Autore:
Massimo Grassi

MODA TRASFORMISTA “Natura e Artificio: il design nell’epoca della trasformazione”. Era questo il tema che ha guidato la creatività dei giovani designer che hanno partecipato al BMW Creative Lab 2016, iniziativa nata nel 2012 col fine di individuare giovani designer residenti in Italia da inserire nel mondo del lavoro. Quest’anno al fianco della Casa di Monaco, che ha coinvolto direttamente la divisione Motorrad, c’era il marchio di abbigliamento Stone Island, che ha messo in campo il proprio know how nel campo dello sportswear.

DU PREM IS MEGL CHE UAN Nelle edizioni precedenti del BMW Creative Lab è sempre stato proclamato un solo vincitore ma, essendo il 2016 un anno di doppi festeggiamenti per BMW Italia (100 anni dalla nascita del marchio e 50 dalla fondazione della filiale italiana) i giurati hanno deciso di premiare non uno ma 2 progetti. A vincere i 12 mesi di stage (6 presso Stone Island e 6 presso il Designworks Munich Studio) sono stati Kristian Terziev con il suo giubbotto “Skin” e Nikoo Karimian Azary con la giacca “SerendiPockets”.

SECONDA PELLE Il progetto di Kristian (studente proveniente dalla Bulgaria) parte dall’analisi delle armature dei samurai, composte da piccoli elementi in grado di proteggere il guerriero e offrirgli una buona mobilità. Ecco quindi che su un classico giubbotto in Cordura sono state applicati piccoli bottoni in materiale biomeccanico in grado sia di proteggere il motociclista sia di rigenerarsi in caso di urto.

E QUESTO DOVE LO METTO? Qual è uno dei più grandi problemi dei motociclisti? Esatto: dove cavolo si possono infilare smartphone, portafogli, chiavi e chi più ne ha più ne metta? Secondo Nikoo, studentessa proveniente da Teheran (Iran) si può mettere tutto all’interno della giacca, basta che abbia le SerendiPockets. Si tratta di speciali tasche in materiale con memoria di forma in grado di ospitare di tutto di più, allargandosi a piacimento.

BRAVI TUTTI Non hanno vinto lo stage di 12 mesi ma si sono comunque distinti per aver creato progetti innovativi anche gli altri 3 finalisti del BMW Creative Lab 2016.
-Luca Mazzon ha presentato Aria, giubbotto capace di garantire la giusta ventilazione al motociclista;
-Alicia Pinckney con Metamorphosis ha dato vita a una giacca modulare in gradi di proteggere sia il motociclista sia la moto;
-Luca Musciatelli è il creatore di Twin Bags, due borse da moto (una da sistemare sul serbatoio e una sul codino) che una volta scesi di sella di trasformano in un pratico borsone.


TAGS: bmw abbigliamento stone island BMW Creative Lab lifestyle