Autore:
Giorgio Sala
Pubblicato il 11/02/2020 ore 16:00

FAMIGLIA AL COMPLETO Con le prime indiscrezioni di settimana scorsa lo avevamo accennato: la nuova Street Triple R sarebbe costata meno, ma avrebbe avuto più dotazioni di serie. Triumph lo ha confermato togliendo i veli alla terza e ultima arrivata della famiglia di naked a media cilindrata, che affianca la più prestazionale RS e la entry level S, condividendone il look composto da un nuovo fanale anteriore full LED, nuovi fianchetti laterali e codino inedito.

STESSO STILE A caratterizzare l’estetica della Street Triple R è la presenza del telaietto posteriore rosso, che richiama il design delle grafiche comune alla più performante RS. Alla R però manca il puntale, che si trova nella lista degli optional: un dettaglio presente anche sul modello che sostituisce. Anche gli specchietti sono stati rivisti nella forma, mentre il serbatoio in alluminio da 17,5 litri mantiene le stesse forme.

La nuova Triumph Street Triple R 765

COSA CAMBIA Dal punto di vista ciclistico, l’equipaggiamento è decisamente ricco. Le sospensioni sono Showa, Big Piston da 41 mm completamente regolabile all’anteriore e “piggyback” RSU al posteriore; le pinze Brembo M4.32 sono associate a dischi da 310 mm, mentre il disco dietro ha un diametro di 220 mm. Di serie adesso c’è il quickshifter (Triumph Shift Assist) in salita e in scalata, abbinato a nuovi rapporti: come sulla RS, la prima e la seconda sono state accorciate. A contatto con il terreno troviamo un treno di Pirelli Diablo Rosso III da 17” con misure 120/70 e 180/55. L’elettronica invece prevede tre riding mode (Road, Sport, Rain), ABS e traction control disinseribile. Se sotto tutti questi aspetti è stato fatto un passo in avanti, per quanto riguarda la strumentazione si è fatto un downgrade importante: addio al display TFT: al suo posto ritorna la tradizionale strumentazione Triumph, con contagiri analogico e schermo digitale per la velocità e altre informazioni.

La strumentazione della Triumph Street Triple R 765

CUORE SPORTIVO Il motore è il tre cilindri in linea da 765 cc, ora omologato Euro5, con prestazioni praticamente analoghe alla precedente versione: la potenza cresce di appena 1 CV, arrivando a 118 CV a 12.000 giri/min, mentre la coppia rimane di 77 Nm a 9.400 giri/min. L’inerzia del motore è scesa del 7%, così da garantire una risposta del gas più precisa, mentre la melodia del propulsore strettamente derivato dalla Moto2 è garantita da uno scarico 3-in-1 con terminale in acciaio, diversamente dalla RS che ha il fondello in fibra di carbonio. Il peso è di 166 kg, due in più rispetto alla prima 765 R.  

PREZZO La nuova Triumph Street Triple R 765 è stata rivista nel suo posizionamento di mercato: da 10.500 euro si è scesi a 9.700 euro, un riposizionamento decisamente interessante. Non solo per quanto riguarda i competitors – la Duke 790 costa 500 euro in più - ma anche per distaccarsi maggiormente dalla RS, che invece attacca il mercato a 11.900 euro.


TAGS: triumph novita triumph street triple 765 Triumph Street Triple R 2020