Pubblicato il 10/10/20

COMBATTERE LA NOIA Il maltempo non ha permesso di disputare nemmeno un minuto delle prove libere del venerdì del GP Eifel, costringendo piloti, team e spettatori a un'estenuante attesa di un via libera per l'inizio dell'attività in pista che non è mai arrivato a causa della nebbia che ha circondato il Nurburgring. Impossibilitati a guidare, i protagonisti del Mondiale di F1 hanno ingannato l'attesa nei modi più svariati: Lewis Hamilton ha giocato con il suo cane Roscoe, Max Verstappen ha passato molto tempo sul pc portatile, altri come George Russell ed Esteban Ocon hanno pubblicato post sui social media e Nicholas Latifi ha servito caffè alla Williams. E poi c'è la coppia McLaren, che ha combinato un piccolo guaio.

F1, GP Eifel 2020: Nicholas Latifi (Williams)

DIRETTA CLANDESTINA Lando Norris e Carlos Sainz, infatti, hanno dato il via a una diretta sul canale Twitch del britannico nel corso delle - teoriche - PL2. Qualcuno ai piani alti della F1 se n'è accorto e non ha gradito, avvisando la McLaren che era il caso di interrompere lo streaming. Durante la diretta si sente dunque una persona entrare nello stanzino da dove i due piloti stanno trasmettendo e comunicare loro di interrompere tutto. Norris reagisce con uno stranito ''Cosa?!?'', mentre Sainz più diplomaticamente aggiunge verso la telecamere: ''Ok, penso sia ora di salutarci. Dobbiamo dire adios. Ci stanno sgridando!''.

LA CONCORRENZA ALLE TV Prima di interrompere la trasmissione, Norris fa ancora in tempo a dire: ''Andate e date la colpa alla F1, chattate!''. Non è la prima volta che il britannico trasmette in streaming durante un weekend di gara, mostrando spesso ai suoi fan degli interessanti retroscena del Circus. Probabilmente, questa volta il problema è emerso perché la sua diretta era contemporanea a una sessione in pista, per quanto solo virtuale a causa del maltempo. Le televisioni pagano ricchi contratti per trasmettere la F1 e la FOM è molto attenta a vietare trasmissioni parallele. Nel paddock, a noi giornalisti è ad esempio vietato effettuare qualsiasi ripresa video, pena il ritiro del prezioso pass. Anche Norris si è dovuto piegare alla dura legge delle tivù.


TAGS: sainz norris f1 Eifel GP 2020