Pubblicato il 18/12/2019 ore 10:30

IL PARADOSSO DELL'ESORDIENTE Sul talento di George Russell ci sono pochi dubbi. La Mercedes si tiene stretta il suo gioiellino, mandato a maturare alla Williams. Il rookie ha inflitto un clamoroso 21-0 in qualifica a Robert Kubica, ma è stato anche l'unico pilota a non ottenere punti nella stagione 2019. Un piccolo neo strettamente legato alla scarsa competitività della FW42, che non ha però scalfito la fiducia nei propri mezzi del britannico.

IL CONFRONTO Russell è approdato in F1 dopo aver vinto negli ultimi due anni sia il campionato di GP3 sia quello di F2, sempre nella sua stagione da debuttante. Quest'anno, ha esordito nella massima serie insieme a Lando Norris e Alex Albon, due piloti che hanno ben impressionato nella loro prima annata "tra i grandi" ma sempre battuti da Russell nelle categorie inferiori: "Tutti, in Mercedes e in Williams, sanno che ho battuto Lando e Alex l'anno scorso - ha ricordato il pilota della Williams a MotorsportWeek - Sono sullo stesso percorso di Leclerc: lui ha vinto la GP3 e io anche, lui ha vinto la F2 e io anche ed entrambi nella nostra stagione d'esordio".

F1, GP Abu Dhabi 2019: George Russell (Williams)

NESSUNA INVIDIA Russell, costretto giocoforza ad assistere ai buoni risultati degli altri giovani, spiega perché non solo non prova invidia verso di loro ma, anzi, è pure contento che si mettano così in mostra: "Ora che Charles ha ottenuto più pole di tutti nel 2019 e che sta vincendo le sue prime gare, che Alex sta mostrando ciò di cui è capace e che Lando sta facendo un buon lavoro, io sono felice per loro. In realtà, voglio che facciano meglio, in quanto più fanno bene e meglio è per me". Il 21enne ha spiegato il suo ragionamento: "Quando arriverà il mio momento per negoziare, potrò dire: 'Bene, non sono stato davvero in grado di dimostrare cosa posso fare, ma l'ho fatto negli anni scorsi rispetto a questi ragazzi che stanno chiaramente facendo vedere cosa sono in grado di fare'. Se stessero facendo un brutto lavoro, probabilmente questo non darebbe lo stesso credito a quello che ho fatto in F2".


TAGS: f1 leclerc Russell