatto male. In cinque, se possibile, eviterei. Non male per una citycar il bagagliaio, con una capienza che va da 280 a 950 litri con gli schienali del divano posteriore (frazionato 60:40) abbassati. Unica pecca, su un’auto così attenta a finiture e rivestimenti, le pareti dei bagagliaio in plastica rigida.

PREZZI, VERSIONI, DOTAZIONI

Rispetto alla sorella full hybrid, la Mazda2 mild hybrid ha poi un prezzo d'attacco più basso di 1.600 euro. Per la M Hybrid si parte dai 18.700 euro dell'allestimento Evolve, che comprende già di serie Apple Carplay in versione wireless e Android Auto via cavo, il clima manuale e il cruise control, oltre alla frenata automatica di emergenza con riconoscimento dei pedoni e al G-Vectoring Control Plus di cui sopra. 

Mazda2 mild hybrid 2022: visuale laterale Mazda2 mild hybrid 2022: visuale laterale

SALENDO DI LIVELLO Con 22.200 euro si porta a casa l'allestimento Exceed (quello che abbiamo provato oggi, per intenderci) con navigatore e pack i-Activesense Technology opzionali, che fanno fare agli aiuti alla guida un deciso salto di qualità: non c'è la guida assistita di secondo livello, ma sono comunque presenti il monitoraggio dell'angolo cieco, la frenata automatica d'emergenza in città e gli abbaglianti automatici. Questa potrebbe sembrare la scelta più equilibrata, va detto però che a 23.450 euro c'è la top di gamma Exclusive, che ha già tutto di serie e aggiunge gli utilissimi riconoscimento dei segnali stradali e cruise control adattivo. Se è il look sportivo quello che cercate, la serie speciale Homura è quello che fa per voi: si parte da 19.600 euro per la versione mild hybrid, con dettagli della carrozzeria in nero lucido, colore che ritorna anche nell’abitacolo, punteggiato da aggressivi tocchi di rosso.

SCHEDA TECNICA MAZDA2 SKYACTIV G M HYBRID

Motore 1..496 cc, 4 cilindri, benzina mild-hybrid
Potenza 90 CV a 6.000 giri
Coppia 148 Nm a 4.000 giri
Velocità 183 km/h
0-100 km/h 9,8 secondi
Cambio Manuale a 6 marce
Trazione Anteriore
Consumi dichiarati 4,7 l/100 km
Dimensioni 4,07 x 1,70 x 1,50 m
Bagagliaio Da 280 a 950 litri
Prezzo Da 18.700 euro

Pubblicato da Claudio Todeschini, 02/03/2022
Gallery
Listino Mazda Mazda2
Allestimento CV / Kw Prezzo
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 75 CV Evolve 75 / 55 18.300 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Evolve 90 / 66 18.300 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Exceed 90 / 66 20.400 €
Mazda2 1.5 Skyactiv-G M Hybrid 90 CV Exclusive 90 / 66 23.050 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Mazda Mazda2 visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Mazda Mazda2
Vedi anche
Logo MotorBox