Yamaha XMax 300 Tech Max, prova: come va, pregi e difetti
Day by Day

Yamaha XMax 300 Tech Max: il primo della classe. La prova


Avatar di Michele Perrino , il 16/01/22

4 mesi fa - Yamaha XMax 300 Tech Max: la prova dello scooter un po' maxi e un po' mini

Perché Yamaha XMax 300 è il mio preferito tra gli scooter 300? Tanta agilità, buon comfort e capacità di carico da... utilitaria. Prova

Ho guidato Yamaha XMax 300 Tech Max in occasione della nostra comparativa scooter 300 – Honda Forza 350 e Beverly 400 S gli sfidanti – ed è stato amore a prima vista. Vi racconto perché, tirate le somme, l’ho preferito ai 2 rivali dopo la prova su strada.

Yamaha XMax 300 2021 Yamaha XMax 300 2021

COM’È FATTO

In versione Tech Max l’XMax 300 si tira a lustro, strizzando l’occhio a chi, anche su uno scooter, cerca il massimo in termini di look e finiture. Ci pensano la colorazione Power Grey – ma c’è anche la Dark Petrol con cerchi oro – la sella speciale con imbottiture in pelle, il fanale posteriore fumé, le manopole dedicate, i poggiapiedi in alluminio e tanti altri particolari a farne uno scooter davvero bello da vedere. A completamento della sontuosa dotazione, fari a LEDsistema smartkey, con quest'ultimo che permette di avviare lo scooter, aprire la sella e il vano portaoggetti tenendo la chiave comodamente in tasca. La strumentazione, mista analogico-digitale, può contare su due quadranti e un display centrale in bianco e nero: si scorre nel menù – dove troviamo anche contachilometri parziale, consumo e velocità media – a colpi di pollice con un tasto posizionato sul blocchetto destro.

Yamaha XMax 300 2021: il gigantesco sottosella Yamaha XMax 300 2021: il gigantesco sottosella

PER UNA LEGIONE Ma l’XMax 300 non è sola apparenza e, alla voce capacità di carico, mette in riga tutti. Lo sconfinato vano sottosella, infatti, ospita 2 caschi integrali e qualcosa di più – magari un antipioggia – ed è dotato di luce di cortesia. Ottimi anche i 2 vani nel retroscudo, oltretutto ben rifiniti grazie alla copertura in tessuto: quello di sinistra si può chiudere sotto chiave e al suo interno c’è una presa a 12V per la ricarica dello smartphone.

Yamaha XMax 300 2021: il motore da 292 cc è brillante ma parco nei consumi Yamaha XMax 300 2021: il motore da 292 cc è brillante ma parco nei consumi

MOTORE E CICLISTICA

Il monocilindrico da 292 cc eroga 28 CV a 7.250 giri/min e 29 Nm a 5.750 giri/min col controllo di trazione TCS sempre pronto a vigilare sull’operato del pilota. Il telaio è abbinato a una forcella telescopica – con doppia piastra di sterzo – e a una coppia di ammortizzatori posteriori regolabili nel precarico. Per quanto riguarda i freni, invece, troviamo un disco da 267 mm all’anteriore e uno da 245 mm al posteriore, con cerchi da 15” davanti e da 14” dietro e pneumatici in misura 120/70 e 140/70. Il peso? Sulla bilancia l’XMax 300 Tech Max fa segnare un 180 kg in ordine di marcia.

Yamaha XMax 300 2021: posizione di guida comoda e tanto spazio Yamaha XMax 300 2021: posizione di guida comoda e tanto spazio

COME VA: LA PROVA

Una volta in sella all’XMax 300 penso Ma dove è finita tutta quella sportività? Sì perché la posizione di guida è comoda, un po’ infossata, con il sedere in basso – la sella è a 795 mm da terra – e le gambe abbastanza raccolte sulla pedana. Il vantaggio, però, è che sull’XMax 300 Tech Max poggiare a terra i piedi è piuttosto semplice, anche per chi non è un cestista. Quando arriva il momento di partire il 300 Yamaha si conferma rassicurante, per merito di comandi morbidi e precisi; in particolare mi piacciono le leve dei freni ben sagomate e giustamente distanziate dalle manopole, facilmente raggiungibili anche da chi non ha... le manone di Gianni Morandi. Il motore è fluido e scatta con un leggero ritardo rispetto a quanto mi aspetterei nelle... manche da semaforo a semaforo ma in velocità si riprende con gli interessi, evidenziando una bella ripresa. E il bello è che nonostante brillanti prestazioni lo scooter Yamaha è generoso nei consumi: 26,6 km/litro in città, 32,6 km/litro in autostrada e 31 km/litro in extraurbano, col serbatoio da 13 litri capace di percorrenze che sfiorano (e forse superano) i 400 km. Buono il comportamento dei freni, ma niente di più: manca infatti un po’ di mordente, soprattutto quando in velocità si vuole tirare la “staccata” all’ultimo metro, circostanza nella quale si è costretti a tirare con un po' troppa forza le leve.

VEDI ANCHE



Yamaha XMax 300 2021: agilissimo ma anche stabile Yamaha XMax 300 2021: agilissimo ma anche stabile

ALZA IL RITMO Arriva un momento, però, nel quale l’XMax tira fuori tutta la sportività della Casa dei Tre Diapason. In particolare è l’agilità a sorprendermi: questo 300 mi piace perché ha un avantreno sveltissimo, che invoglia a fare slalom tra le macchine davvero... selvaggi. Non ti aspetteresti una discesa in piega veloce e un'inversione altrettanto rapida da uno scooter di queste dimensioni. Nelle curve, nonostante tanta sveltezza, è sempre rotondo, garante di una bella stabilità, certamente anche per merito dei Michelin City Grip 2 di generosa sezione.

Yamaha XMax 300 2021: tanto spazio a bordo e distanze giuste, sta comodo anche il passeggero Yamaha XMax 300 2021: tanto spazio a bordo e distanze giuste, sta comodo anche il passeggero

UNA POLTRONA PER DUE L’XMax 300, insomma, si disimpegna bene soprattutto in città dove si divincola molto bene, rivelandosi davvero molto comodo per merito di un assetto che è disposto ad accettare (quasi) tutto. Attenzione però a esagerare perché la coppia di ammortizzatori al posteriore è incline al fondo corsa e sui dossi presi in velocità il rischio è di ricevere brutti contraccolpi. Anche il passeggero gode di un ottimo comfort: la porzione di sella a lui dedicata è ampia, le pedane sono collocate alla giusta distanza e le maniglie permettono di aggrapparsi piuttosto facilmente.

Yamaha XMax 300 2021: il cupolino è regolabile, ma il meccanismo è troppo macchinoso Yamaha XMax 300 2021: il cupolino è regolabile, ma il meccanismo è troppo macchinoso

AL RIPARO Anche quanto a protezione aerodinamica l’XMax 300 Tech Max dice la sua, deviando bene i flussi dal corpo del pilota ma lasciando un po’ esposta la zona delle spalle. Il parabrezza è regolabile – ma il sistema decisamente macchinoso, prevede l’uso di brugola e cacciavite – ed è possibile alzarlo di 50 mm: vista l’esclusività dell’allestimento un meccanismo anche manuale ma più comodo sarebbe stato gradito. Infine, venendo al funzionamento dei controlli, buono il comportamento sia di ABS che di TCS, la loro presenza è gradita ma mai invasiva.

Yamaha XMax 300 è disponibile in versione standard e Tech Max come quella della prova Yamaha XMax 300 è disponibile in versione standard e Tech Max come quella della prova

VERSIONI E PREZZI

Lo Yamaha XMax 300 Tech Max è proposto - per il 2022 - al prezzo di 6.499 Euro franco concessionario, mentre per l'XMax 300 standard ne bastano 6.099.

SCHEDA TECNICA

MOTORE Monocilindrico, Euro 5
CILINDRATA  292 cc
POTENZA 28 CV a 7.250 giri/min
COPPIA 29 Nm a 5.750 giri/min
PESO 180 kg o.d.m.
PREZZO da 6.099 Euro (6.499 Euro versione Tech Max)

ABBIGLIAMENTO

  • Casco Scorpion EXO-S1
  • Giacca Hevik Andromeda
  • Guanti Hevik Rock Dark
  • Jeans Ixon Mike
  • Scarpe Stylmartin Core WP

Pubblicato da Michele Perrino, 16/01/2022
Tags
Gallery
Listino Yamaha X-MAX 300
Allestimento CV / Kw Prezzo
X-MAX 300 27 / 20 6.299 €
X-MAX 300 Tech Max 27 / 20 6.699 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Yamaha X-MAX 300 visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Yamaha X-MAX 300
Vedi anche
Logo MotorBox