La nuova regola che penalizza Mercedes e Aston Martin
F1 2021

L'Aston Martin punta il dito contro le nuove regole: "Introdotte senza unanimità"


Avatar di Luca Manacorda , il 03/04/21

8 mesi fa - Mercedes e Aston Martin penalizzate dai nuovi regolamenti

Mercedes e Aston Martini sono penalizzate dai nuovi regolamenti, introdotti senza l'ok da parte di tutti i team

FATTORI DETERMINANTI Durante l'inverno si è parlato molto del fatto che le monoposto 2021 fossero giocoforza figlie di quelle viste in pista lo scorso anno, a causa di un regolamento tecnico che permetteva di utilizzare solo due gettoni di sviluppo per modificare determinate zone della vettura. Così, ad incidere maggiormente sui nuovi rapporti di forza sono state invece le novità imposte a tutte le squadre da alcune modifiche aerodinamiche introdotte dalla FIA. L'obiettivo della Federazione era quello di ridurre i livelli di carico aerodinamico in una percentuale stimata attorno al 10%, concentrandosi in particolare nella zona del fondo davanti alle ruote posteriori.

LA PREVISIONE DEL 2020 Queste modifiche sembrano aver penalizzato soprattutto le monoposto con un angolo di rake più basso (la differenza di altezza tra il posteriore e l'anteriore), ossia la Mercedes e l'Aston Martin, team che fin dallo scorso anno ha deciso di seguire in maniera clamorosamente evidente la filosofia delle vetture della scuderia campione del mondo delle ultime stagioni. Secondo Otmar Szafnauer, team principal della squadra di proprietà di Lawrence Stroll, tutto questo non è casuale: ''Non sono un teorico della cospirazione, ma è stato sottolineato l'anno scorso dai team con rake basso che ciò avrebbe avuto effetti maggiori rispetto alle squadre con rake alto - ha dichiarato a Motorsport.com - E avevamo ragione. A quel tempo, i regolamenti erano in fase di elaborazione e questo è stato sottolineato''.

VEDI ANCHE



F1, GP Bahrain 2021: Max Verstappen (Red Bull) F1, GP Bahrain 2021: Max Verstappen (Red Bull)

APPROVAZIONE FORZATA Tra le squadre che hanno seguito una filosofia opposta c'è la Red Bull, le cui monoposto disegnate da Adrian Newey sono sempre state caratterizzate da un rake molto accentuato (ben visibile nell'immagine qui sopra). E infatti la RB16B ha iniziato la stagione 2021 come la macchina da battere, anche se è sfuggita la vittoria nel GP Bahrain. Szafnauer ha proseguito la sua accusa ricordando come fu deciso di introdurre queste novità: ''Numero uno, non c'è mai stato un voto. Numero due, c'è stata solo una votazione indicativa. Quindi dipendeva solo dal gruppo di lavoro del comitato tecnico, al quale tutti i direttori tecnici dovevano dare un voto indicativo. Tre squadre hanno votato contro. Dovete tenere presente che solo due team hanno un concetto di rake basso (le già citate Aston Martin e Mercedes, ndr), quindi anche un team con rake alto ha votato contro. Perciò non si tratta neanche lontanamente dell'unanimità. E non sarebbe nemmeno passato con la regola dell'otto su dieci, perché tre hanno votato contro''.

PASSI INDIETRO Szafnauer ha concluso stilando un bilancio di quanto mostrato in pista dalla AMR21: ''In condizioni di gara siamo un po' più competitivi di quanto fossimo sul giro. Ma rispetto a dove eravamo solo pochi mesi fa, prima della modifica del regolamento, abbiamo molto lavoro da fare''. In Bahrain, la scuderia che lo scorso anno ha sfiorato il terzo posto nella classifica Costruttori ha raccolto solo un punto con Lance Stroll.


Pubblicato da Luca Manacorda, 03/04/2021
Vedi anche
Logo MotorBox