Autore:
Danilo Chissalè

FORMAZIONE DUCATI A Borgo Panigale, sede storica di Ducati, è andato in scena un interessante incontro tra le istituzioni, la scuola e l’azienda italiana, con lo scopo di illustrare le attività nel campo dell’istruzione e della formazione per il 2019. Ducati non è certo nuova a questo tipo di iniziative essendo l’undicesimo anno in cui si cimenta in progetti a stretto contatto con il mondo scolastico e universitario.

RADICI FORTI Il tutto rimanendo fortemente radicata al proprio territorio. Le collaborazioni con l’Ateneo di Bologna e il liceo Malpighi o il Fioravanti sono un ulteriore conferma della virtuosità della Motor Valley, un territorio che ha la benzina che scorre nel sottosuolo con ben 4 Autodromi internazionali, 7 Case costruttrici, 11 emozionanti musei, 19 suggestive collezioni, 188 team sportivi, 6 centri di formazione specializzati. Dati riportati con orgoglio da Stefano Bonaccini, Presidente della regione Emilia Romagna, intervenuto come relatore dell’evento.

Claudio Domenicali AD di Ducati

PAROLA DI A.D. Anche l’Amministratore Delegato Claudio Domenicali lo sottolinea nel suo discorso introduttivo: “In questo momento storico, dove la drammatica evoluzione tecnologica sta permettendo di trasmettere sempre crescenti quantità di dati e informazioni, ovunque nel pianeta a tempo zero e costo zero, l’elemento che a mio avviso può più di ogni altro permettere a territori e nazioni di mantenere una indipendenza culturale ed economica è la conoscenza. Per questo Ducati si è attivamente impegnata su molteplici filoni per contribuire alla fertilizzazione del territorio che ci ospita. Siamo orgogliosi delle attività che proponiamo, che creano un percorso con differenti strumenti di formazione, come la Fisica In Moto, il laboratorio di fisica interattivo, nato da un progetto messo a punto con il Liceo Malpighi e realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, che in 11 anni di attività ha visto la presenza di oltre 71.000 studenti delle superiori. A questo aggiungo il DESI, il percorso destinato a studenti del quarto e quinto anno di istituto professionale, progettato secondo il modello duale che ha già diplomato 75 studenti dell’Istituto Belluzzi-Fioravanti, che ad oggi risultano tutti già occupati. Un’esperienza che nel 2019 avvierà il suo quarto ciclo formativo, grazie al permanere dell’accordo con la Regione Emilia Romagna e l’Ufficio Scolastico Regionale.

I PROGETTI L’offerta di Ducati e ampia e abbraccia quasi tutti i livelli di istruzione, dall’istituto professionale alla specializzazione in ingegneria meccanica. Per le scuole superiori, e sviluppato da studenti delle scuole superiori, c’è l’area fisica in moto, uno spazio realizzato a Borgo Panigale in cui gli studenti ma anche i curiosi possono imparare le principali nozioni fisiche legate alla moto in maniere divertente e interattiva. DESI (Dual Education System Italy) è la via Italiana al sistema duale per formare figure professionali altamente specializzate che uniscano al diploma in “Manutenzione dei Mezzi di Trasporto“ una certificazione di competenze professionali attestate dall’azienda, inerenti il profilo di “Tecnico Meccatronico“ e all’Operatore CNC. Combinando istruzione scolastica con formazione pratica in azienda. Il fiore all’occhiello è sicuramente la collaborazione nata nel 2014 con l’Università di Bologna che ha dato vita al progetto “Moto Student ”, Inserito nel programma “UniBo Motorsport”. Il Racing Team dell’Università di Bologna ha realizzato un prototipo di moto elettrica da competizione, interamente progettata e costruita da un gruppo di studenti di Ingegneria dell’Università di Bologna, supportati dalla Fondazione Ducati e seguiti anche dai tecnici della casa motociclistica di Borgo Panigale. Chissà se in futuro un progetto di questi ragazzi farà cambiare idea a Claudio Domenicali, ancora scettico sul futuro elettrico delle Rosse di Borgo Panigale.


TAGS: ducati ducati iniziative ducati foundation fondazione ducati