Pubblicato il 02/02/2020 ore 18:00

SEPARAZIONE DOLOROSA Lo scorso anno, Daniel Ricciardo si è definitivamente messo alle spalle una parentesi importante della sua carriera, chiudendo il rapporto con la Red Bull per passare alla Renault. La prima stagione dell'australiano con il team francese non è stata particolarmente soddisfacente, mentre il suo ex team ha portato a casa tre successi con Max Verstappen. La scuderia di Milton Keynes non nasconde però una certa nostalgia del simpatico australiano.

NOSTALGIA CANAGLIA Helmut Marko, colui che scova e gestisce i talenti della Red Bull e che in passato non ha risparmiato a Ricciardo alcune critiche per la sua decisione di andarsene, ha dichiarato a Motorsport-Magazin: ''L'atmosfera in squadra è buona ora, ma non così allegra da quando Ricciardo è partito. È uno dei piloti più veloci e, se necessario, riesce a trovare la giusta velocità molto rapidamente. Ma ci mancano anche le sue battute''.

ALBON CI PROVA Al posto di Ricciardo, dopo la fallimentare esperienza di Pierre Gasly, c'è ora Alex Albon, verso il quale Marko spende parole positive: ''Alex ha fatto molto bene. Si è unito al team senza mai provare la macchina ed è andato a punti in ogni gara, tranne in Brasile quando è stato colpito da Hamilton. È critico nei confronti di se stesso e sa cosa può migliorare. È molto positivo e speriamo che possa essere un buon compagno di squadra per Verstappen quest'anno''. L'olandese, a sua volta, ha recentemente sperato di poter tornare alle dinamiche degli anni in cui ha diviso il box con Ricciardo, non tanto per la simpatia garantita dall'australiano, ma in termini di seconda guida in grado di aiutare la squadra a inseguire risultati di prestigio. Albon, infatti, è ancora alla ricerca del suo primo podio in carriera.


TAGS: red bull f1 ricciardo verstappen Marko