Pubblicato il 28/07/20

RENEGADE ALLA SPINA Di certo è la più attesa tra le Renegade e probabilmente è anche la più attesa tra le nuove auto plug-in hybrid: eccomi a bordo della Jeep Renegade “quattro per E”, sigla che indica una trazione 4x4 in cui due ruote – quelle posteriori – sono mosse dall'energia elettrica. Lo schema promette bene per l'uso cittadino, dove la batteria da 11,4 kWh consente un'autonomia di circa 50 chilometri nella marcia puramente elettrica, con tempi di ricarica compresi tra 2 e 5 ore secondo la potenza della presa. Ma qui stiamo parlando di una Jeep, marchio che incarna l'idea stessa di fuoristrada. E non è che rinunciare a una trazione integrale tradizionale comporti qualche limite? Una cosa per volta.

 

GLI INTERNI

LE MISURE CHE CONTANO Prima di affrontare percorsi alternativi concentriamoci sul casa-ufficio, dove la Renegade 4xe fa valere ingombri ridotti senza rinunce sul fronte della praticità: 4,24 metri di lunghezza e un bagagliaio che va da 330 a 1.277 litri con i sedili posteriori abbattuti, con un volume quindi di soli 20 litri inferiore a quello delle Renegade tradizionali (qui la guida alle formule d'acquisto).

Jeep Renegade 4xe, il bagagliaio

A BORDO Gli interni hanno un look giovane e frizzante e badano più alla solidità che al lusso, ma tutto si intona alla perfezione con il carattere sportivo e outdoor del marchio Jeep. Bene l'abitabilità in rapporto alle dimensioni e il vano di carico ha una conformazione regolare che aiuta a sfruttare fino all'ultimo centimetro.

IL TUNNEL C'È ANCORA A distinguere la Renegade 4xe dalle sorelle a motore tradizionale provvede solo una strumentazione dedicata, qualche mostrina e la modalità di guida Sport, ma chi si aspetta di trovare un pavimento piatto tra i sedili posteriori, visto che qui l'albero di trasmissione non serve, rimarrà deluso: la gobba c'è ancora ed è occupata da una parte della batteria. 

 

AL VOLANTE

QUANTO FA? A batterie si raggiungono i 130 km/h, mentre la potenza combinata del motore a benzina e di quello elettrico da 60 cavalli raggiunge i 190 CV nella Renegade in allestimento Limited e 240 CV nelle versioni S e Trailhawk, tanto da farne le versioni più pimpanti dell'intera gamma. La Limited raggiunge i 182 all'ora di velocità massima copre lo 0-100 in 7,5 secondi; 199 km/h la velocità di Renegade S e Trailhawk, che bruciano lo sprint in 7,1 secondi. Il tutto con consumi medi di circa 2 l/100 km, dice Jeep.

OCCHIO ALLE COLONNINE In questo pesano i chilometri fatti a batterie, che sono gratis per il computer di bordo ma non per il portafogli: prima che pensiate di poter fare il casa-ufficio a costo zero, verificate quanto pagate la corrente di casa. Il prezzo medio della corrente dalle colonnine pubbliche è attorno ai 40 centesimi al kWh e con i carburanti tradizionali in ribasso causa COVID, in acluni casi si spende meno andando a benzina o gasolio. Quindi state all'occhio! A ricaricare in garage si fa certamente di meglio e così pure scegliendo bene abbonamenti ad hoc.

Jeep Renegade 4xe in ricarica

190 PER ME POSSON BASTARE Dopo aver provato le varie motorizzazioni, non sento il bisogno dei 240 CV delle 4xe più pompate. I 190 cavalli della Limited bastano e avanzano: la spinta è notevole e così pure l'allungo, che si accompagna a sonorità sempre piuttosto discrete da parte del motore. Bene il cambio automatico a 6 marce, di serie su tutte le 4xe, che risponde con prontezza tanto in automatico quanto in manuale/sequenziale, quando gli impartisco gli ordini tramite la classica leva, ed è molto fluido nei passaggi di marcia (tranne quando si innesta la retro ad auto non completamente ferma).

AL LIMITE IN PISTA Piace lo sterzo: sensibile e progressivo, permette una buona precisione persino nell'uso in pista, con il contributo di un assetto che tiene benissimo a bada i chili extra del sistema ibrido (circa 200 rispetto alle Renegade a trazione anteriore, circa 130 kg a confronto con la diesel 4x4). In curva e nei cambi di direzione la Renegade non dà mai l'impressione di imbarcarsi e il posteriore ha ottime doti di stabilità. Quando si esagera sopraggiunge un sottosterzo progressivo e facile da controllare e basta chiedere poco di più per sentire l'inflessibile intervento dei controlli elettronici: efficaci e tempestivi, si avvertono chiaramente al volante, ma non influiscono sulla precisione di guida (che anzi, semmai esaltano). 

I VANTAGGI DELL'ELETTRICO E in fuoristrada? Secondo Jeep: “Il sistema di trazione ibrido plug-in risulta ancora più performante in termini di capability del sistema 4x4 endotermico”. Questo perché i 250 Nm di coppia del motore elettrico posteriore si dosano meglio e in modo indipendente dal motore a benzina. E in un percorso con salite molto ripide - affrontato questa volta con la Renegade Trailhawk da 240 CV - ne abbiamo verificato l'efficacia, con il plus del peso delle batterie messo in basso che abbassa il baricentro e trasmette sicurezza agli elevati gradi di inclinazione laterale. Cliccate qui per guardare il video onboard realizzato durante la nostra prova su strada.

Jeep Renegade 4xe Trailhawk in twist

ATTREZZATA DI TUTTO PUNTO A gestire la marcia provvede il famoso sistema Selec-Terrain con modalità di guida specifiche per ogni situazione: Auto per la guida normale, Sport per la guida sportiva, Mud/Sand per terreni fangosi o sabbiosi, Snow per i fondi innevati. Sulla più estrema Renegade Trailhawk c'è in più la modalità Rock: utile sui terreni super accidentati. A ciò si aggiungono le funzioni Low e Lock per il 4x4: la prima per il fuoristrada impegnativo, la seconda per bloccare la ripartizione della coppia tra anteriore e posteriore, fino a una velocità massima di 15 km/h.

GUIDA AL CENTIMETRO Ottima la precisione con cui si dosa la spinta nei twist, ossia quando l'auto è sospesa su un dosso con due sole ruote in appoggio: l'intervento dell'elettrico e delle pinze dei freni posteriori a dare l'effetto autobloccante si sente sotto forma di lievissimi contraccolpi tanto tattili quanto acustici, ma centellinare l'avanzamento del veicolo per accompagnare i trasferimenti di carico è facile. E se la batteria si scarica? Ci pensa il motore a benzina ad alimentare quello elettrico, tramite il motogeneratore integrato e la funzione “Powerlooping”.

LIMITI NE ABBIAMO? Il motogeneratore non riesce a sfruttare il 100% delle prestazioni del motore posteriore, ma ci pensa la batteria (che non si scarica mai del tutto) a continuare a fare effetto tampome per garantire una mobilità senza particolari limitazioni. Con tutta questa elettronica montata in basso verrebbe da dubitare sulle capacità di guado della Renegade 4xe, ma anche qui arrivano conferme: la profondità massima superabile è di 40 cm. Niente male!

 

DOTAZIONI E PREZZI

DI SERIE PER TUTTE Tutte le versioni di Jeep Renegade 4xe hanno cambio automatico a 6 marce, uno nuovo schermo TFT a colori da 7” al centro del quadro strumenti e un display touchscreen da 8.4” in plancia con infotainment Uconnect, integrazione Apple CarPlay, Android Auto e radio DAB. Quanto a sistemi di assistenza alla guida rispondono presente frenta automatica e mantenimento di corsia, limitatore di velocità intelligente con riconoscimento dei segnali stradali e sensori di parcheggio anteriori e posteriori. Oltre al sensore di stanchezza: una prima assoluta nel mondo Jeep.

SECONDO GLI ALLESTIMENTI La Trailhawk ha protezioni sottoscocca in acciaio e assetto rialzato per 20,1 cm di luce a terra, contro i 18,6 cm delle altre. I fari Full LED sono di serie solo sull'allestimento S e tra le dotazioni a a richiesta figurano sensore angolo cieco, retrocamera, parcheggio automatico e sistema keyless. I prezzi vanno da 38.500 a 41.500 euro – optional ed ecoincentivi esclusi – più 950 euro di messa in strada, ma già si sa che le èpossibilità di personalizzazione saranno moltissime, con un listino accessori che arriverà a superare le 100 proposte.

 

SCHEDA TECNICA JEEP RENEGADE 4XE S

Motore

4 cilindri, 1,3 litri benzina turbo plug-in hybrid – 240 CV

Prestazioni

199 km/h: 0-100 km/h in 7,1”

Dimensioni

4,24 x 1,81 x 169 m

Bagagliaio

da 330 a 1.277 litri

Trazione

integrale elettrica

Cambio

automatico a 6 marce

Prezzo

da 41.500 euro

 


TAGS: jeep renegade prova jeep renegade jeep renegade ibrida jeep renegade 4xe jeep renegade plug-in