Autore:
La Redazione

TORNA IL TRICOLORE Era il Gran Premio del Brasile 2011 quando Jarno Trulli, al termine di due stagioni da dimenticare al volante della Lotus, lasciava la Formula 1. I tifosi italiani hanno dovuto attendere otto lunghi anni prima di ritrovare il Tricolore in griglia di partenza: a riportarlo è Antonio Giovinazzi, titolare questa stagione al volante dell’Alfa Romeo Racing. Fortemente voluto dal presidente Sergio Marchionne, il giovane pugliese arriva in Ferrari come terzo pilota al termine della stagione 2016, chiusa con un secondo posto in Gp2 alle spalle del compagno di squadra Pierre Gasly

DESTINO F1 L’occasione per il debutto in Formula 1 arriva quasi per caso a inizio 2017 a causa dell’infortunio di Pascal Wehrlein, che apre le porte ad Antonio, all’epoca riserva anche della Sauber e della Haas oltre che della scuderia di Maranello. Dopo due Gp al volante della C36 – di cui uno, quello in Cina, tristemente concluso contro il muro in condizioni di pista umida – tanta “panchina” (e simulatore) in attesa del momento buono. Il secondo treno passerà proprio nel 2019, con la promozione di Charles Leclerc dall’Alfa Romeo alla Ferrari: nel segno di Marchionne sarà infatti proprio Giovinazzi, a fianco del veterano Kimi Raikkonen, a occupare il sedile del Biscione al suo ritorno in F1.

Nome Antonio Maria Giovinazzi
Nazionalità  Italia
Team Alfa Romeo Racing
Numero #99
Età 25 (14 dicembre 1993)
Altezza 185 cm
Peso 70 kg
GP disputati 8
Vittorie 0
Pole position 0
Podi 0
Giri più veloci 0
Titoli piloti 0
Debutto in F1 GP Australia 2017

Statistiche aggiornate al Gp Monaco 2019.

 

 


TAGS: alfa romeo ferrari formula 1 biografia statistiche f1 piloti F1 antonio giovinazzi f1 2019 Piloti F1 2019 Risultati F1