Autore:
Danilo Chissalè

LA SPORTIVA La famiglia Scrambler di Ducati dallo scorso febbraio è cresciuta, non solo nel numero di moto ma anche nella cilindrata con la Scrambler 1100. Proprio a febbraio vi avevo raccontato come era la Special, la più raffinata della famiglia, ma il mio cuore era stato rapito dalla livrea Viper Black giallo nera a strisce ed eccomi dunque a raccontarvi come va la Ducati Scrambler 1100 Sport.

SPECIAL DI SERIE Il look è quello di una special ma con l’impeccabilità del dettaglio tipica della produzione di serie, raramente si trovano moto così rifinite. Le fresature sui cerchi, sui carter motore e sul telaietto sottosella evidenziano il pregio dei materiali. Non sono da meno la sella con impunture gialle che si rifanno al colore dei profili delle “guance” del serbatoio e, ovviamente, delle Stripes che corrono su parafango e serbatoio.

Serbatoio Ducati Scrambler 1100 Sport

IL PEZZO FORTE I più pignoli obietteranno dicendo che la più pregiata sia la Special con i suoi cerchi a raggi e i parafanghi in alluminio satinato, ma vi assicuro che la Scrambler 1100 Sport è altrettanto appagante al tatto. E poi il suo pezzo forte è un altro: la componentistica premium che ne esalta ancor di più il piacere di guida. Se le pinze freno radiali M 4.32 della Brembo sono condivise, ad uso esclusivo della versione Sport troviamo un reparto sospensioni Ohlins degno di una sportiva. La forcella pluriregolabile ha steli da 48 mm (3 in più rispetto alle altre versioni) e permette un’escursione di 150 mm, così come il mono ammortizzatore, regolabile nel precarico e nell’estensione.

VINTAGE HI-TECH Nonostante la Scrambler sia l’opzione vintage per Ducati, la tecnologia non manca affatto: le luci sono a LED e la strumentazione è totalmente digitale. Il motivo è presto detto: oltre a mostrare le classiche informazioni permette di scegliere tra 3 riding mode e 4 livelli di controllo di trazione. Perché qui l'elettronica è quasi da corsa, con piattaforma inerziale e ABS cornering, efficace anche in piega.

IN SELLA CON JOY Salgo in sella e ritrovo tutte le caratteristiche delle Scrambler che ho guidato fino a oggi: sella e baricentro bassi, pedane leggermente avanzate e manubrio XXL. La somma dei fattori è confidenza… trasmessa fin da subito anche dalla versione Sport. Anche l’ergonomia delle leve, completamente regolabili, è piacevole, con una frizione leggera e modulabile. L’unico neo, se proprio vogliamo esser puntigliosi, è la larghezza della sella che infastidisce quando ci si ferma al semaforo.

Ducati Scrambler 1100 Sport frontale

PEM PEM PEM Girata la chiave ed avviato il motorone della nuova 1100 vengo accolto da una sinfonia ritmata, piena di carattere, fatta di scoppiettii in rilascio che sembrano colpi di mitraglia… il sound della Scrambler mi gasa. Prima dentro e si parte, fin dai primi metri noto subito il carattere del bicilindrico, caratterizzato da buona coppia – 84 Nm - ma mai intimidatoria. Tra le curve spesso viaggio in terza/quarta marcia e sfrutto tutti i Nm di coppia, che è lì, ai medi regimi... dove ci piace su strada.

VARIA CON LA MAPPA Valide anche le mappature che permettono di cucirsi addosso la Scrambler in ogni occasione dallo spostamento urbano, utilissime le frecce a disattivazione automatica in questo ambito, alla gita di coppia o la scannoneggiata con gli amici. La potenza varia in base alla mappatura selezionata: la City taglia a 75 cv, Journey e Active sono a potenza piena con la prima che filtra la risposta dell’erogazione. La mia preferita rimane senza dubbio al Active che, con i suoi 86 cv e la risposta pronta, esalta il carattere giocherellone della Scrambler.

VERSATILE MA… In sella alla Scrambler ho affrontato il percorso casa-lavoro che reputo un ottimo banco di prova: c’è il traffico della città con binari e pavé – che la Scrambler affronta senza batter ciglio – ma anche strade extra urbane e autostrada. In città la Scrambler potrebbe essere un’arma perfetta grazie al motore vispo, sella bassa e agilità da primato se non fosse che, specialmente in caso di traffico congestionato, il calore sprigionato dal desmo arrostisca i gioielli di famiglia.Ducati Scrambler 1100 Sport 2019

PORTAMI VIA Meglio dunque portarla fuori, dove apprezzare le doti ciclistiche insite nel DNA Ducati e far respirare per bene il bicilindrico. Le Ohlins offrono il giusto mix di sportività e comfort, ma per gli amanti della guida “allegrotta” consiglio di irrigidire l’idraulica della forcella per contenere l’affondamento repentino nelle staccate al fulmicotone causato dal potente impianto frenante. Da evitare l’autostrada, la mancanza del cupolone, non presente nemmeno tra gli optional, compromette il comfort specialmente se si viaggia attorno ai 130 km/h previsti come limite dal CdS.

SCRAMBLER AMICA MIA Giunto in redazione ho riflettuto su pregi (tanti) e difetti (pochi) della Scrambler 1100 Sport, e mi è venuta in mente una metafora. Avete presente quell’amico simpatico, che vi accompagna in serate esclusive e divertenti? Ecco la Scrambler è proprio come lui, quando c’è da divertirsi lei c’è, ma non chiedetele di accompagnarvi nel viaggio avventura della vostra vita o di farvi da scooter nel casa lavoro… casualmente avrà un impegno. Il prezzo di una “serata con l’amico divertente” è di 15.000 euro, prezzo che può salire ulteriormente attingendo a piene mai dal ricco catalogo accessori dedicato alla Scrambler 1100 Sport che prevede, tra l’altro, anche un terminale di scarico sovrapposto Termignoni dal look più in sintonia con la moto.

 

ABBIGLIAMENTO 

CASCO LS2 SPITFIRE SUNRISE Lo Spitfire è un casco jet dal look vintage e retrò, che incontra i gusti degli amanti del Café Racer e non solo. Dispone di un pratico occhialino parasole e comodi interni traspiranti e ipoallergenici, per una calzata sempre comoda. Il casco è prodotto con calotte di diversa misura a seconda della taglia proposta e permette così di offrire una perfetta proporzione tra il volume del casco e la taglia del motociclista, mantenendo inalterato il grado di protezione e sicurezza.

Abbigliamento Ducati Scrambler

GIACCA REV'IT NOVA VINTAGE Giacca in pelle dallo stile vintage, ma con dotazioni di sicurezza decisamente al passo coi tempi. La vestibilità è regolare. La praticità non è sacrificata a vantaggio dello stile, nonostante l'aspetto stiloso sono presenti molteplici tasche (molto comoda quella sull'avambraccio sinistro) e una pratica fodera interna estraibile. Le protezioni SEESMART di livello 1 garantiscono sicurezza, senza sacrificare lo stile, una volta in dosso sembra di non averle.

GUANTI REV'IT! MONSTER 2 Splendida pelle di capra tinta e calzata aderente sono le armi dei REV'IT! Monster 2, che fanno presa sugli amanti del vintage con un look preciso preciso. Non mancano protezioni sulle nocche, palmo rinforzato e inserti in gomma sulle dita.

PANTALONI TUCANO URBANO LEOCARGO GAG Pantaloni comodi dal taglio cargo e dalla vestibilità regular fit, sono realizzati in cotone con inserti in fibra aramidica su anche ginocchia e glutei. Tante le tasche a disposizione, ben sei, per stivare tutto ciò che vi pare. Il Leocargo GAG è attento alla sicurezza attiva e passiva dell'utente, previste protezioni sulle ginocchia omologte CE di livello 1 e inserti riflettenti per aumentare la visibilità notturna. Disponibile in due colori: verde o grigio.

SCARPONCINI STYLMARTIN WAVE Pelle pieno fiore, profilo alto e cura dei dettagli: lo scarponcino Stylmartin Wave fa bella figura persino nello struscio in centro. Impermeabile e traspirante, ha suola in gomma antiolio e protezioni in PU in corrispondenza dei malleoli. Due diversi tipi di lacci sono inclusi nella confezione. Disponibile nel solo colore Testa di Moro.

 


TAGS: ducati prova su strada Ducati Scrambler 1100