Pubblicato il 10/04/20

TANTO ATTESA Era il 2016 quando BMW svelò un prototipo che rese omaggio alla R5, poi diventata fonte d’ispirazione del Concept presentato a Villa d’Este nel 2019. Insomma, dopo quattro anni, l’attesissima R 18 è stata finalmente svelata, e riporta la Casa dell’Elica nel segmento delle cruiser. “Riporta”, perché a Monaco ci avevano già provato a inizio anni 2000 con la R 1200 C, ma i risultati furono al di sotto delle aspettative. Con la R 18 BMW torna all’attacco, facendo leva su linee senza tempo ispirate all’iconica R5 e sull’enorme motore boxer figlio della moderna tecnologia firmata BMW.

CHE LA SFIDA ABBIA INIZIO! A Monaco sembra abbaino le carte in regola per catturare il pubblico, ed è un bene visto che per buttarsi a capofitto nel segmento delle cruiser bisogna arrivare molto preparati. Perché si sa, Harley-Davidson risponde da prima della classe, con una schiera di modelli pronti a soddisfare qualsiasi esigenza. Ma tra tutte, qual è quella che più si avvicina alla nuova BMW? Beh, se si parla di stile e filosofia, riteniamo che la Sport Glide, della famiglia Softail, sia l’avversaria giusta per la R 18.

ESTETICA

Harley Davidson Sport Glide: lato sinistro senza valigie e cupolino

Non fatevi ingannare dal batwing e dalle valigie laterali, perché possono essere facilmente rimossi per donare alla Sport Glide un look semplice ed elegante, proprio come quello della R 18. Entrambe le moto hanno un faro anteriore tondo, luci di frenata posteriore integrate con gli indicatori di direzione, parafanghi avvolgenti, sella bassa, serbatoio a goccia e strumentazione analogica con un solo quadrante. Stesso animo cruiser, sì, ma con due posizioni di guida differenti. Sulla Sport Glide le pedane sono là davanti, come vuole la tradizione americana, mentre sulla BMW sono poste centralmente, questo per offrire un miglior controllo. Inoltre il manubrio della R 18 è più vicino al busto del guidatore che, invece, è più caricato verso l’anteriore nel caso della Sport Glide. Per quanto riguarda il manubrio, c’è da dire che, per entrambi i modelli, ci sono tantissime alternative tra cui scegliere nei cataloghi di accessori ufficiali delle due case.

CICLISTICA

Sport Glide e R 18 hanno un telaio a doppia culla e forcellone in tubi d’acciaio, ma ciclisticamente parlando, sono gli unici tratti comuni. Partiamo dall’ultima arrivata, l’R18, che si presenta con la trasmissione ad albero cardanico, sistema Cantilever della sospensione posteriore, forcella anteriore telescopica, doppio freno a disco anteriore, ruote da 120/70 19” davanti e 180/65 “16 dietro. La Sport Glide risponde con una trasmissione finale a cinghia, monoammortizzatore posteriore regolabile, forcella a steli rovesciati, impianto frenante anteriore a un solo disco, ruota da 130/70 “18 davanti e 180/70 “16 dietro.

MOTORE

Harley Davidson Sport Glide: dettaglio della pedana

Entrambe le chiamano “Good Vibrations” ma a generarle sono due diverse interpretazioni del concetto di bicilindrico raffreddato ad aria. Il Big Boxer di BMW ha i pistoni contrapposti, mentre nel Milwaukee Eight di Harley Davidson sono disposti a V di 45°. La cilindrata è quasi analoga: 1.745 cc per la Sport Glide, 1.802 per la R18. Ma a una maggiore cubatura, in questo caso, corrispondono anche migliori performance: 91 CV e 158 Nm di BMW contro i gli 83 CV e 145 Nm della Sport Glide. BMW batte Harley-Davidson 1 a 0 in quanto a prestazioni, ma se si parla di peso, la partita torna in parità: i 304 kg della Sport Glide ben figurano contro i 345 della R 18. Anche se la Casa dell’Elica ha un asso nella manica, o meglio, nel catalogo degli optional: la retromarcia, optional da 1.000 euro, tutti ben spesi considerando la mole.

DIMENSIONI

Le dimensioni di certo non giocano a favore di BMW, visto che oltre al peso, anche il passo da 1.731 mm non promette un’agilità da gazzella, almeno sulla carta. Non che l’Harley lo sia, ma durante la nostra presa di contatto durante l’evento Triple S, i 1.625 mm di interasse non hanno assolutamente compromesso la dinamica di guida, decisamente coinvolgente ed equilibrata sulle strade miste.

ELETTRONICA

Harley Davidson Sport Glide: la strumentazione

L’equipaggiamento della BMW è senza dubbio quello più ricco con tre modalità di guida, controllo di stabilità ASC, il controllo di trazione MSR, la frenata assistita Hill Start Control e, come anticipato prima, la retromarcia. Sulla Sport Glide ci si può accontentare solamente del cruise control. D’altronde, troppa elettronica potrebbe snaturare l’essenza di guida “viscerale” che vuole provare chi compra questo tipo di moto.

PREZZI

Concludiamo questo confronto con il capitolo prezzi: per portarvi a casa la nuova BMW R 18 nell’allestimento First Edition (attualmente l’unico a listino) ci vogliono 22.760 euro, mentre per l’Harley-Davidson Sport Glide ci vogliono 18.500 euro (che salgono a 20.200 per la colorazione custom), inclusi nel prezzo ci sono anche il batwing e le borse laterali.


TAGS: confronto video cruiser novità 2020 bmw r 18 Harley-Davidson Sport Glide