Pubblicato il 18/04/21

FATTORE IMPORTANTE In questo primo scorcio di stagione 2021 stiamo vedendo un maggior equilibrio tra le monoposto, con la Mercedes che sembra aver perso quel margine di sicurezza sugli avversari e l'Aston Martin, lo scorso anno spesso e volentieri terza forza in pista, indietreggiata fino a raggiungere con difficoltà la top10. Alla base di questo parziale rimescolamento delle carte ci sono le novità aerodinamiche introdotte per questo campionato, in un anno in cui le monoposto sono per il resto quasi identiche alle precedenti. A Imola è proseguita la battaglia tra favorevoli e contrari a questi cambiamenti.

ASTON MARTIN FURENTE, MERCEDES CAUTA A riaccendare il dibattito è stata ancora una volta l'Aston Martin, che già in Bahrain non aveva nascosto il proprio malcontento. Il team principal Otmar Szafnauer venerdì ha addirittura minacciato di intraprendere azioni legali contro la FIA, colpevoli di aver introdotto queste novità. Più tranquilla a riguardo è invece la Mercedes, come ha spiegato Toto Wolff ai microfoni di Sky Germania: ''È legittimo per l'Aston Martin chiedersi quale fosse la motivazione alla base del cambiamento delle regole. Penso che le misure fossero rivolte a noi e per l'Aston Martin ora il danno è collaterale. In quanto squadra pluricampione del mondo, non vogliamo lamentarci immediatamente di un cambiamento delle regole, ma è stato un chiaro svantaggio per le vetture progettato con un concetto di angolo rake basso. Come squadra abbiamo perso anche drammaticamente. Se poi considerate che Aston Martin è già un marchio grande e importante e improvvisamente non sono da nessuna parte, allora capisco da dove vengono le lamentele''.

F1 2021: Toto Wolff (Mercedes) e Chris Horner (Red Bull)

IL CONSIGLIO DI MARKO Nel corso del weekend del GP Emilia Romagna è arrivata la replica di Helmut Marko, consulente di quella Red Bull che dai nuovi regolamenti ha invece tratto vantaggio, essendo una vettura da sempre con un angolo rake molto spinto: ''Questa storia è completamente incomprensibile. Quando dominavamo, c'erano due o tre cambi di regole a stagione. Inoltre, anche Racing Point e Aston Martin hanno accettato queste modifiche, quindi non riesco affatto a capire l'argomento. Inoltre, loro hanno una seconda macchina Mercedes, quindi devono solo fare adattamenti simili a quelli della Mercedes. Potete vedere che anche un rake più piatto può avere successo''.


TAGS: aston martin red bull f1 helmut marko regole aerodinamiche