Autore:
Giulio Scrinzi

DI NUOVO AL LAVORO Dopo le splendide vittorie del nostro Franco Morbidelli in Moto2 e di Joan Mir in Moto3, alcuni team delle classi minori del Motomondiale si sono fermati ieri ad Aragon per una giornata di test. Lo scopo? Effettuare delle prove comparative tra alcune nuove componenti che potrebbero tornare utili non solo per il prossimo trittico extraeuropeo previsto da calendario, ma anche per la stagione 2018.

MOTO2: TANTE NOVITÀ IN PISTA Per quanto riguarda la Moto2, si sono dimostrati tra i più attivi in pista sul MotorLand innanzitutto il team Marc VDS, al lavoro solamente con il nostro Franco Morbidelli su alcune nuove tarature delle sospensioni Ohlins. Il compagno di squadra Alex Marquez, infatti, ha preferito riposare in vista dell'imminente trittico, dal momento che domenica ad Aragon si è dovuto ritirare per non aver recuperato a dovere dall'infortunio di Misano. Tra i cordoli anche Mattia Pasini con la sua Kalex del team Italtrans Racing, assieme ai due titolari della KTM Oliveira e Binder, che si sono concentrati su un nuovo forcellone posteriore creato per migliorare il grip e delle inedite pinze freno della Brembo. Cortese e Schrotter hanno potuto provare un nuovo telaio della loro Suter, mentre allo Sky Racing Team VR46 la Kalex ha affidato un nuovo forcellone. Da menzionare infine il lavoro di Thomas Luthi, alle prese con le nuove gomme portate dalla Dunlop dal profilo più ampio e piatto.

MOTO2: VERSO IL FUTURO Oltre ai soliti protagonisti, al MotorLand sono scesi in pista anche l'americano Joe Roberts, che vedremo in griglia l'anno prossimo con il team RW Racing GP e che ha avuto modo di provare il telaio NTS con il quale esordirà nel 2018. Il suo, però, non è stato l'unico esordio di giornata, dal momento che tra i cordoli è stato visto anche Danny Kent in sella alla Speed Up.

MOTO3: HONDA CONTRO KTM Sul fronte della Moto3 la giornata di test di Aragon ha portato in scena una lotta serrata tra le formidabili Honda e le KTM. Dopo la vittoria di domenica, Joan Mir ha voluto concentrarsi sul miglioramento del grip in condizioni di alta temperatura, mentre Aron Canet, Enea Bastianini e Jorge Martin si sono dedicati a delle prove di long run. Dal canto loro, le KTM di Mattighofen si sono presentate con Niccolò Antonelli e Bo Bendsneyder ma anche con i titolari dello Sky Racing Team VR46, con lo scopo di mettere una pezza il prossimo anno al dominio delle due ruote della Casa dell'Ala Dorata.


TAGS: moto2 motogp moto3 motogp 2017 moto2 2017 moto3 2017 moto2 test aragon 2017 moto3 test aragon 2017