Pubblicato il 12/03/21

TEMPESTA GUASTAFESTE La stessa sabbia che ha provato a rovinare i test di Formula 1 a Sakhir, in Bahrain, è riuscita nel suo intento con la MotoGP a Losail, in Qatar, dove le moto non sono potute scendere in pista per quasi tutta la giornata a causa della pericolosità dell'asfalto. I marshall hanno rimosso la sabbia nel tardo pomeriggio e così dalle 17.45 ora italiana - le 19.45 ora locale - i centauri della classe regina hanno timidamente iniziato a lasciare i box. Nel resto della giornata gli unici due piloti a siglare un tempo erano stati Pol Espargaro (Honda) e Danilo Petrucci (KTM), girando entrambi sopra ai 2 minuti e separati da 5 millesimi di secondo.

PETRUX PER LA FIRMA Negli ultimi 75 minuti, invece, qualche pilota in più ha deciso di cimentarsi con l'insidioso manto stradale di Losail. Il più veloce a fine giornata è stato lo stesso Danilo Petrucci, autore di un giro in 1:58.157, lontano 5 secondi dalla migliori performance di questi giorni (Miller il 10 marzo scorso) e a 3''2 dal suo migliore. Dietro di lui le Honda di Stefan Bradl a 1''2, e di ta Taka Nakagami a 1''6, poi la KTM di Binder a circa 3'', di poco davanti a Pol Espargaro (Honda), con il tempo realizzato nella mattinata. I test si sono chiusi in anticipo per quasi tutti i team che ne hanno approfittato per fare i bagagli e salutare il Qatar. Sarà un arrivederci a prestissimo però, visto che nel weekend del 28 marzo e in quello successivo la pista di Losail sarà teatro delle due gare inaugurali della stagione.

Test Losail MotoGP - Tempi venerdì 12 marzo 2021

Clicca qui per il recap di tempi e giri nei sei giorni di test MotoGP 2021 a Losail


TAGS: yamaha honda suzuki aprilia ducati ktm motogp valentino rossi danilo petrucci enea bastianini jack miller aleix espargaro maverick vinales pol espargaro lorenzo savadori alex rins francesco bagnaia brad binder miguel oliveira franco morbidelli johann zarco joan mir luca marini Fabio Quartararo Test Qatar Test Losail Taka Nakagami Alex Marquez Iker Lecuona Jorge Martin MotoGP 2021