Autore:
Giulio Scrinzi

MA CHE SUCCEDE? Dopo essere partito in sordina con il 12esimo tempo al termine delle prove libere del venerdì, Valentino Rossi sembrava aver trovato il set-up ottimale nelle FP3 del sabato mattina grazie a un convincente quinto crono assoluto che faceva ben sperare. Poi in qualifica... qualcosa è andato storto: il Dottore, infatti, non ha fatto meglio della settima prestazione sotto la bandiera a scacchi, staccato di oltre 7 decimi dal poleman Marc Marquez e sopravanzato sia dal compagno di squadra Vinales che dalla M1 privata di Zarco. Cos'è successo?

VALENTINO ROSSI La risposta l'ha data direttamente il nove volte Campione del Mondo, in un'intervista esclusiva a Motorsport.com: “All'inizio mi sentivo a mio agio in pista e giravo con dei tempi che mi avrebbero permesso di centrare la Top 5. Poi, però, in qualifica l'ultima gomma che abbiamo montato ha fatto cilecca: il grip era molto scarso e il posteriore della mia M1 scivolava da tutte le parti. In questo modo domani dovrò partire dalla terza fila: sarà difficile, perchè sarò costretto a fare una gara tutta in rimonta. Per quanto riguarda la mescola ottimale, bisogna valutare bene la scelta tra tutte e e tre le alternative portate dalla Michelin, tenendo presente che la morbida fatica un po' nelle curve a sinistra. Magari tenteremo l'azzardo come ha fatto l'anno scorso Iannone...”.


TAGS: motogp valentino rossi motogp 2017 team yamaha movistar 2017 motogp austria 2017 motogp red bull ring 2017