Confronto:

La moto totale, dall'enduro alla crossover


Avatar Redazionale , il 11/02/08

13 anni fa - Quattro modi di intendera la moto a 360°

Si può avere la botte piena e la moglie ubriaca?Ovvero, parlando di moto, si può avere un mezzo che mi serva al meglio nel quotidiano, che abbia una posizione di guida comoda, una protezione decente, tanta coppia per viaggiare anche in due, una certa attitudine al turismo, si faccia caricare senza problemi e, perché no, mi faccia anche divertire quando vedo una bella strada a curve? Se siete degli incontentabili assoluti e volete tutto questo in una unica moto non avete scelta, o vi fate curare o scegliete una crossover. Una volta le chiamavano maxi enduro imitavano le moto della Dakar ma poi finiva che le usavano tutti su strada. MUTAZIONE GENETICA Così con il passare degli anni queste moto hanno subito una mutazione genetica più o meno approfondita e si sono sempre più allontanate dall'off road per diventare delle stradali vere e proprie. Non tutte, certo, qualcuna che ama la polvere c'è ancora, ma l'evidente tendenza è quella aumentare i cavalli, accorciare le sospensioni ingrandire i freni, montare cerchi sportivi e dare sempre più soddisfazione nella guida su asfalto. Nascono così quelle moto che, noi per primi sfruttando, un termine mutuato dal mondo dell'auto abbiamo battezzato crossover. DI TUTTO UN PO' Un po' enduro, un po' motard, un po' turistiche, hanno motori a due o tre cilindri, stanno a cavallo di più segmenti prendendo spesso il meglio da tutti e creando a suon di modelli nuovi un segmento tutto loro. Non sono moltissime, per ora, ma state certi che con il passare del tempo, man mano che le maxi enduro si rinnoveranno, queste moto saranno sempre di più. Come spesso accade quando nasce una nuova tipologia di veicoli, ognuno affronta il tema a modo suo ed è facile quindi che nascano moto dal carattere molto particolare. Ne abbiamo scelte quattro che, a parer nostro, mettono bene in evidenza i differenti modi di intendere una crossover da parte di ciascun produttore. CI SONO QUATTRO MOTO... Ci sono una tedesca, una americana, un'inglese e un'italiana (già, come nelle barzellette...) e ognuna interpreta il segmento a modo suo. La tedesca la BMW R 1200 GS, la regina del mercato, quella a cui tutti volenti o nolenti devono fare riferimento, lei l'anello di congiunzione tra il vecchio e il nuovo, ha tasselli (moderati s'intende) e ruota grande davanti perché non ha perso la passione per l'off road, ma si è riempita di elettronica per diventare ancora più efficace e sicura su strada. L'americana la Buell Ulysses, visione tutta USA del mondo delle maxi crossover: gambe lunghe corsa lunga, quella del suo motore ad aria che più americano non si può. L'inglese Triumph Tiger è la perfettina del gruppo, un motore da favola e una bella ciclistica vestiti con sovrastrutture sportiveggianti. Mai comunque come quelle della Tre-K, l'italiana ruspante, sportiva fino al midollo, ricercata nel design e stimolatrice di sensi. PROVA TOTALE Le abbiamo prese, le abbiamo confrontate al banco, e poi le abbiamo portate su una bella strada, una di quelle che quando le hai percorse tutte ti vien voglia di tornare indetro per rifarle. Ne è uscito un confronto particolare, dove ogni moto si mostrata per quello che è. Da ognuna abbiamo cercato di estrapolare il meglio (e il peggio) cercando di darvi un'idea di quale potrebbe avvicinarsi maggiormente alle vostre esigenze. Ecco cosa ne uscito. Si ringraziano per la collaborazione: Michele Losito, Marco Belli, Alberto Raverdino, Marco Selvetti.

Benvenuto nello Speciale LA MOTO TOTALE, DALL'ENDURO ALLA CROSSOVER, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario LA MOTO TOTALE, DALL'ENDURO ALLA CROSSOVER qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

Pubblicato da Stefano Cordara, 11/02/2008
Gallery
La moto totale, dall'enduro alla crossover
Logo MotorBox