Autore:
Giulio Scrinzi

GP DELLE AMERICHE Cinque su cinque, sia in termini di vittorie che di partenze dalla prima casella. Questo è il palmares del trionfatore assoluto sul Circuit Of The Americas, quel Marc Marquez che nella gara di domenica è stato in grado di ritornare al vertice dopo il passo falso dello scorso appuntamento argentino. Medaglia d'argento per Valentino Rossi, ora leader del mondiale con 6 punti di vantaggio sul compagno di squadra Maverick Vinales, caduto dopo sole due curve per tenere il ritmo del gruppo di testa. Terza posizione, infine, per Daniel Pedrosa, mentre le Ducati ufficiali hanno tagliato la bandiera a scacchi decisamente più staccate: Andrea Dovizioso è arrivato sesto, Jorge Lorenzo nono.

VALENTINO ROSSISono molto contento del mio risultato – ha commentato il Campione di Tavullia – Sono riuscito a spingere forte fino alla fine, quando ho avuto la meglio su Dani proprio a due giri dalla fine, nonostante la penalizzazione che ho ricevuto per il fuori pista causato dalla carenata di Zarco. Poco male, perchè ora sono in testa al Campionato con sei punti di vantaggio su Vinales: è una grandissima sorpresa ed è meglio che mi goda il momento, perchè sarà dura rimanere davanti”.

MAVERICK VINALESSono molto dispiaciuto per la gara e anche per il lavoro che ha fatto la mia squadra – ha confessato il pilota di Figueres – È stata una caduta strana, non so cosa sia successo: quando sono scivolato la mia velocità era più bassa del solito, forse è stato un problema di gomme visto che avevo ricevuto un paio di avvertimenti all'inizio del secondo giro. È un vero peccato, perchè in questo modo ho perso tanti punti per niente”.

MARC MARQUEZNon è stata una gara facile dopo quello che è successo in Argentina – ha ammesso il numero 93 – Il mio obiettivo era portare a casa una vittoria, in modo da limitare il distacco dalla vetta del Campionato: ora ho solo 18 punti di svantaggio da Valentino, e se prima di questo weekend avevo perso un po' di fiducia, ora il Mondiale è di nuovo riaperto!”.

DANIEL PEDROSASono soddisfatto di aver centrato il gradino più basso del podio – ha affermato lo spagnolo della Honda – Anche se nel finale di gara la gomma anteriore ha iniziato ad accusare un degrado veramente elevato che mi ha costretto a rallentare. È stato un peccato, perchè non ho potuto battagliare con Valentino in modo da difendere la mia seconda posizione”.

JORGE LORENZOLa mia nona posizione non è certamente buona – ha ammesso il ducatista numero 99 – Ma guardiamo il lato positivo: durante l'intero fine settimana ho preso due secondi al giro sul passo, mentre in gara sono riuscito a chiudere a 17 secondi dal vincitore. Sarebbero stati anche di meno senza il graining sulla gomma anteriore, il che mi avrebbe permesso di chiudere settimo alle spalle di Dovizioso. Nonostante tutto, però, la situazione è migliorata”.

ANDREA DOVIZIOSOParlo per me e per la mia squadra: non siamo contenti di questo risultato e non siamo nelle condizioni che vorremmo essere – ha affermato il forlivese della Ducati – Non siamo abbastanza competitivi e non abbiamo un piano ben preciso: è arrivato il momento di metterci a tavolino e parlare del nostro futuro. Cerco di stare calmo e affrontare la situazione con lucidità, ma sono il primo ad essere estremamente deluso”.


TAGS: motogp valentino rossi jorge lorenzo andrea dovizioso marc marquez maverick vinales daniel pedrosa motogp 2017 motogp austin 2017 motogp usa 2017 dichiarazioni motogp austin 2017