Cool Factor

Triumph Street Triple RS: il suo DNA sportivo nella prova su strada e in pista


Avatar di Danilo Chissalé , il 20/05/22

1 mese fa - La Triumph Street Triple RS 765: la prova video su strada e in pista

La Street Triple RS 765 è la punta di diamante delle naked medie Triumph: il suo Cool Factor? Il DNA sportivo. La prova video

Chi ama la guida sportiva in moto sogna le supersportive, ma quelle odierne sono ormai delle vere e proprie repliche delle moto da corsa: difficili da godere a pieno su strada e onerose da acquistare. Per continuare a sognare ci sarebbero le maxi naked, che dalle sportive derivano e hanno una posizione di guida più confortevole, ma anche loro per essere sfruttate a pieno (o quasi) necessitano d’impegno fisico e mentale. Scendendo di categoria, tra le naked medie, è possibile trovare la quadratura del cerchio: prestazioni a misura d’uomo e costi d’acquisto e gestione più ragionevoli. Tra le migliori di questo segmento c’è un’inglesina tutto pepe che ben conosciamo, la Triumph Street Triple RS. Il suo pezzo forte, anzi, Cool Factor? Il DNA sportivo. Andiamo a vedere perché, dai che si va!

Triumph Street Triple RS Triumph Street Triple RS

COME È FATTA

La Street Triple RS viene spesso definita da appassionanti e addetti del settore una sportiva spogliata delle carene, ed effettivamente i punti di contatto con la sportiva di casa Daytona, ormai relegata solamente a essere una serie limitata, sono evidenti. Il telaio doppia trave in alluminio infatti è stretto parente di quello della Daytona, ma sono da sportiva anche il peso a secco di soli 166 kg e i valori di potenza e coppia del tre cilindri in linea da 765 cc: 123 CV a 11.750 giri/min e 79 Nm di coppia massima a 9.350 giri/min, quest’ultima cresciuta come valore assoluto rispetto alla precedente generazione e aumentata del 9% ai medi regimi. Tutto merito del lavoro fatto con i tecnici che sviluppano i motori per la Moto2… dicevamo del DNA racing?

La Street Triple RS 765 La Street Triple RS 765

CICLISTICA Per divertirsi su strada non basta solo un buon, anzi ottimo motore, la ciclistica deve essere di livello assoluto. Sulla Street Triple RS i tecnici di Triumph non sono scesi a compromessi. All’anteriore la forcella è una Showa “big piston” da 41 mm e corsa di 115 mm completamente regolabile, al posteriore il mono ammortizzatore è un Öhlins STX40 con serbatoio separato e corsa di 131 mm, anche lui completamente regolabile. Anche l’impianto frenante si avvale di componentistica al top, la Street Triple RS è dotata di pinze anteriori monoblocco radiali Brembo M50 a 4 pistoncini, dischi da 310 mm, una pompa freno Brembo MCS con leva regolabile, oltre ad una pinza posteriore scorrevole Brembo. Ciliegina sulla torta gli pneumatici di primo equipaggiamento Pirelli Diablo Supercorsa SP, ovverosia le prestazioni di uno pneumatico da pista, ma omologato per la strada. E l’elettronica? Ovviamente non manca, ci sono 5 riding mode (di cui uno con setting specifico per la pista e uno personalizzabile), quickshifter bidirezionale, ABS Cornering e controllo di trazione… peccato solo che le grafiche della strumentazione non siano immediatissime da consultare, mentre navigare nei menù è un gioco da ragazzi con il joystick a 5 vie e i pulsanti retro illuminati.

La Triumph Street Triple RS su strada La Triumph Street Triple RS su strada

COME VA: PROVA E COOL FACTOR

L'ergonomia è un compromesso che trovo ottimo: è sportiva e raccolta con un carico percepibile sull’anteriore, ma non estrema, divertente ed efficacie su strada ma non troppo stancante. Il manubrio è proprio lì dove lo vorresti, così come le pedane, almeno su strada. La Street Triple RS è il punto di riferimento per piacere di guida e facilità. È agile, compatta e leggera, ma non per questo nervosa e anche il motore dà il suo contributo in questo: fluido e pastoso, dolce nella risposta ai bassi e rabbioso nell’allungo… con un sound che è tutto un programma. Il suo pane sono i percorsi ricchi di curve, qui la Street Triple RS ha pochissime rivali su piazza (ad oggi). L’assetto sportivo rende la RS precisa come una spada, basta puntare lo sguardo al punto di corda e lei lo raggiunge in men che non si dica, con linearità e progressività nella discesa in piega, unite a una solidità granitica in appoggio, che rendono la Speed Triple RS 2020 una moto da cui non scenderesti mai. Tanta sportività però compromette leggermente il confort, specialmente quando l'asfalto non è liscio come il tavolo di un biliardo, forse un set up meno estremo la renderebbe ancor più godibile… nulla a cui due click non riescano a porre rimedio. A proposito, in fondo all'articolo potete scaricare il file con i consigli per il settaggio delle sospensioni.

VEDI ANCHE



La Triumph Street Triple RS in pista La Triumph Street Triple RS in pista

DALLA STRADA ALLE CORSE Non vi ho ancora convinto sul suo animo racing? Allora sentite qua. Quest’anno è nata una nuova categoria nel mondo delle competizioni, la Supersport Next Gen, che permette anche alle moto di cilindrata superiore ai 600 cc di gareggiare. Indovinate quale Triumph può correrci? Esatto, proprio la Street Triple… con le carene della vecchia Daytona, ma questa è un’altra storia. Ma una naked può essere una valida base di partenza per una moto da competizione? Per scoprirlo l’ho portata in pista a Varano. E il bello della Street Triple è che unisce la facilità delle naked alle prestazioni delle supersportive, con lei ci si diverte su una statale quanto tra i cordoli di un circuito, magari tecnico e tortuoso come il circuito in parmense. Tra i cordoli tutte le sensazioni positive avvertite su strada si amplificano. Il ritmo si alza, le staccate si fanno più profonde e gli ingressi in curva sempre più garibaldini ma lei non fa una piega. Sta lì, granitica nel suo anteriore, svelta nei cambi di direzione e dannatamente veloce nell'uscire dalle curve. I freni Brembo sono potentissimi e modulabili, tanto potenti da mettere in difficoltà l'ABS nelle frenate più decise. Vi ricordate delle pedane? Su strada sono in posizione perfetta, in pista si vorrebbe forse un po' più di luce a terra.

Triumph Street Triple RS: il 3/4 posteriore Triumph Street Triple RS: il 3/4 posteriore

PREZZO 

Rispetto alle sorelle meno ''affilate'', Street Triple S e R, la RS costa un po' di più: il prezzo parte infatti dai 12.295 Euro, ma in compenso non le manca niente per essere la moto definitiva sia su strada che in pista.

SCHEDA TECNICA

MOTORE 3 cilindri in linea, Euro 5
CILINDRATA 765 cc
POTENZA 123 CV a 11.750 giri/min
COPPIA 79 Nm a 9.350 giri/min
PESO  166 kg a secco
PREZZO 12.295 Euro

Danilo con la Triumph Street Triple RS Danilo con la Triumph Street Triple RS

ABBIGLIAMENTO

  • Casco X-lite X 803 RS
  • Giacca Alpinestars T-GP Plus R V3 Air (in pista tuta Dainese Misano 2 D-Air)
  • Guanti Dainese Steel Pro
  • Rev'It Brentwood
  • Stivali Dainese Axial D1

Pubblicato da Danilo Chissalè, 20/05/2022
Tags
Gallery
Listino Triumph Street Triple
Allestimento CV / Kw Prezzo
Street Triple 660 S 95 / 70 8.995 €
Street Triple 765 R 118 / 87 9.995 €
Street Triple 765 RS 123 / 90 12.295 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Triumph Street Triple visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Triumph Street Triple
Vedi anche
Logo MotorBox