Pubblicato il 09/12/2019 ore 11:50

UNA VECCHIA AMICA Come va la Suzuki V-Strom 650 in fuoristrada ve l'ha già raccontato Danilo nella sua prova al Sertriere, in occasione della HAT Adventour Fest. In quella circostanza, qualche appunto l'ha sollevato per il manubrio meno largo e rialzato di quanto si vorrebbe per la guida in piedi. Ma la V-Strom comunque gli è piaciuta. E tanto. Non è un caso se, come potete vedere nel video dedicato alla Suzuki Ignis, ha insistito per riportarla in off-road, montando gomme ad hoc, le quasi specialistiche Anlas Capra X.

I COMMENTI IN FUORISTRADA I risultati li potete vedere nella fotogallery e da quanto mi ha detto, Danilo conferma l'apprezzamento della media giapponese. In particolare piacciono la gestibilità della trazione con il traction control disattivato e la dolcezza della frenata, che aiuta il controllo sui fondi scivolosi (anche se l'ABS non disattivabile è un piccolo fastidio).

CAMBIO GOMME Fatto sta che la V-Strom 650 non è né vuole essere un'enduro in...ata (indiavolata, che avete capito?), ma piuttosto una Sport Enduro Tourer, come la chiama Suzuki. Vero dunque che, con le gomme giuste, la V-Strom 650 può portarvi praticamente dappertutto, ma io oggi ve ne voglio parlare nel suo elemento naturale: il nastro d'asfalto, con qualche digressione sul pavé cittadino. Ed ecco che le gomme tassellate – poco efficaci sull'asfalto viscido di novembre – lasciano il posto a delle Bridgestone Battlax Adventure X40 nuove di zecca. Grazie, Danilo! Certo, se avessi anche lavato la moto...

Il parabrezza Touring regolabile della Suzuki V.Strom 650 XT

VITINO DA VESPA Sella confortevole, ottimo riparo dato dal parabrezza regolabile, la V-Strom 650 fa capire subito di essere una moto accogliente e versatile. La posizione di guida è naturale, con le gambe che spontaneamente rimangono ben aderenti al rastremato serbatoio da 20 litri. Non si può rimanere indifferenti al girovita strettissimo della V-Strom: il bicilindrico a V ha una larghezza molto ridotta, tale per cui la sezione della moto rimane contenuta anche con le barre paramotore, a tutto vantaggio delle manovre in spazi ristretti.

COMPRESI NEL PREZZO Comoda la posizione anche per il passeggero, che ha una porzione di sella ampia e ben imbottita, maniglie ben posizionate e pedane un po' larghe, ma piuttosto basse, che concedono particolare relax alle gambe. Le valigie laterali? Non sono enormi, va detto, e un casco non ci sta. Però sono pratiche, comode da montare e smontare, e di bel design. Sono comprese nel kit Touring, insieme con la borsa da serbatoio, barre paramotore, cavalletto centrale e cupolino Touring maggiorato. E fino al 31 dicembre 2019 il tutto è compreso nel prezzo: non fatevelo scappare, se avete intenzione di prendere una moto per viaggiare.

PRIMO CONTATTO Messa in moto, la V-Strom suona il giusto: né troppo né troppo poco, con un frullare cratteristico che sprigiona concretezza. Niente effetti speciali in stile Akrapovic, per capirci, ma va bene così. È un rombo schietto, quello che sento, da moto vera. Se fosse un vino, probabilmente, un sommelier lo definirebbe “vinoso”. Innesto la prima, che entra con precisione, e noto che lo stacco frizione è vicinissimo alla manopola. Mi ci dovrò abituare. Sulle prime, nel traffico, avverto anche un certo effetto on-off nell'apri-chiudi della manetta. Un dettaglio che non noterò più già l'indomani.

SEMPRE RASSICURANTE In movimento emerge subito una guidabilità da riferimento. Agile, duttile, la V-Strom 650 si guida col pensiero. Saldamente appoggiata sulle sue gomme, da 19 pollici davanti e 17 dietro, offre una guida rotonda, eppure svelta. Non si fa alcuna fatica a farle cambiare direzione e i 216 kg in ordine di marcia non si sentono proprio. Bene la discesa in piega, con il contributo di sospensioni che sostengono a dovere e garantiscono un'ottima stabilità anche quando si affronta a moto piegata l'asfalto irregolare o rovinato. Qui la Suzuki fila via senza scomporsi, a tutto vantaggio della sicurezza e del feeling di guida.

Suzuki V-Strom 650 XT: ruota da 17 pollici dietro e 19 pollici dietro

QUANTA GRINTA! Esalta il motore, dal temperamento sportivo: spinge forte, per la cilindrata, in un crescendo entusiasmante. Sembra addirittura avere più dei 71 CV dichiarati. La curva di coppia, che raggiunge il picco massimo di 62 Nm a 6.500 giri, è ben distribuita, il che rende facile dosare il grip anche con il traction spento. La trazione, d'altra parte, è molto efficace. Il risultato è che il posteriore si controlla a meraviglia anche sul pavé e con gli aiuti elettronici spenti.

IL TRACTION CONTROL LAVORA BENE Riaccendendo il controllo (con comandi al manubrio che più semplici e intuitivi non si può) e scopro una taratura ottimale: quando spalanco, mi accompagna fuori dalle curve senza scatenarmi un attacco di singhiozzo. Il freno anteriore, che come già detto è molto pastoso e progressivo, meriterebbe su strada pastiglie più aggressive, mentre l'ABS interviene facilmente su lastroni e pavé.

CONSUMI, VERSIONI E PREZZI Altro asso nella manica della V-Strom 650 è il consumo: parliamo di circa 4,3 l/100 km, ossia 23 km/l, in media misurato dal computer di bordo nella guida di tutti i giorni (un dato, questo, sempre molto condizionato da percorsi e stile di guida). E non è certo una moto costosa: 9.090 euro è il prezzo della più accessoriata 650 XT della mia prova, ma si parte da 8.590 euro, sempre con il kit Touring in omaggio (entrambe le versioni sono disponibili anche depotenziate a 35 kW per i titolari di patente A2). Utile anche l'accessorio delle manopole riscaldabili, che costa 360 euro; peccato che il cruise control non sia proprio disponibile.

 

SCHEDA TECNICA SUZUKI V-STROM 650 XT

  • Motore: 2 cilindri, 645 cc, Euro 4
  • Potenza: 70,72 CV a 8.000 giri
  • Coppia: 62 Nm a 6.500 giri
  • Altezza sella: 835 mm
  • Peso in ordine di marcia: 216 kg
  • Prezzo: 9.090 euro

 

EMANUELE INDOSSA

  • Casco Caberg Levo Flow
  • Giacca Rev’it Sand Urban
  • Guanti Rev'it! Monster 2
  • Jeans Rev'It! Vendome 2 RF
  • Scarpe TCX Mood GTX

 

DANILO INDOSSA

  • Casco Shark Varial
  • Giacca Held Air Guard
  • Guanti Helkd Gore-Tex Air'n Dry
  • Pantalone Held Acona
  • Stivali Held Joblin

TAGS: prova suzuki suzuki v-strom 650 test recensione difetti