Pubblicato il 25/08/20

SFIDA A COLPI DI TRIDENTE Pochi giorni fa, raccontandovi delle novità Triumph in arrivo nel 2021 (qui il link all’articolo) vi avevo anticipato l’arrivo di una succulenta new entry, il primo capitolo di una nuova storia. Quel capitolo si chiama Triumph Trident, una naked entry level pronta a entrare a gamba tesa in uno dei segmenti più competitivi, nonché di successo. La sfida a Yamaha MT-07, Kawasaki Z650 e Honda CB650R è lanciata, ma su quali armi farà affidamento la nuda inglese? Attualmente non sono stati rivelati i dati tecnici ufficiali, ma usando l’arguzia e le anticipazioni in possesso si può capire come questa nuova Triumph sconquasserà il mercato.

Triumph Trident 2021: il prototipo a Hinckley

DESIGN ITALOINGLESE Ovviamente partiamo dal look. Dietro alle linee della nuova Trident c’è la collaborazione tra il centro stile inglese e la mano di Rodolfo Frascoli. Il designer italiano aveva già collaborato con la Casa di Hinckley sulla Tiger 900 – e 1200 – con ottimi risultati, dunque non c’era motivo d’interrompere il sodalizio. Le linee mettono insieme alcuni tratti della gamma classic Triumph (il faro e la strumentazione circolari, oltre al serbatoio a goccia) con linee più moderne d’ispirazione Speed Triple. La coda corta conferisce dinamismo alla moto, mentre forcellone e scarico compatto sotto di esso danno un pizzico d’eleganza e pulizia. Non temete, non sarà tutta bianca, le livree definitive verranno mostrate in un futuro lancio in cui ci verranno forniti ulteriori dettagli sulla parte tecnica. Come affermato da Steve Sargent - Chief Product Officer di Triumph – le finiture saranno decisamente un punto di forza della Trident, da vertice della categoria.

ELETTRONICA? YES PLEASE Alla richiesta su quale tipo di aiuti elettronici verranno equipaggiati sulla Trident Sargent non s’è potuto sbilanciare molto ma ha fatto capire che ci saranno tanti menù in cui navigare e parametri da poter settare a proprio piacimento. La conferma arriva anche guardando con attenzione le foto del prototipo in cui si riconoscono i blocchetti tipici delle Triumph dotate di elettronica. Senza dubbio ci saranno ABS – forse cornering – e traction control, assistenza che al momento ha solo la Honda nel segmento. Per quanto riguarda il comportamento del motore si potrà forse fare affidamento sui riding mode al fine di regolare il temperamento del tre cilindri in base alla situazione.

Triumph Trident 2021: il quadrante tondo della strumentazione mostrerà tanti parametri

MOTORE DERIVATO DAI TRIPLE ATTUALI Rimanendo in tema, del motore non sono ancora stati svelati né i valori di potenza e coppia, né la cilindrata. Quello che sappiamo è che il tre cilindri che spingerà la Trident deriva in alcune sue componenti dai tre cilindri attualmente in gamma e che sarà depotenziabile per permettere anche ai possessori di patente A2 di poterla guidare. Con questi indizi possiamo aspettarci una potenza certamente non superiore ai 95 CV – limite imposto dalla legge per il depotenziamento – ma verosimilmente saranno circa 80. Ciò metterebbe al Trident poco sotto la CB650R ma sopra al resto della truppa delle bilcilindriche, potendo però contare sui vantaggi d’erogazione del tre in linea.

TELAIO INEDITO Progettato completamente da zero è invece il telaio che non ha nulla a che vedere con quello della Street Triple. Il materiale di cui è composto è ancora un’incognita, ma è probabile che Triumph sceglierà l’acciaio per poter rimanere competitiva a livello di costi con le rivali. Tante incognite anche sulla ciclistica, dalle foto si nota una forcella a steli rovesciati ai cui piedi operano una coppia di pinze assiali Nissin, difficile dire se sarà regolabile oppure no. Come gomme di primo equipaggiamento si riconoscono le Michelin Road 5, gomme che tanto hanno convinto nel nostro primo contatto.

Triumph Trident 2021: dettaglio del forcellone

NEI CONCESSIONARI NEL 2021 Per toglierci ogni dubbio e sapere tutto di lei ci sarà ancora da aspettare qualche mese, magari riusciremo anche a guidarla in anteprima e raccontarvi i suoi pregi e difetti. Tra i tanti misteri una certezza: arriverà nei concessionari Triumph a inizio 2021, giusto in tempo per la battaglia della prossima stagione con armi inedite e un prezzo che, fanno sapere quelli di Triumph, sarà altamente competitivo, magari attorno agli 8.000 euro.


TAGS: triumph design triumph trident triumph trident 2021 triumph trident 2021 caratteristiche triumph trident 2021 scheda tecnica triumph trident 2021 data d'arrivo triumph trident 2021 rivali