LEGGENDA DEL MOTOMONDIALE È uno tra i piloti più titolati del Motomondiale, grazie ai suoi nove Titoli Mondiali messi in bacheca, alle 115 gare vinte, ai 227 podi, alle 64 pole position e ai 95 giri veloci che definiscono il suo palmares. Di chi stiamo parlando? Ma certo, di Valentino Rossi, la leggenda della MotoGP!

CARRIERA INFINITA Ma com’è iniziata la sua carriera? Il suo esordio è avvenuto nel 1996, a bordo di un’Aprilia 125 con la quale ottenne la sua prima vittoria iridata nel GP della Repubblica Ceca, sul circuito di Brno. Quella fu per lui una stagione di apprendistato, che gli consentì di dare il massimo nel successivo Campionato 1997, nel quale conquistò il suo primo Titolo Mondiale. A quel punto passò in 250, con la quale nel 1999 ripetè l’impresa già firmata due anni prima. Nel 2000, di nuovo lo stesso copione: passò in 500 e gli bastò una sola stagione per adattarsi, in modo da piazzare la zampata vincente in quella successiva.

LEADER DELLA MOTOGP Siamo nel 2001 e Rossi, a quel punto, era già un tre volte Campione del Mondo su più classi (125 – 250 – 500). Nel 2002 ci fu il passaggio dalle 500 due tempi alle MotoGP a quattro tempi, ma Valentino non battè ciglio: in sella alla sua Honda RC211V del team Repsol, arrivò sul tetto del mondo sia in quella stagione che nella successiva. In quel momento gli serviva uno stimolo forte per continuare a correre, visto il dominio incontrastato del quale si era reso protagonista. Per questo motivo cambiò team e passò alla Yamaha, che fino a quel momento navigava in acque decisamente poco tranquille. Alla sua prima gara in quel di Welkom, in Sudafrica, portò la M1 davanti a tutti, vincendo un grande testa a testa con Max Biaggi. Ma il risultato più grande arrivò a fine Campionato, con la vittoria del suo sesto Mondiale.

LA SFIDA DELLA DUCATI Il settimo arrivò l’anno seguente (2005), mentre nel 2006 e 2007 pagò la maggiore competitività (e fortuna) prima della Honda di Nicky Hayden e poi della Ducati di Casey Stoner. Nel 2008, tuttavia, mise di nuovo le cose a posto, vincendo di nuovo il Mondiale e bissandolo nella stagione successiva. L’arrivo di Jorge Lorenzo in squadra, però, creò alcune difficoltà di troppo, al punto che nel 2011 accettò la sfida proposta dalla Ducati. Il biennio passato in sella alla Desmosedici non fu troppo positivo, al punto che nel 2013 prese la decisione di tornare da dove era partito.

VOGLIO ARRIVARE A DIECI Dal 2014 al 2016 è stato vice-Campione del Mondo per ben tre volte in sella alle ultime versioni della Yamaha M1, mentre l’anno scorso ha vissuto una delle stagioni più avare di risultati degli ultimi anni. Forse a causa dei problemi cronici della quattro cilindri dei Tre Diapason, forse anche per quell’incidente in allenamento con la moto da cross… Sta il fatto che nel 2018 Rossi avrà una delle ultime possibilità per centrare il suo decimo Titolo e fare cifra tonda. Ce la farà a confermarsi di nuovo come il più forte di tutti i tempi?

Segui Valentino Rossi

Sito Ufficiale  Twitter  Facebook  Youtube  Instagram

STATISTICHE

Stagione Categoria Partenze Tot. Pole Team Punti Posizione
2017 MotoGP 17 1 3 2 6 0 Yamaha 208 5
2016 MotoGP 18 2 6 2 10 3 Yamaha 249 2
2015 MotoGP 18 4 3 8 15 1 Yamaha 325 2
2014 MotoGP 18 2 6 5 13 1 Yamaha 295 2
2013 MotoGP 18 1 1 4 6 0 Yamaha 237 4
2012 MotoGP 18 0 2 0 2 0 Ducati 163 6
2011 MotoGP 17 0 0 1 1 0 Ducati 139 7
2010 MotoGP 14 2 2 6 10 1 Yamaha 233 3
2009 MotoGP 17 6 5 2 13 7 Yamaha 306 1
2008 MotoGP 18 9 5 2 16 2 Yamaha 373 1
2007 MotoGP 18 4 3 1 8 4 Yamaha 241 3
2006 MotoGP 17 5 4 1 10 5 Yamaha 247 2
2005 MotoGP 17 11 3 2 16 5 Yamaha 367 1
2004 MotoGP 16 9 2 0 11 5 Yamaha 304 1
2003 MotoGP 16 9 5 2 16 9 Honda 357 1
2002 MotoGP 16 11 4 0 15 7 Honda 355 1
2001 500cc 16 11 1 1 13 4 Honda 325 1
2000 500cc 16 2 3 5 10 0 Honda 209 2
1999 250cc 16 9 2 1 12 5 Aprilia 309 1
1998 250cc 14 5 3 1 9 0 Aprilia 201 2
1997 125cc 15 11 1 1 13 4 Aprilia 321 1
1996 125cc 15 1 0 1 2 1 Aprilia 111 9

 


TAGS: valentino rossi valentino rossi #46 motogp 2018 team yamaha motogp 2018 piloti italiani motogp 2018 valentino rossi team yamaha motogp 2018