Autore:
Emanuele Colombo

IL SIGNORE DEGLI ANELLI Fuori, l'aspetto è quello di un anello da portare al dito, disponibile in due diversi look e 12 taglie. Dentro, l'anello di Kerv Wearables ha la tecnologia NFC per i pagamenti contactless: si appoggia a una carta prepagata di Mastercard per effettuare pagamenti fino a 34 euro.

FA TUTTO DA SOLO Il bello è che per funzionare non ha bisogno di appoggiarsi ad altri dispositivi collegati a internet (i pagamenti NFC tramite smartphone non sono certo una novità) e non ha nemmeno bisogno di ricaricarsi. Non solo: Kerv è fatto di ceramica antigraffio ed è completamente impermeabile.

EPPUR SI SPEGNE Per maggiore sicurezza, Kerv può essere disattivato e si possono impostare notifiche via sms o email per ogni pagamento effettuato con l'anello. Kerv si compra online sul sito kerv.com e costa circa 114 euro, ma i tempi di attesa per averlo sono lunghi: ben 6 settimane, riporta il sito.

TIPO DA SPIAGGIA Utile quando si fa sport o si va in spiaggia, dove magari non si vuole rischiare di lasciare il portafogli incustodito, Kerv sarebbe comodissimo per i motociclisti, che non avrebbero più bisogno di cercare il portafogli sotto la tuta al casello dell'autostrada.

DOVE LO USI Per ora, va detto, Kerv funziona in circa 6 milioni di esercizi sparsi per il mondo, ma caselli abilitati ai pagamenti NFC non ne conosciamo. Quanti però, segretamente, ambirebbero mostrare il dito medio alla petulante macchinetta che dice: “Introdurre il denaro o la carta”?


TAGS: smartphone wearable NFC carta di credito kerv mastercard pagamenti contactless chip nfc anello kerv wearables anello nfc