Logo MotorBox
Test drive

Quant'è bella la Range Rover Velar! Ma l'arredo...


Avatar di Emanuele Colombo , il 21/04/24

1 mese fa - Range Rover Velar 2023: la prova della HSE plug-in hybrid da 400 CV

Range Rover Velar plug-in hybrid: prova, opinioni, prezzi
Al volante della Range Rover Velar P400e PHEV 2023 HSE: quanto consuma davvero il SUV plug-in hybrid? Prova, prezzi, opinioni

Tra i suvvoni, per me, Range Rover Velar è il più bello di tutti: anche più della Bentley Bentayga e della Rolls Royce Cullinan, rispetto ai quali è decisamente più sobrio ed elegante. Ma se alcune doti mi hanno sinceramente impressionato, ci sono anche alcuni aspetti che mi hanno lasciato un po' perplesso. Le opinioni dopo la prova su strada della versione P400e PHEV HSE, il top di gamma con motore plug-in hybrid da 400 cavalli.

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la prova su strada Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la prova su strada

DESIGN E INTERNI

C'è qualcosa di speciale nel design delle Range Rover e nella Velar in particolare. È la pulizia e l'essenzialità delle linee, che le rende intrinsecamente eleganti. E longeve. È un design che sente davvero poco il passare degli anni, il loro, e nel caso della Velar le proporzioni allungate della coda danno uno slancio che rende molto più leggero alla vista un SUV dalle dimensioni extra large. In lunghezza siamo a 4,80 m da un paraurti all'altro e in larghezza a 2,04 m con gli specchi laterali ripiegati. Forse per gli standard americani siamo ancora all'interno di una fascia media, ma per i canoni europei la Velar è un vero gigante. Un gigante che però, una volta a bordo, mi ha lasciato perplesso.

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la console centrale Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la console centrale

GRANDE FUORI, PICCOLA DENTRO Come certi appartamenti grandi, ma troppo ammobiliati, la Velar finisce per essere meno spaziosa dei quanto ti aspetti. La plancia è invadente con chi siede davanti, ma è soprattutto il quinto passeggero a essere messo in seria difficoltà dal tunnel centrale molto alto, che ospita la trasmissione, e dal mobiletto, che si avvicina al divanetto. E pure gli altri passeggeri non hanno tutti quei centimetri per le gambe che ti potresti aspettare da un SUV di queste dimensioni. Il bagagliaio ha una forma ben sfruttabile, ma la capienza di 625 litri è calcolata al tetto e non alla cappelliera. Di fatto, il vano piuttosto basso finisce prima di quanto mi aspetto da un'auto di queste dimensioni.

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, il bagagliaio Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, il bagagliaio

COMANDI E FINITURE Detto questo, l'abitacolo della Velar è un gran bel posto dove stare, per la comodità dei sedili e per la bellezza dei rivestimenti: specie in questo allestimento HSE, che alterna pelle e tessuto a dare un tono elegante e giovane. Peccato per qualche plastica un po' croccante a portata di dito, per esempio quella con cui sono realizzati lo specchio retrovisore e le levette per aprire il vano portaoggetti tra i sedili. La stessa palpebra che copre la strumentazione è dura al tatto e contrasta con la morbidezza del resto della plancia. I comandi sono quasi tutti touch e passano per l'infotainment, i cui menu sono più stilosi che intuitivi. Molte delle icone sullo schermo, poi, sono piccole e devo guardarle bene per centrarle col dito in movimento: con tutte le distrazioni del caso. Mi è capitato, per esempio, di dover rimandare la regolazione del clima perché impegnato tra le curve della Serravalle, quando un tradizionale pomellino mi avrebbe consentito di risolvere immediatamente.

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, lo schermo dell'infotainment Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, lo schermo dell'infotainment

COMFORT DA GIOVANI Un po' alte da raggiungere per le persone anziane, le sedute sono però super confortevoli. Le anteriori hanno il plus della profondità regolabile elettricamente e i poggiatesta con sostegni laterali, come su certi aerei di linea. Il passeggero anteriore ringrazia, quando si concede un pisolino. Le posteriori sono regolabili nell'inclinazione dello schienale: sempre attraverso un comando elettrico, che in questo caso si trova sul fianco del sedile. Per evitare il surriscaldamento dell'abitacolo la tendina parasole del tetto panoramico si chiude da sola quando parcheggio la vettura: un accorgimento utile e l'averci pensato dimostra una cura sopra la media. Altro accorgimento utile riguarda il portellone elettrico del bagagliaio, che sporge poco durante il movimento: in questo modo rimane più sfruttabile quando l'auto è parcheggiata vicino a una parete.

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, il volante Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, il volante

VEDI ANCHE



AL VOLANTE 

Al volante della Velar la prima cosa che noto è il silenzio: chiudo la porta e il mondo rimane fuori. Il motore sussurra sempre con grande garbo, anche quando gli chiedo di reagire alla svelta, e il cambio automatico spicca per fluidità. È fluidissimo anche il passaggio dalla guida elettrica a quella ibrida: i due motori hanno un funzionamento perfettamente armonizzato e, complice l'insonorizzazione perfetta, è davvero difficile accorgersi di quando il quattro cilindri entra in funzione. Il comfort è decisalmente la dote più spiccata di questa Range Rover, che nei lunghi viaggi ha un effetto rasserenante su tutti i passeggeri. Occhio alla velocità, però, perché superare i limiti senza accorgersene è davvero un attimo.

Il test della Range Rover Velar P400e plug-in hybrid Il test della Range Rover Velar P400e plug-in hybrid

UNA FORZA DELLA NATURA Del resto, il motore è formidabile. D'accordo, da un'auto di questo rango mi aspetterei un plurifrazionato di grossa cilindrata, ma pedigree a parte, vi sfido a lamentarvi della generosità di questo 4 cilindri elettrificato. Che è silenzioso l'ho già detto, ma quanto sia vigoroso in ripresa è difficile da spiegare: in cifre parliamo di 404 CV e 640 Nm, che spingono la Velar fino a 209 km/h dopo uno 0-100 km/h in appena 5,4 secondi. È un tempo da sportiva vera, di quelle la cui silhouette rimane molto più bassa sull'orizzonte, per intenderci, e che al tramonto disegnano sul terreno un'ombra assai più lanciata. L'impressione di potenza che si scatena in ripresa, oltretutto, è formidabile anche quando la batteria è al minimo e consente solo l'uso dell'auto in modalità ibrida. Senza contare che la modalità di guida ECO, che ho usato per la maggior parte del test nel tentativo di risparmiare benzina, non addormenta troppo la Velar e non impedisce rapidi sorpassi in autostrada, all'occorrenza. Peccato doverla riattivare manualmente ogni volta che salgo in macchina. 

I CONSUMI NEL MONDO REALE Parlando di consumi, l'autonomia elettrica dichiarata di 64 km è parsa un po' ottimistica: lontani dalle condizioni ideali di traffico e percorso, non è facile far più di una cinquantina di chilometri a motore (termico) spento. Ma se la mia preoccupazione era che, finita la batteria, avrei dovuto acquistare una petroliera dagli Emirati per far bere la Velar, beh, sono felice di annunciare che la Velar non ha alzato troppo il gomito. Quando la batteria è al minimo, in città siamo nei dintorni dei 13,5 l/100 km (7,4 km/l), dice il computer di bordo. In autostrada a velocità codice la Velar si accontenta di circa 8 l/100 km (12.5 km/l) e il mio weekend in Liguria con presa e riconsegna dell'auto in redazione, nel centro di Milano, si è risolto con una media di 10 l/100 km esatti (in km/l fa lo stesso).

Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la strumentazione Range Rover Velar P400e plug-in hybrid, la strumentazione

LA FRENATA... FRENA. ANCHE TROPPO Tra le curve, la Velar porta a spasso con dignità i suoi 23 quintali. Lo sterzo sui percorsi veloci è più sensibile e diretto di quanto ti aspetti da un SUV come questo, e ha una precisione insospettabile: che consenta di tracciare linee efficaci e disinvolte anche nei tratti più tortuosi della Milano-Genova. Soprattutto se mi avvantaggio con le varie regolazioni dei drive mode, che hanno influenza sull'assetto e, di conseguenza, anche sulla rapidità dell'auto a trovare l'appoggio in ingresso curva. Sui tornanti, ci pensa il raggio di sterzo contenuto a semplificarmi la vita. Il cambio, però, se in automatico funziona benissimo, manca un po' di prontezza quando pretendo di comandarlo a bacchetta con le palette dietro al volante. Tra le cose che mi sono piaciute meno segnalo la retrocamera, che al buio serve a poco; la luminosità del quadro strumenti, che ci mette troppo per tornare al top dopo le gallerie e una frenata automatica di emergenza che, in una rotatoria, ha fatto straordinari non richiesti: inchiodando davanti a un ciclista che stavo già evitando io con buon margine.

Alla guida della Range Rover Velar P400e plug-in hybrid Alla guida della Range Rover Velar P400e plug-in hybrid

VERSIONI E PREZZI

La Range Rover Velar plug-in hybrid attacca a listino a 84.200 euro con l'allestimento S, per salire a 92.300 euro in allestimento SE e raggiungere i 99.100 euro della HSE top di gamma: proprio come quella in prova, a cui una manciata di accessori portano il prezzo finale a 106.000 euro. Nel totale ci sono un migliaio di euro extra per la tinta Varesine Blue, 1.128 euro per i cerchi in lega da 21 pollici e altrettanti per il tetto nero a contrasto, 553 euro per i vetri posteriori oscurati, 409 euro per il tetto panoramico, 487 euro per il volante premium non in pelle. E ancora 880 euro per il Black Design Pack per la carrozzeria, 455 euro per le finiture in legno dell'abitacolo e 953 euro per il Performance Pack. A questi livelli è superfluo fare le pulci alla lista della spesa: puntate dritti al top che nella prospettiva di una rivendita futura aiuterà a rendere l'auto più appetibile. 

SCHEDA TECNICA

Motore 2,0 litri, 4 cilindri, plug-in hybrid
Potenza massima di sistema 404 CV a 5.500 giri
Coppia massima di sistema 640 Nm tra 1.500 e 4.400 giri
Velocità 209 km/h
0-100 km/h 5,4 secondi
Cambio Automatico a 8 rapporti
Trazione Integrale
Dimensioni 4,80 x 2,04 x 1,68 m
Bagagliaio Da 625 a 1.693 litri
Peso 2.280 kg
Prezzo da 84.200 euro

Pubblicato da Emanuele Colombo, 21/04/2024
Tags
Gallery
Listino Land Rover Range Rover Velar
Allestimento CV / Kw Prezzo
Range Rover Velar 2.0 Si4 250 CV 4WD Auto S 250 / 184 71.400 €
Range Rover Velar 2.0D I4 204 CV 4WD Auto S 204 / 150 73.300 €
Range Rover Velar 2.0 Si4 250 CV 4WD Auto Dynamic SE 250 / 184 78.900 €
Range Rover Velar 2.0D I4 204 CV 4WD Auto Dynamic S 204 / 150 80.700 €
Range Rover Velar 2.0 I4 PHEV 404 CV 4WD Auto S 300 / 220 84.200 €
Range Rover Velar 3.0D I6 300 CV 4WD Auto Dynamic SE 300 / 221 88.900 €
Range Rover Velar 2.0 I4 PHEV 404 CV 4WD Auto Dynamic SE 300 / 220 92.300 €
Range Rover Velar 3.0D I6 300 CV 4WD Auto Dynamic HSE 300 / 221 97.400 €
Range Rover Velar 2.0 I4 PHEV 404 CV 4WD Auto Dynamic HSE 300 / 220 99.100 €
Range Rover Velar 3.0D I6 300 CV 4WD Auto Autobiography 300 / 221 106.000 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Land Rover Range Rover Velar visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Land Rover Range Rover Velar
Vedi anche