Schumacher: l'incidente e la sfida del confronto con Magnussen
F1 2022

Schumacher soffre la pressione di Magnussen? "Ora ha un compagno che alza l'asticella"


Avatar Redazionale , il 29/03/22

1 mese fa - L'errore di Jeddah testimonia il momento difficile di Schumacher

L'errore di Schumacher nelle qualifiche del GP Arabia Saudita fa discutere: il tedesco soffre il confronto con Kevin Magnussen?

ERRORE SOTTO PRESSIONE - La “pressione” di stare al passo con Kevin Magnussen ha causato l’incidente ad alta velocità nelle qualifiche del GP di Arabia Saudita e la conseguente ospedalizzazione di Mick Schumacher. Il 23enne ha ammesso di aver semplicemente commesso un errore che gli è costato la partecipazione al gran premio, solamente una settimana dopo essere stato umiliato dal suo nuovo compagno di squadra alla gara d’apertura della stagione 2022. “Deve lavorare molto duramente per arrivare al livello di Magnussen, ha detto a Sport1 l’ex team boss di F1 Colin Kolles. Kevin è tornato dopo due anni senza guidare in Formula 1 ed è stato subito migliore. E non peggiorerà nemmeno, anzi migliorerà.”

F1 2022, GP Arabia Saudita: la Haas di Mick Schumacher dopo l'incidente F1 2022, GP Arabia Saudita: la Haas di Mick Schumacher dopo l'incidente

VEDI ANCHE



SI ALZA L’ASTICELLA - L’ex pilota Christian Danner è d’accordo, ammettendo di pensare che l’incidente di Schumacher sia “il risultato di una pressione che stava crescendo”. “Ora in Kevin Magnussen ha un compagno di squadra che gli mostra veramente quanto è alta l’asticella. La cosa grandiosa è che lui accetta la sfida”, ha detto. Tuttavia, Danner confessa che un grave incidente risultato in una ospedalizzazione è una grande battuta d’arresto per un giovane pilota. “Ma sarà ancora più interessante vedere come Mick affronta la sfida su come battere il suo compagno di squadra. Deve lavorare lentamente sulla sua ascesa perché Magnussen sta facendo davvero un buon lavoro”, ha dichiarato. Lo zio di Mick, Ralf Schumacher, è d’accordo sul fatto che il giovane abbia bisogno di “imparare da Magnussen come spingere al limite e perfino oltre”. “Ciò che è chiaro è che Magnussen è una sfida diversa rispetto a Mazepin. Ma è solamente il suo secondo anno in Formula 1, quindi sta imparando ancora molto”, ha detto a Sky Deutschland.

COLPITO NELL’ORGOGLIO - Ralf, tuttavia, è in disaccordo con Danner sulla questione che l’incidente di Gedda rappresenti una battuta d’arresto per suo nipote. “È sicuramente sembrato veramente drammatico”, ha detto Schumacher, “ma ogni pilota si lascia indietro incidenti come quello molto velocemente”. “È anche ovvio che lui sia in forma smagliante quindi non è stato grave per lui. È più un dolore nell’orgoglio perché era in un giro veloce e ha commesso un errore”. Certamente il problema è che mancando la gara di domenica, Schumacher è ora ad un gran premio completo di distanza da Magnussen e dal resto della griglia di F1. “È stato un errore con delle conseguenze molto forti, molto fastidiose, ma sicuramente la cosa più importante è che non gli sia accaduto nulla”, ha ribadito lo zio Ralf.


Pubblicato da Alex Ramazzotti, 29/03/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox