Autore:
Andrea Minerva

IN TESTA AL MONDIALE Il Rally del Cile, sesto appuntamento del Campionato Mondiale Wrc, ha regalato non poche soddisfazioni al Citroen Total World Rally team. Grazie al secondo posto finale, e allo stesso identico piazzamento ottenuto nella Power Stage che ha concluso la gara, Sébastien Ogier e Julien Ingrassia sono infatti ritornati in vetta alla classifica piloti, con un margine di 10 punti sui più diretti inseguitori. Si tratta di un risultato che ha premiato la costanza e la velocità del sei volte campione del mondo, allo stesso tempo ben supportato dalla Citroen C3 Wrc Plus. Tutto questo in un rally reso complicato da molteplici fattori, il primo dei quali è stata la mancanza di conoscenza e di riferimenti relativi al percorso di una gara, il Rally del Cile appunto, che era all’esordio nel Mondiale Wrc. Il coefficiente di difficoltà si è ulteriormente innalzato a causa dei numerosi tratti di sottobosco, dal fondo particolarmente umido, dopo le precipitazioni cadute abbondanti prima della partenza del rally. In ogni caso, Ogier è riuscito sia a limitare i danni sia a trovare la forza di attaccare nei momenti salienti della gara, in particolare nella prova di Lircay, la numero 14, dove grazie ad un “crono” strepitoso il campione francese ha costruito un distacco fondamentale per conquistare la seconda posizione del Rally del Cile.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE Il ritorno al vertice di Ogier nella classifica piloti del Mondiale Wrc assume grande importanza in vista delle prossime gare, comprese tra la fine di maggio e la metà di giugno: il rally del Portogallo e il rally Italia SardegnaNel frattempo il Citroen Total World Rally team ha rafforzato la propria situazione anche nella Classifica Costruttori, al terzo posto, ma non troppo distante dagli avversari che tuttora precedono il marchio francese. Nel caso specifico di questa graduatoria, sarà fondamentale anche l’apporto del secondo pilota ufficiale di Citroen racing, ovvero Esapekka Lappi, che in Cile è stato autore di una prova in crescendo, conclusa in sesta posizione. Nel weekend sudamericano non va poi dimenticato anche il secondo posto nella categoria Wrc2 Pro ottenuto da Mads Ostberg e Torstein Eriksen con la Citroen C3 R5. Seppur rallentato da un problema ai freni, l’equipaggio norvegese è riuscito comunque a vincere ben 12 delle 16 prove speciali previste dal programma della gara sudamericana. Ora vi proponiamo alcune dichiarazioni di Pierre Budar, direttore di Citroen Racing, raccolte al termine del Rally del Cile.

PIERRE BUDAR, direttore di Citroen Racing

Qual è il bilancio di questa sesta gara?

È decisamente positivo, con il bel secondo posto conquistato da Sébastien e Julien alla fine di una prestazione ancora tutta all'attacco, su questo tracciato completamente nuovo che richiedeva una buona dose di adattamento. Sono stati ricompensati per la loro perseveranza e sono ritornati in testa al campionato. L'altro motivo di soddisfazione riguarda anche le sensazioni ritrovate di Esapekka e Janne, che hanno dato prova di intelligenza e di maturità e hanno concluso una gara disputata in crescendo. È di buon auspicio per le prossime gare, tanto più che adesso arriveranno dei tracciati che conoscono meglio. Penso anche che abbiamo saputo reagire e introdurre alcune piccole evoluzioni valide nel breve lasso di tempo a disposizione dopo l’Argentina. Tuttavia, siamo assolutamente consapevoli che questo non basta ancora per lottare contro i più veloci, in tutte le condizioni, ed intensificheremo i nostri sforzi per continuare a migliorare.

Che cosa ha pensato di questa prima edizione del Rally del Cile?

Questa prova è entrata con successo nel campionato! Ho percorso le prove speciali durante le ricognizioni e devo ammettere che sono davvero belle, con strade veloci, ondulate e molto varie. Per di più, abbiamo avuto un'accoglienza eccezionale dalla popolazione locale, che si è entusiasmata particolarmente durante le cerimonie di partenza e di arrivo, ma è anche venuta numerosa al parco assistenza.

CLASSIFICA FINALE PROVVISORIA

  1. Tänak / Järveoja (Toyota Yaris WRC) 3h15’53’’8
  2. Ogier / Ingrassia (Citroën C3 WRC) +23’’1
  3. Loeb / Elena (Hyundai i20 WRC) +30’’2
  4. Evans / Martin (Ford Fiesta WRC) +1’36’’7
  5. Suninen / Salminen (Ford Fiesta WRC) +3’15’’6
  6. Lappi / Ferm (Citroën C3 WRC) +3’45’’4
  7. Mikkelsen / Jaeger (Hyundai i20 WRC) +4’39’’0
  8. Meeke / Marshall (Toyota Yaris WRC) + 7’33’’4
  9. Rovanperä / Halttunen (Skoda Fabia R5) + 7’52’’5
  10. Ostberg / Eriksen (Citroën C3 R5) +8’16’’1

CAMPIONATO DEL MONDO PILOTI

  1. Sébastien Ogier – 122 punti
  2. Ott Tänak – 112 punti
  3. Thierry Neuville – 110 punti
  4. Kris Meeke – 59 punti
  5. Elfyn Evans – 55 punti
  6. Sébastien Loeb – 39 punti
  7. Andreas Mikkelsen – 36 punti
  8. Esapekka Lappi – 34 punti
  9. Jari-Matti Latvala – 32 punti
  10. Teemu Suninen – 30 punti

CAMPIONATO DEL MONDO COSTRUTTORI

  1. Hyundai WRT – 178 punti
  2. Toyota Gazoo Racing – 149 punti
  3. Citroën Total WRT – 143 punti
  4. M-Sport Ford WRT – 100 punti

TAGS: Mads Ostberg Sebastien Ogier Citroen racing julien ingrassia citroen c3 wrc plus citroen c3 r5 esapekka lappi wrc 2019 WRC 2019 rally del Cile