Dakar 2017

Dakar 2017: le dichiarazioni dei protagonisti e la classifica dopo Tappa 2


Avatar di Simone  Dellisanti , il 04/01/17

4 anni fa - Loeb ha preso il comando della classifica generale, bene anche Sainz in terza posizione

Despres, pilota Peugeot: quello che abbiamo fatto finora non è niente rispetto a quanto ci attende. È sulla totalità della corsa che bisogna trarre degli insegnamenti

LOEB DAVANTI A TUTTI Dopo un inizio prudente nella prima tappa, Sébastien Loeb non ha perso tempo e ha imposto il suo ritmo alla gara prendendosi la testa della classifica dopo il secondo percorso cronometrato di questa Dakar 2017. La Peugeot 3008 DKR del pilota francese è stata l'indiscussa protagonista sul percorso tra Resistencia e San Miguel de Tucuman, vincendo la prima prova speciale e conquistando i suoi 275 chilometri. Non solo Loeb ha spremuto il potenziale della sua Peugeot 3008 DKR ma anche Carlos Sainz ha dato vita ad un ottima performance, concludendo con il terzo tempo finale.
 
BENE, NON BENISSIMO Invece Stéphane Peterhansel e Cyril Despres, hanno vissuto una tappa più difficile. Cyril ha perso l’antenna del suo sistema Sentinel, il sistema che doveva avvisare i piloti che lo precedevano della sua rimonta, e Stéphane ha dovuto far fronte ad una posizione di partenza poco favorevole. Andiamo ora a leggere le dichiarazioni dei protagonisti Peugeot:
 
BRUNO FAMIN Direttore sportivo del Team Peugeot Sport Total: "Loeb ed Elena hanno disputato una bella tappa nonostante una speciale molto complicata e pericolosa, con molta polvere. In questo tipo di terreno, è meglio partire davanti tant’è che Despres e lo stesso Loeb hanno perso tempo alla fine della speciale nella polvere di altri concorrenti. Despres ha poi dovuto essere molto prudente a causa del problema del Sentinel che lo ha penalizzato parecchio. Le 3008DKR si comportano bene. È il nostro primo scratch in questa Dakar ma gli scarti, a livello di una Dakar, sono davvero minimi".
 
SEBASTIEN LOEB #309 "E’ stata una speciale velocissima, non troppo interessante a livello di guida. C’erano molti rettilinei con qualche curva di tanto in tanto. Per noi è andata benissimo. Non abbiamo avuto nessun problema. Alla fine siamo stati infastiditi perché abbiamo guidato per 70 chilometri nella polvere di De Villiers, partito davanti a noi. Dunque abbiamo perso un po’ del nostro vantaggio verso la fine, ma niente di grave. Almeno, adesso siamo al comando della Dakar! Però questo tipo di terreno non è rappresentativo di quello che incontreremo in seguito. Quanto al caldo, era sopportabile. Ho anche spento la climatizzazione per recuperare un po’ di potenza!".
 
CARLOS SAINZ #304 "La giornata è andata bene. Non ho voluto correre troppi rischi. Ho avuto solo un piccolo problema con un allarme che è rimasto inserito per tutta la speciale. Non ho sofferto il caldo grazie alla climatizzazione che ho usato dall’inizio alla fine della speciale".
 
STEPHANE PETERHANSEL #300  "Non è stato facile perché quella di ieri è stata una speciale con poco impegno a livello di guida, ma con grandi frenate che ci facevano passare da 200 km/h a 50 km/h. Abbiamo perso molto tempo nella polvere degli altri concorrenti. Ma noi andiamo bene e la 3008DKR funziona perfettamente. Oggi, mercoledì 4 gennaio, dovremo affrontare le prime parti di percorso in altitudine, con una navigazione probabilmente più complicata. Dobbiamo essere ancora molto prudenti. Recupereremo gradualmente posizioni in classifica generale. Complimenti a Sébastien e Daniel, che sono stati molto competitivi. Non ne avevamo dubbi".
 
CYRIL DESPRES #307 "Abbiamo preferito essere cauti dopo la perdita dell’antenna del nostro Sentinel. Negli ultimi quaranta chilometri della speciale non potevamo avvisare i motociclisti che eravamo dietro di loro e abbiamo passato molto tempo nella loro polvere. Ne abbiamo superati alcuni, prendendoci dei rischi minimi. Le piste erano sinuose e di tanto in tanto c’erano dei tronchi che ci impedivano di superare. Avere 10 minuti di ritardo in questa fase del rally non è irrimediabile. Quello che abbiamo fatto finora non è niente rispetto a quanto ci attende. La Dakar non è solo un riscontro quotidiano. È sulla totalità della corsa che bisogna trarre degli insegnamenti".
 
CLASSIFICA TAPPA 2
 
1. LOEB Sébastien (FRA) / ELENA Daniel (MC), PEUGEOT 3008DKR, 2 h 06 min 55 sec
2. AL ATTIYAH Nasser (QAT) / BAUMEL Matthieu (FRA), Toyota Hi-Lux, + 01 min 23 sec
3. SAINZ Carlos (ESP) /CRUZ Lucas (ESP), PEUGEOT 3008DKR, + 02 min 18 sec
4. DE VILLIERS Giniel (ZAF) / VON ZITZEWITZ Dirk (ZAF), Toyota Hi-Lux, +02 min 19 sec
5. ROMA Nani (ESP) / HARO Bravo (ESP), Toyota Hi-Lux, + 03 min 22 sec
6. PETERHANSEL Stéphane (FRA) / COTTRET Jean-Paul (FRA), PEUGEOT 3008DKR
7. DESPRES Cyril (FRA) / David CASTERA (FRA), PEUGEOT 3008DKR
 
CLASSIFICA GENERALE 
 
1. LOEB Sébastien (FRA) / ELENA Daniel (MON), PEUGEOT 3008DKR, 2 h 33 min 31 sec
2. AL ATTIYAH Nasser (QAT) / BAUMEL Matthieu (FRA), Toyota Hi-Lux, + 28 sec
3. SAINZ Carlos (ESP) /CRUZ Lucas (ESP), PEUGEOT 3008DKR + 1min 56 sec
4. DE VILLIERS Giniel (ZAF) / VON ZITZEWITZ Dirk (ZAF), Toyota Hi-Lux, +02 min 05 sec
5. ROMA Joan (ESP) / HARO Alex (ESP), Toyota Hi-Lux + 02 min 56 sec
6. PETERHANSEL Stéphane (FRA) / COTTRET Jean-Paul (FRA), PEUGEOT 3008DKR, + 7 min 26 sec
7. DESPRES Cyril (FR) / David CASTERA (FRA), PEUGEOT 3008DKR +10 min 45 sec

Pubblicato da Simone Dellisanti, 04/01/2017
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox