Pubblicato il 16/12/2019 ore 10:30

LEIT MOTIV Siamo appena all'inizio della lunga sosta invernale della F1, ma già stanno emergendo i temi cardine del prossimo mercato piloti che, con tanti piloti dei top team in scadenza di contratto, si preannuncia pirotecnico. Uno dei nomi al centro dei rumors è senz'altro quello di Sebastian Vettel: il tedesco è all'ultimo anno del suo accordo con la Ferrari e nel 2021 potrebbe lasciare Maranello, forse per cedere il sedile a un altro pluricampione del mondo come Lewis Hamilton.

F1 2019: Sebastian Vettel (Ferrari) e Lewis Hamilton (Mercedes)

UN 2019 SUFFICIENTE Vettel non è stato protagonista di una stagione memorabile: una sola vittoria, in quel di Singapore, e tante ombre legate ai suoi testacoda e al confronto diretto con l'emergente Charles Leclerc, il quale non ha avuto timori reverenziali nel metterne subito in dubbio la leadership. In un'intervista rilasciata al giornale tedesco Blick, Vettel valutando il suo 2019 non è stato troppo severo con se stesso: "Non è stato abbastanza buono per un 8, 9 o 10. Un 5 sarebbe troppo duro, quindi dirò un 6 o un 7. Ma devo stare attento, perché cose del genere ti vengono sbattute in faccia".

CONCENTRATO SUL CAVALLINO Archiviato il recente passato, Vettel ha parlato del suo futuro. Alla domanda se abbia pensato al ritiro, il tedesco ha risposto: "Non specificamente. Ma, dopo oltre 12 anni, ti chiedi cosa verrà dopo. Non dovresti vivere senza un piano, anche se non sai davvero se questo sarà ciò che accadrà". E parlando di un possibile ritorno alla Red Bull, il 32enne ha aggiunto: "Non andrei così lontano. Al momento l'obiettivo alla Ferrari è chiaramente quello di vincere il titolo. E non ci siamo ancora". Vettel ha commentato anche le critiche che lo hanno accompagnato in particolare nelle ultime stagioni: "In tutti i settori della vita, le persone danno giudizi troppo rapidamente. E dimenticano le cose altrettanto rapidamente".

F1 2019: Carlos Sainz (McLaren) e Sebastian Vettel (Ferrari)

IL RICHIAMO DI SEIDL Nel frattempo, come detto in apertura di articolo, il nome di Vettel è tra i più caldi in ottica mercato piloti. E così, mentre Eddie Jordan si è detto certo dell'approdo di Lewis Hamilton (e Toto Wolff!) in Ferrari nel 2021, dalla Spagna rimbalza la voce di un interessamento del tedesco verso la McLaren. L'uomo chiave dell'operazione sarebbe il boss del team di Woking, quell'Andreas Seidl che ha meriti importanti nella crescita della scuderia britannica nell'ultima stagione. Seidl e Vettel si conoscono avendo lavorato assieme ai tempi della BMW Sauber, quando il primo era un ingegnere e il tedesco un giovanissimo pilota di belle speranze. Curiosamente, se questa indiscrezione si concretizzasse, Vettel compirebbe lo stesso percorso realizzato pochi anni prima dal rivale Fernando Alonso.


TAGS: ferrari mclaren vettel f1