Lo shock della Haas russa: "Schumacher corre per Putin!"
F1 2021

"Schumacher corre per Putin!": polemiche per la livrea Haas


Avatar di Luca Manacorda , il 05/03/21

9 mesi fa - Sta facendo molto discutere la nuova livrea della Haas

Sta facendo molto discutere la nuova livrea della Haas, nella quale sono i colori della bandiera russa a farla da padrone

COLORI CHE FANNO DISCUTERE Una vettura americana che gareggia sfoggiando i colori della bandiera russa non poteva passare inosservata. La circostanza farebbe discutere in qualsiasi momento storico, ma assume ancora maggior peso quest'anno, nel quale gli atleti della Russia potranno partecipare ai Giochi olimpici solo come atleti neutrali, a causa dello scandalo del doping di stato emerso dopo le indagini sulle Olimpiadi di Sochi del 2014. Ed ecco che la nuova livrea della Haas, presentata ieri, ha scatenato subito un mare di polemiche: la presenza del tricolore russo infrange il divieto imposto lo scorso dicembre dalla Corte di Arbitrato dello Sport (CAS)?

FIA E HAAS CONCORDI Il team americano è convinto di non aver infranto alcun divieto, come ha spiegato Gunther Steiner nel corso di una conferenza stampa online organizzata a corredo della presentazione della livrea: ''Non abbiamo motivo di aggirare nulla. Abbiamo studiato quella livrea già lo scorso anno, prima che venisse fuori il divieto. Ovviamente non possiamo usare la bandiera russa come tale, ma si possono usare i colori sull'atuo. È l'atleta che non può esporre la bandiera russa, non la squadra. E la squadra è americana. Siamo sempre in contatto con la FIA su aspetti come questo, ovviamente, perché fa parte del lavoro e abbiamo lavorato con loro''. Ad aiutare la causa della Haas ci ha pensato anche il nuovo title sponsor, ovviamente russo, Uralkali. L'azienda ha presentato un nuovo logo - che guarda caso sfoggia i colori rosso, bianco e blu - in sostituzione del precedente di colore verde. In questo modo la Haas può difendersi dicendo che sta semplicemente mostrando le tinte del nuovo partner. Un portavoce della FIA ha confermato che il ban della bandiera russa e dell'inno non impedisce a un team di scegliere quei colori.

VEDI ANCHE



F1 2021, i primi render 3D della livrea 2021 della Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin F1 2021, i primi render 3D della livrea 2021 della Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin

LA WADA INDAGA Meno convinta delle giustificazioni esposte dalla Haas è la WADA, l'Agenzia Mondiale Antidoping che ha portato avanti la denuncia di doping di stato. Un suo portavoce ha dichiarato: ''La WADA è a conoscenza di questo problema e lo stiamo esaminando con le autorità competenti''. Ricordiamo che il divieto impedisce anche agli atleti di sfoggiare riferimenti alla Russia sull'abbigliamento e sull'attrezzatura. In caso di ipotetica (piuttosto impossibile dato il potenziale della Haas 2021) vittoria in un gran premio di Nikita Mazepin, il pilota russo non avrebbe la sua bandiera sopra al podio e non sentirebbe risuonare il suo inno, ma in questo caso con i colori del suo team porterebbe comunque i colori della sua nazione alla cerimonia.

LE REAZIONI Nel frattempo, la livrea della Haas sta facendo discutere anche al di fuori della F1. ''Shock bandiera! Mick Schumacher guida per Putin'' titola il quotidiano tedesco Bild. Dall'altro lato, il deputato russo Dmitry Svishchev ha dichiarato a Sport-Express: ''Se non è proibito, allora è permesso. Gli sport automobilistici vivono di sponsorizzazioni e contratti di marketing, penso che gli organizzatori di questa serie (la F1, ndr) siano interessati al fatto che la gara continui a svolgersi anche in Russia. Il buon senso trionfa sull'isteria anti-russa''. In mezzo a questo delirio, spicca il saggio commento proprio di Schumacher: ''Vedo solo i colori della squadra e, se sono questi, sono contento. La guiderei anche se fosse rosa. Finché è veloce e io guido bene, non mi dispiace''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 05/03/2021
Vedi anche
Logo MotorBox